Le ultime NOTIZIE dell'FC BARI CALCIO 1908

 

Le ultime news, le partite, i commenti, la classifica, i marcatori, i giocatori infortunati, le probabili formazioni, le pagelle. Tutte le info e le novità  provenienti dal San Nicola o dagli stadi dove l'SSC Bari calcio (prima as bari e FC Bari 1908) gioca in trasferta.

 

NOTIZIE SSC BARI CALCIO

 

bari fc 1908 facebook

 

22.11.19 - Calciomercato SSC Bari: Eramo, Ciciretti e Mazzeo sul taccuino
Come riportato da tuttocampo.it, il Bari potrebbe aver già abbozzato una lista della spesa in vista del mercato invernale. In mediana il primo nome potrebbe essere quello di Mirko Eramo, ex Bari ed attualmente titolare nell'Entella in Serie B. Spostando lo sguardo sulla trequarti, da Napoli potrebbero arrivare l'estro e la classe di Amato Ciciretti, ai margini del progetto tecnico di Carlo Ancelotti.

In attacco ad essere rimpiazzato sarà molto probabilmente El Loco Ferrari, su cui gravita l'interesse di diverse società di Serie C. Al suo posto fari puntati sull'esperienza di Fabio Mazzeo, ex Foggia ed attualmente poco utilizzato nel Livorno di Breda.
tuttobari.com




22.11.19 - Asse Napoli-Bari: chi potrebbe spostarsi in Puglia?
Napoli-Bari è un asse di mercato da tenere sempre in grande e logica considerazione. Già visionato in estate, con diversi calciatori aggregati al ritiro, per la sessione invernale di mercato il tema potrebbe anche ripresentarsi.

Quali potrebbero essere i profili in casa Napoli che potrebbero fare al caso del Bari? Il primo nome è quello delll’enfant prodige di casa azzurra Gianluca Gaetano: il fantasista classe 2000 è rimasto agli ordini di Ancelotti per volontà del tecnico che nel precampionato lo ha provato da centrocampista nel 4-4-2 di partenza dei partenopei. Il calciatore non ha collezionato minuti e, considerando che il suo ruolo naturale è quello di trequartista o seconda punta, un passaggio al Bari permetterebbe al calciatore di misurarsi un contesto molto stimolante ed al Bari di colmare un vuoto in un ruolo ad oggi scoperto.

Altro calciatore ai margini della rosa azzurra che potrebbe sposare la causa Bari è Amato Ciciretti. Questa ipotesi risulta essere più complessa ma dopo una stagione in chiaroscuro in Serie B e sei mesi fermo a Napoli, l’ex Benevento potrebbe trovare in Bari la piazza del rilancio. Caratteristiche tecniche? Tanto estro, tecnica sopraffina e duttilità tattica.

Tasto dolente, invece, quello della Primavera azzurra: penultima in campionato, la famigerata Scugnizzeria tanto bramata da Aurelio De Laurentiis fatica a sfornare calciatori e risultati. Dell’attuale organico azzurro il solo Zedadka, già in prima squadra qualche volta, potrebbe essere un comprimario a Bari ma data l’abbondanza biancorossa a centrocampo le possibilità di trovare profili appetibili per il Bari dalla Primavera del Napoli sono bassissime.
tuttobari.com

 

 

21.11.19 - LDL: voglio il San Nicola come un Luna Park
Questa mattina, il presidente Luigi De Laurentiis è intervenuto al Social Football Summit 2019, evento trasmesso sui canali ufficiali della società biancorossa.

A domanda sul brand del Bari, il numoro uno del club ha risposto così: "E' un progetto molto importante. Un anno e pochi mesi fa siamo arrivati in corsa e abbiamo trovato al volo delle risorse umane per costruire questo progetto molto ambizioso. Abbiamo creato un brand completamente nuovo che partiva dalle macerie, per una società fallita. Rappresenta una città intera. Abbiamo fatto tante operazioni con tanti sponsor locali e nazionali, e usando prima di tutto i social. Col nostro brand vogliamo rappresentare anche il territorio della Puglia. Vogliamo internazionalizzare il brand, facendo un sondaggio su quanti tifosi del Bari ci seguono dall'estero e creando in seguito delle academy in questi posti. Vogliamo aumentare sempre di più la forza del Bari".

Sul tema stadio: "E' un tema molto importante per un brand come il nostro: rappresenta i valori dello sport e della cultura. Il primo intervento è stato quello di brandizzare lo stadio con il nuovo logo e aumentare il livello di qualità. Abbiamo migliorato le hospitality e rimodernizzato uno stadio degli anni novanta. Abbiamo lanciato lo store ufficiale, stiamo lavorando sul museo ufficiale. Lo stadio deve essere vissuto sette giorni su sette. Stiamo pensando di creare la SSC Bari Sports Clinic. Il San Nicola non deve essere una cattedrale nel deserto. Anche lo sviluppo tecnologico è fondamentale. Lo stadio deve essere un Luna Park di contenuti per un tifoso".
tuttobari.com



21.11.19 - Sabato apre un nuovo SSC Bari Store, ecco le info!
Direttamente dal Social Football Summit 2019, evento trasmesso sui propri canali dalla società biancorossa, il Presidente Luigi De Laurentiis ha dato un'importante novità per tutti i tifosi biancorossi. Sabato, infatti, verrà aperto il secondo store ufficiale della SSC Bari, questa volta in centro città.
tuttobari.com

 

 

20.11.19 - San Nicola, dal Comune: "Restyling stadio. Riduzione spettatori, abbassamento campo..."
Tiene banco il caso San Nicola, con il nuovo petalo della copertura dell'Astronave volato via nel weekend. Il Corriere del Mezzogiorno riporta le posizioni degli assessori Petruzzelli e Galasso. Il primo: "Il progetto di medio periodo rimane quello di quantificare la spesa per la sostituzione di tutti i teli con moderne tecnologie, cosa che stanno studiando architetti legati allo studio di Renzo Piano. La successiva mossa, quella di provare a ragionare su un’ipotesi di più lungo periodo di restyling dello stadio".

Galasso invece rimarca: "Nei prossimi giorni perfezioneremo questo incarico che, anche per rispetto ai vincoli e copyright sulla struttura, non può che andare allo studio Piano. In base allo studio capiremo le possibilità che abbiamo di trasformazione di questo stadio che oramai ha bisogno di un aggiornamento di pensiero rispetto al passato. Verosimilmente subirà una riduzione di spettatori, una trasformazione degli impianti con una forte vocazione all’efficientamento energetico e l’abbassamento del campo, che permetterà di renderlo più stadio del calcio con la conseguente soppressione dello spazio delle piste di atletica e la realizzazione di ulteriori spalti nella parte bassa".
tuttobari.com



20.11.19 - Striscia utile, meglio solo Conte. L'atteggiamento: il Bari gioca e ragiona
I numeri confermano la bontà della marcia del Bari di Vivarini. La squadra, con l'avvento del nuovo tecnico, ha trovato nuove sicurezze. La Gazzetta del Mezzogiorno analizza il percorso. Tra i professionisti solo il Bari di Conte ha ottenuto una striscia di risultati utili più lunga (16, l'anno della promozione in A). Con Vivarini la media è di oltre due punti a gara.

Poi le scelte, dal cambio di modulo, alla coraggiosa decisione di panchinare anche elementi importanti come Costa e Scavone. L'atteggiamento è cambiato: ora il Bari si sforza di giocare e ragionare, anche in condizioni difficili di campo come quelle registrate a Pagani.
tuttobari.com

 

 

19.11.19 - Incredibile a Rieti: il club torna al vecchio proprietario e domenica scenderà in campo!
Ha del clamoroso quanto sta accadendo in queste ore a Rieti, che domenica scorsa ha perso a tavolino contro la Reggina. Secondo quanto riportato da rietilife.com il club laziale domani tornerà nelle mani nel vecchio proprietario Curci, che pare voglia garantire gli stipendi alla squadra e farla giocare già da domenica prossima contro l'Avellino. Non ci sarà nessun'altra vittoria a tavolino all'orizzonte.
tuttobari.com



19.11.19 - La classifica delle ultime dieci giornate: Bari secondo
Da quando Vincenzo Vivarini siede sulla panchina del Bari la musica è cambiata. I tentennamenti dell'era Cornacchini sono stati sostituiti da un ruolino di marcia fino ad ora avaro di sconfitte, frutto di un attacco in crescita e di una fase difensiva quasi impeccabile. In tal senso i numeri confermano: nella speciale classifica che conta solo le ultime 10 giornate il Bari è al secondo posto, distante 4 punti dall'encomiabile Reggina, e a pari merito col Monopoli. Meglio di tutte le altre, anche di Potenza e Ternana, che precedono ancora i biancorossi nella classifica generale.
tuttobari.com

 

 

 

17.11.19 - Girone C - Vittorie per Potenza e Cavese. Il Bari sempre quinto in classifica. Risultati e classifica
Nelle gare delle 17.30 della quindicesima giornata del Girone C di Serie C il Potenza batte all'ultimo istante la Vibonese per 1-0 grazie alla rete di Franca. Con questo risultato i lucani scavalcano nuovamente i biancorossi e si portano al quarto posto in classifica. Nell'altra gara la Cavese sbanca il campo della Viterbese grazie alla rete di Russotto e ottiene tre punti importantissimi nella corsa salvezza. Di seguito risultati e classifica.

Sabato 16 novembre ore 20:45

Monopoli-Bisceglie 2-1

Domenica 17 novembre ore 15

Casertana-Avellino 2-0

Paganese-Bari 0-1

Rende-Picerno 1-0

Rieti-Reggina 0-3 (a tavolino)

Sicula Leonzio-V.Francavilla 1-1

Domenica 17 novembre ore 16

Teramo-Ternana 1-1

Domenica 17 novembre ore 17:30

Potenza-Vibonese 1-0

Viterbese-Cavese 0-1

Domenica 17 novembre ore 20:45

Catanzaro-Catania

Classifica:

Reggina 37, Monopoli 31, Ternana, Potenza 30, Bari 29, Teramo 22, Viterbese, Catanzaro*, Casertana 21, Vibonese, Catania** 20, Virtus Francavilla 19, Cavese 17, Picerno, Paganese* 16, Avellino 14, Rieti 12, Bisceglie, Sicula Leonzio, Rende 10.

Una gara in meno*

Due gare in meno*
tuttobari.com



17.11.19 - Antenucci da sogno, Di Cesare è un muro. In ombra Terrani. Le pagelle dei biancorossi
Su un campo ai limiti della praticabilità, il Bari strappa tre punti fondamentali nella rincorsa ai primissimi posti della classifica. Paganese battuta 1-0 al Torre grazie al gran gol siglato nella ripresa dal solito Antenucci. Decimo risultato utile per i biancorossi che raggiungono quota 29.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 6 Inoperoso, non deve compiere gli straordinari;

BERRA 6.5 Spinge tantissimo e difende con estrema attenzione. In costante crescita rispetto ad un inizio di stagione opaco;

DI CESARE 7 Monumentale, vero capitano. Guida la difesa con la solita autorevolezza;

SABBIONE 6.5 A volte meno preciso del compagno di reparto ma altrettanto efficace nelle chiusure;

PERROTTA 6.5 Più bloccato rispetto a Berra ma dalle sue parti non si passa;

BIANCO 6.5 E’ il faro del gioco biancorosso. Rimedia un giallo nella prima frazione ma svolge le due fasi con grande diligenza;

SCHIAVONE 6 Quasi invisibile nei primi 45 minuti. Cresce nella ripresa, conferendo maggiore qualità alla manovra;

FOLORUNSHO 5.5 Partita dai due volti: sufficiente nella prima parte di gara. Poi finisce per perdere palloni velenosi;

TERRANI 5.5 Su un terreno così complicato, non riesce a mostrare le sue qualità tecniche. Esce per far spazio a Neglia;

SIMERI 6.5 Ad inizio secondo tempo si divora il gol dello 0-1. Si rifà al 70’ quando serve Antenucci con uno splendido assist;

ANTENUCCI 7.5 Sempre più decisivo. Di rara bellezza la mezza rovesciata con cui batte Baiocco e regala tre punti fondamentali alla sua squadra;

HAMLILI 6 Il campo non agevola le sue qualità ma cerca di mettere ordine in mediana;

NEGLIA 5.5 Si becca un giallo evitabile e, in almeno due circostanze, risulta poco incisivo dalle parti dell’area di casa;

FERRARI 5.5 Fa salire la squadra ma non mostra cattiveria quando si trova a tu per tu con Baiocco;

COSTA sv

VIVARINI 6.5 Conferma il 4-3-1-2 con qualche novità di formazione e vince meritatamente, nonostante le difficoltà legate al terreno di gioco. Sono dieci i risultati utili consecutivi del suo Bari con ventidue punti conquistati. Alla vigilia chiunque avrebbe firmato per un rendimento così roseo.
tuttobari.com

 

 

17.11.19 - Il Bari prende tre punti vitali a Pagani, la Reggina vince a tavolino a Rieti. Vetta ancora a -8. Risultati e classifica
Nelle gare delle 15.00 della quindicesima giornata del Girone C di Serie C il Bari raccoglie 3 punti fondamentali per il suo cammino sul campo impraticabile della Paganese padrone di casa. La Reggina vince a tavolino a Rieti, poiché l'allenatore dei laziali non aveva il patentino per allenare in Serie C, per cui le distanze dalla vetta restano inalterate. In coda da segnalare la vittoria del Rende sul Picerno per 1-0, il pareggio tra Sicula Leonzio e Francavilla per 1-1 e la sconfitta dell'Avellino contro la Casertana per 2-0- Di seguito risultati e classifica.

Sabato 16 novembre ore 20:45

Monopoli-Bisceglie 2-1

Domenica 17 novembre ore 15

Casertana-Avellino 2-0

Paganese-Bari 0-1

Rende-Picerno 1-0

Rieti-Reggina 0-3 (a tavolino)

Sicula Leonzio-V.Francavilla 1-1

Domenica 17 novembre ore 16

Teramo-Ternana

Domenica 17 novembre ore 17:30

Potenza-Vibonese

Viterbese-Cavese

Domenica 17 novembre ore 20:45

Catanzaro-Catania

Classifica:

Reggina 37, Monopoli 31, Ternana*, Bari 29, Potenza 27*, Viterbese*, Catanzaro*, Teramo*, Casertana 21, Vibonese*, Catania** 20, Virtus Francavilla 19, Picerno, Paganese* 16, Cavese*, Avellino 14, Rieti 12, Bisceglie, Sicula Leonzio, Rende 10.

Una gara in meno*

Due gare in meno*
tuttobari.com



17.11.19 - Rieti-Reggina non si è giocata. Vittoria a tavolino per la Reggina
La gara Rieti-Reggina non si è disputata come da programma poiché l'allenatore reatino Pezzotti non ha il patentino per allenare in Serie C. La gara è vinta ufficialmente a tavolino per 0-3 dagli amaranto.
tuttobari.com

 

 

16.11.19 - A Pagani per testare il carattere. Squadra che vince non si cambia. Vivarini, il caso Corazza e quello su Rieti-Reggina
La gara di domani contro la Paganese rappresenta un buon banco di prova per testare il carattere e la capacità di gestione della partita dei galletti di mister Vivarini. Lo stesso allenatore ha rimarcato più volte nella conferenza stampa odierna come ancora al suo Bari piaccia specchiarsi, ma per vincere partite come quelle di Pagani, è necessario chiudere il prima possibile i giochi e tirare fuori tutti gli attributi. La gara di Bisceglie è servita a rompere il ghiaccio con il nuovo modulo, il 4-3-1-2, che verrà riproposto anche con la Paganese.

Per quanto riguarda gli uomini che scenderanno in campo, il motto pare "squadra che vince non si cambia". Schiavone è piaciuto domenica scorsa da mezzala e verrà riproposto in quel ruolo. Hamlili ha accusato qualche problemino, ma risulta spesso essenziale e quindi giocherà, mentre Bianco avrà il suo posto in cabina di regia. Da trequartista, dovrebbe essere confermato Terrani, mentre l'unico dubbio è tra Costa e Perrotta nel ruolo di terzino sinistro. Importanti saranno anche i cambi nel corso della partita, che si prospetta molto maschia su un campo di gioco non in perfette condizioni, che potrebbero aggravarsi dalle condizioni climatiche sfavorevoli.

Vivarini ha voluto spegnere definitivamente la questione Corazza. Ha ribadito l'assoluta erroneità delle dichiarazioni sponda Reggio Calabria sulla sua presunta malignità verso il bomber della Reggina. Ma del resto la polemica è stata strumentalizzata, con toni anche troppo sprezzanti verso un allenatore che fin dal suo arrivo si è contraddistinto per la sua correttezza e sportività.

Sul caso Rieti-Reggina, infine, non ha voluto dare giudizi, del resto ogni parola in questo momento è inopportuna. Il Bari ha vinto per il rotto della cuffia sul campo di Rieti, mentre la capolista, non certamente per colpa sua, guadagnerà probabilmente tre punti... regalati. Dopo i casi Matera e Pro Piacenza, Ghirelli e Gravina dissero che non ci sarebbero più verificate queste situazioni. E siamo ancora a novembre...
tuttobari.com

 

 

16.11.19 - Bari, contro la Paganese Vivarini recupera una pedina fondamentale, ecco chi è
Buone notizie per il Bari in vista della trasferta campana contro la Paganese: il tecnico Vivarini ha pienamente recuperato la mezzala Scavone. L’ex Lecce, al rientro dopo un acciacco muscolare, è tornato oggi a lavorare in gruppo e domenica sarà tra i convocati: è uno degli elementi più esperti della rosa, prezioso per la linea mediana dei pugliesi. Tra gli indisponibili resta solo la punta D’Ursi, che prosegue un lavoro differenziato di recupero.
La squadra ha svolto oggi una seduta tattica nel San Nicola. Domani c'è la rifinitura (a porte chiuse) nell’impianto barese.
lagazzettadelmezzogiorno.it



16.11.19 - Castrovilli dalla Nazionale: "Giocavo per strada, si avvicinò un...
In azzurro dopo un inizio di stagione incredibile, Gaetano Castrovilli ha rilasciato alcune dichiarazioni ai social ufficiali della nazionale: "Il Minervino? Giocavo per strada, ad un certo punto si è avvicinato un osservatore e mi ha chiesto di giocare. Ho deciso di iscrivermi alla scuola calcio. I paragoni? Mi hanno paragonato a Kakà, mi ispiravo da piccolo a lui. Cerco di apprendere dai più bravi. Ero nei pulcini, stavo mollando, vedevo la mia famiglia in difficoltà, poi a Bari ho continuato il mio sogno. La danza? La prima volta a cinque anni: ho preso una copertina, l'ho messa a terra e ho iniziato a danzare. La maglia azzurra? La prima volta nell'Under 20, ho esordito facendo due gol con la Polonia".
tuttobari.com

 

 

15.11.19 - Calciomercato SSC Bari: le priorità: un difensore e un attaccante
Vivarini attende rinforzi. La Gazzetta del Mezzogiorno oggi inquadra le priorità del mercato. Stando al quotidiano, sarebbero state già fissate in due reparti: difesa e attacco. Nel primo caso si cerca un elemento più rapido di chi c'è già, quanto all'attaccante arriverebbe una punta capace di alternarsi con Simeri e Antenucci. Non è escluso pure l'arrivo di un laterale.
tuttobari.com



15.11.19 - Nel girone C del Bari tre squadre quasi quasi out per fallimento... ecco quali!
Ormai da diversi anni la situazione economica dei club calcistici italiani non è in buone condizioni. Recentemente in Serie C abbiamo assistito a società pesantemente penalizzate o addirittura fallite nel corso della stagione. Tutto ciò ha portato a falsare la disputa di interi tornei, ribaltando i risultati del campo e le classifiche.

Il nuovo regolamento, applicato per il campionato in corso, non sta però portando i frutti sperati. Tante squadre rischiano di non terminare la stagione tra stipendi non pagati e proprietà desiderose di vendere. Circostanza simile a quella degli anni passati, che ha portato al ritiro di Matera, Modena e Pro Piacenza oltre ad una miriade di sanzioni (ad esempio nel Girone C degli ultimi due anni ci sono stati ben 63 punti di penalizzazione).

Al momento tra le avversarie del Bari ci sono squadre in grave apprensione. Su tutti il Rieti, che potrebbe addirittura non scendere in campo per protesta nella sfida di domenica contro la Reggina. La compagine laziale, nonostante il recente passaggio di proprietà, è in totale confusione: calciatori e staff non pagati da luglio come le bollette e alcuni fornitori. La data clou è quella del 16 dicembre, entro la quale la società dovrà saldare tutti gli arretrati per non essere esclusa dal campionato. Da evidenziare però che in caso di due rinunce sul campo da parte dei giocatori, la squadra sarebbe automaticamente fuori prima del termine sopracitato.

Questo potrebbe portare ai primi ribaltamenti di classifica con alcune squadre che potrebbero ricevere dei punti persi sul campo come Potenza, Teramo e Viterbese. Infatti in caso di abbandono verrebbero assegnate tutte sconfitte a tavolino, incluse le gare già disputate.

Ad Avellino la situazione è controllata dal Tribunale giudiziario dopo il disimpegno della Sidigas (i proprietari) dovuto ai 97 milioni di debito (relativi non solo ai lupi ma all'intera azienda). I commissari hanno così portato avanti la costruzione della rosa e la gestione economica dell'intera società, gestendo oculatamente il minimo budget a disposizione (residuo in cassa e sponsorizzazioni). Per adesso nessuna regolarità ma il rischio è che i soldi possano terminare prima del termine del campionato. Occorre, dunque, trovare dei nuovi acquirenti per evitare complicazioni nei prossimi mesi. Il passaggio di proprietà potrà però avvenire solo con l'avallo dei proprietari, che fino ad ora non è arrivato dinanzi ad alcune offerte.

Le novità delle ultime settimane riguardano il Bisceglie con il presidente Canonico solo al comando. Tutta la dirigenza ha presentato le dimissioni. Lo stesso proprietario ha annunciato che questa sarà l'ultima stagione della squadra sotto la sua proprietà ma che terminerà regolarmente la stagione. Svolte in arrivo? Ci auguriamo di no ma il pericolo rimane sempre dietro l'angolo.
tuttobari.com

 

 

14.11.19 - Bari, sei partite per lanciare la rimonta: prima della sosta il calendario è in discesa
L'obiettivo fissato in testa è uno solo, ossia conquistare più punti possibili per accorciare il divario che separa i biancorossi dalla vetta della classifica. Il calendario, da qui a Natale, sorride alla formazione di Vincenzo Vivarini, che vuole continuare a credere nella promozione diretta. Restare agganciati ai primi posti permetterà poi di sfruttare il mercato per rinforzarsi e rilanciare lo sprint nella seconda parte del torneo.

Si comincia domenica prossima nella seconda trasferta consecutiva, contro quella Paganese già affrontata ad inizio stagione in Coppa Italia: allora i biancorossi dovettero soffrire parecchio per strappare il successo, trovare con semplicità i tre punti sarebbe un segno che metterebbe in mostra i passi avanti fatti dai galletti. Il ritorno fra le mura amiche avverrà solamente fra due settimane, contro quel Teramo in cui Vivarini ha scritto una delle pagine più importanti della sua carriera.  

La rincorsa dei biancorossi continuerà nel mese di dicembre, dove i galletti affronteranno quattro partite fondamentali per colmare il gap con la vetta della classifica. Le due trasferte con Rende e Casertana sono complicate ma non proibitive: i calabresi sono ultimi e fino ad ora hanno centrato un solo successo, mentre i campani, partiti con importanti ambizioni, faticano a trovare la giusta continuità per mantenere il contatto con la vetta.

Le due sfide al San Nicola saranno invece con Potenza e Sicula Leonzio. I primi sono l'autentica rivelazione del torneo, e contrariamente alle aspettative sono quarti in classifica ed iniziano a coltivare ambizioni importanti. Con i secondi, invece, si inaugurerà il girone di ritorno, nell'ultima partita prima della sosta natalizia. Gli uomini di Vivarini hanno l'obiettivo di arrivarci con il minor distacco possibile dalla vetta della classifica.
tuttobari.com



14.11.19 - Moggi a TuttoBari: "ADL alla lunga si proietterà sui biancorossi. Cessione Napoli? Ora non ci credo"
I risultati sportivi in questo inizio di stagione di Bari e Napoli non stanno certamente soddisfacendo appieno le grandi aspettative della famiglia De Laurentiis. Nelle ultime ore si è anche parlato di una possibile offerta di Al Thani per l'acquisto del club partenopeo. Per saperne di più abbiamo sentito Luciano Moggi. L'ex dirigente della Juventus, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, si è così espresso: "Secondo me sono solo voci. Il Napoli se lo tiene stretto De Laurentiis perchè è una creatura che ha portato avanti dalla C alla A. Poi questo al momento, dopo vediamo. Non credo nemmeno a questa proposta di Al Thani".

Nei giorni scorsi in Consiglio Federale si è parlato delle multiproprietà, un discorso che potrebbe semplificare la gestione delle due società targate De Laurentiis: "Bisognerebbe chiedere al presidente della Federazione ma è chiaro che il Bari è di proprietà De Laurentiis. Bisognerà vedere le norme ma le seconde squadre vengono proposte da tempo. In questo momento la hanno anche la Juventus con l'Under 23 e la Lazio con la Salernitana, ma non mi sembra che salga. Di certo la categoria deve essere inferiore rispetto alla prima squadra".

Per Moggi un eventuale incrocio tra Bari e Napoli in A non è così immediato. L'ex Juventus giudica a lungo termine l'investimento fatto sui biancorossi: "Bisogna vedere se arriva la B, per adesso non vedo le caratteristiche giuste. Il Bari non naviga nelle altissime posizioni di classifica. Nuovi investimenti a gennaio? Non sono un indovino. Non conosco la mentalità e le intenzioni di De Laurentiis. Bisogna vedere se vorrà lasciare a breve il Napoli e poi cercherà di portare avanti il Bari nel migliore dei modi, visto che lo ha comprato e ha interesse a farlo salire di categoria. Credo che alla lunga si proietterà sul Bari, immediatamente no".
tuttobari.com

 

 

13.11.19 - De Laurentiis vende il Napoli? E fissa il prezzo! E dopo solo SSC Bari?
Come riportato dall'edizione online di Gazzetta.it, ha del clamoroso la notizia che arriva dall'Inghilterra. Secondo l'edizione online del Daily Mail, la famiglia dello sceicco Al-Thani (che è il proprietario del Psg) sarebbe pronta a presentare un'offerta di 560 milioni di euro per acquistare il pacchetto azionario di maggioranza del calcio Napoli. Secondo il quotidiano, Aurelio De Laurentiis starebbe riflettendo sulla possibilità di chiudere l'operazione, soprattutto dopo i fatti accaduti nell'ultima settimana. La stessa famiglia Al-Thani che qualche mese fa si fece avanti per acquistare la Roma di Pallotta. Intanto, Aurelio De Laurentiis è a Los Angeles per impegni cinematografici. Rientrerà in Italia tra un paio di settimane. Soltanto allora si potrà avere un riscontro. Resta il fatto che fino ad oggi non ci sono mai stati segnali da parte della proprietà del Napoli di voler cedere il pacchetto azionario per non meno di 800 milioni.
gazzetta.it



13.11.19 - Multa al Bari, tifosi biancorossi a Bisceglie distruggevano la...
Nel pomeriggio sono state diramate le decisioni del Giudice Sportivo, al termine della quattordicesima giornata di Serie C. Per il Bari nulla da segnalare per quanto riguarda i calciatori, mentre la società biancorossa ha ricevuto una multa di 1000 euro: "perché propri sostenitori, in campo avverso, danneggiavano le telecamere di sorveglianza del settore dello stadio loro riservato (r.proc.fed., r.c.c., obbligo risarcimento danni, se richiesto)".
tuttobari.com

 

 

12.11.19 - Nuovo modulo, cosa cambia. Tra conferme e possibili novità...
La netta vittoria conquistata al Gustavo Ventura di Bisceglie ha riportato tranquillità in casa Bari. I pareggi contro Catania e soprattutto Vibonese avevano gettato nello sconforto una piazza che vedeva le dirette concorrenti scappare via, ma il derby contro il Bisceglie ha confermato l'ottimo lavoro svolto fino ad ora Vivarini, offrendo anche interessanti novità sul piano tattico. Difatti, ieri la squadra non è scesa in campo schierandosi con il canonico 3-5-2, bensì con il 4-3-1-2, modulo già utilizzato ad Empoli dal tecnico abruzzese e sul quale, a detta di quest'ultimo, la squadra stava lavorando da diverse settimane.

Il cambio di filosofia è stato piuttosto radicale: da uno schieramento attraverso il quale si cercava di sfruttare il più possibile ampiezza e corsie laterali si è passati ad uno che restringe il campo alla fascia centrale, cercando di favorire le combinazioni rapide tra gli uomini di maggiore qualità. In questo senso ieri ha interpretato il delicato ruolo di trequartista Giovanni Terrani, salito nelle gerarchie dopo il bel gol contro la Vibonese. La sua prestazione è stata positiva in fase offensiva, soprattutto nella capacità di smarcarsi per offrire una soluzione di passaggio in più ai centrocampisti. Ovviamente andrà testato in partite più probanti il suo impatto difensivo, quando probabilmente gli verrà richiesto di marcare con continuità il mediano avversario. Per questi motivi nel ruolo di trequartista le gerarchie sono tutt'altro che stabilite, e le candidature di giocatori fino ad poco utilizzati come Neglia e Floriano potrebbero tornare in auge.

Piccoli cambiamenti potrebbero verificarsi anche in altre zone del campo: a centrocampo Bianco da vertice basso sembra la soluzione migliore, mentre il ritorno di Zaccaria Hamlili ci ha ricordato quanto la sua importanza sia capitale in questo Bari. Discorso diverso va fatto per l'altra mezzala: i vari Scavone, Schiavone e Awua partono quasi alla pari, mentre Folorunsho - su cui il Napoli detentore del cartellino pare voglia puntare fortemente - non ha ancora convinto.

Il cambiamento più sostanziale è avvenuto, e probabilmente avverrà in maniera definitiva, nel reparto difensivo. Il passaggio dalla difesa a 3 alla difesa a 4 con il rientro di Filippo Costa (ieri non impegnato per acciacchi fisici) costringerà Vivarini a privarsi di uno dei tre difensori centrali fino ad ora sempre utilizzati. Il primo indiziato pare essere Marco Perrotta, che dovrà almeno inizialmente farsi da parte a vantaggio di Sabbione e capitan Di Cesare.

Questa nuova conformazione tattica potrà garantire al Bari di aumentare la propria mole di gioco, risultando magari meno solido, ma permettendo al reparto offensivo - che in termini di nomi è il punto forte di questo organico - di poter sprigionare gran parte del suo potenziale.
tuttobari.com

 

 

10.11.19 - Antenucci si prende il Bari, Bianco mette ordine. Positivo Perrotta a sinistra. Le pagelle
Il Bari risponde alle concorrenti e piega 3-0 il Bisceglie nella trasferta del Ventura. Nel primo tempo i biancorossi ipotecano la sfida grazie alla doppietta di Antenucci. Chiude il discorso Di Cesare con una precisa incornata sotto la traversa. Galletti quarti a quota 26: il distacco dalla capolista Reggina resta di otto lunghezze.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 6 Non deve compiere interventi rilevanti. Spettatore non pagante;

BERRA 6 Prestazione sufficiente. Sa quando affondare e quando è più giusto rimaner bloccato sull’out destro;

DI CESARE 7 Dalle sue parti non si passa. Imperioso il colpo di testa con cui batte Casadei e mette ko i nerazzurri;

SABBIONE 6.5 Attento a non concedere spazi alle punte di casa. Ingenuo nel finale quando rimedia un inutile cartellino giallo;

PERROTTA 6.5 La sua prima da terzino sinistro è positiva. Spinge e difende con ordine;

BIANCO 7 Quando non c’è, la sua assenza si fa sentire. Torna a dettare i tempi e a mettere ordine a metà campo. Imprescindibile nello scacchiere di Vivarini;

SCHIAVONE 6.5 Non replica l’opaca prestazione di domenica scorsa. Scaltro nel procurarsi il rigore dal quale scaturisce lo 0-1;

HAMLILI 6.5 Rappresenta un'altra pedina fondamentale. Pregevole l’assist con cui manda in porta Antenucci in occasione del raddoppio;

TERRANI 6 Cerca di impensierire la difesa biscegliese ma le sue sortite non risultano particolarmente fortunate;

SIMERI 6.5 Generoso. Spesso lontano dall’area di rigore avversaria, lotta su ogni palla svolgendo un lavoro incredibile per la squadra;

ANTENUCCI 7.5 Dal dischetto non sbaglia mai. Poi è spietato nel battere Casadei con un preciso piattone. E arriva a quota nove in campionato, undici in stagione;

FLORIANO 6 Entra sullo 0-3, e commette qualche errore in fase di appoggio. Deve crescere nel nuovo ruolo da trequartista;

CORSINELLI 6 Va a rimpinguare la mediana, dando maggiore solidità al reparto;

COSTA sv

FERRARI sv

AWUA sv

VIVARINI 6.5 Ottiene il nono risultato utile consecutivo e la quinta vittoria da quando siede sulla panchina biancorossa. Per la prima volta schiera i suoi con la difesa a quattro e la scelta si rivela vincente. Per avere ulteriori conferme, bisognerà attendere test più probanti, a cominciare dalla prossima trasferta a Pagani.
tuttobari.com

 

 

10.11.19 - Girone C - Ok Bari, Ternana e Catania. Vetta sempre a -8. Risultati e classifica
Nelle gare delle ore 17.30 della quattordicesima giornata del Girone C di Serie C vincono tutte le big. Vittorie interne, infatti, per il Catania e la Ternana, rispettivamente contro Sicula Leonzio e Paganese. In attesa del posticipo di domani sera tra Avellino e Potenza, i biancorossi si piazzano al quarto posto in classsifica, a -8 dalla Reggina capolista. Di seguito risultati e classifica.

Risultati:

Vibonese-Rieti 5-1

Cavese-Catanzaro 2-2

Monopoli-Viterbese 1-0

Picerno-Teramo 3-1

Reggina-Casertana 2-0

Virtus Francavilla-Rende 1-1

Bisceglie-Bari 0-3

Catania-Sicula Leonzio 2-1

Ternana-Paganese 2-0

Avellino-Potenza lunedì 11 Novembre ore 20.45

Classifica:

Reggina 34, Ternana 29, Monopoli 28, Bari 26, Potenza 24*, Viterbese 21, Catanzaro 21, Teramo 21, Vibonese, Catania 20*, Casertana 18, Virtus Francavilla 18, Picerno 16, Paganese 16*, Cavese 14, Avellino 14*, Rieti 12, Bisceglie 10, Sicula Leonzio 9, Rende 7.

Una gara in meno*
tuttobari.com

 

 

10.11.19 - Scarlato:"A Napoli hanno sbagliato i calciatori. ADL? Potrebbe spostare tutto a Bari"
Primo capitano dell’era De Laurentiis, Gennaro Scarlato fu uno dei protagonisti del primissimo Napoli che ripartì dalla Serie C. Intervenuto ai nostri microfoni, l’ex difensore si è così espresso: “Conosco bene la proprietà ed anche quando sono stato io il capitano successe un episodio simile a quello accaduto dopo la gara col Salisburgo. Il Presidente ci invitò ad andare in ritiro per rimettere le cose nel verso giusto: la squadra non era d’accordo ma dopo averlo comunicato a De Laurentiis rispettammo la sua scelta. In questo frangente credo che i calciatori del Napoli abbiano sbagliato perché se la proprietà ti invita a fare una cosa, anche se non si è d’accordo, si accetta e si va”.

Sulle prospettive future alla luce della proprietà di Napoli e Bari, Scarlato si è così espresso: “L’operazione fatta a Bari è stata magistrale, in pieno stile De Laurentiis perché la piazza barese equivale quasi a quella di Napoli, in dimensioni di poco inferiori. Pian piano la famiglia De Laurentiis porterà il Bari ai livelli che merita; per il futuro, invece, credo che se dovesse essere fatta una scelta il Presidente possa spostare tutto a Bari soprattutto se a Napoli dovessero persistere problemi legati a stadio ed organizzazione. Ciò che è certo, però, è che De Laurentiis ha fatto le fortune del Napoli e viceversa”.
tuttobari.com



10.11.19 - Probabili formazioni Bisceglie-Bari: torna il derby al "Ventura"
Cresce l'attesa per il derby tra Bisceglie e Bari che verrà disputato domenica 10 novembre al "Ventura" e che mancava dal 2011, quando terminò 2-1 per i galletti che andarono a segno due volte con Caputo dal dischetto, mentre per gli stellati realizzò Moscelli.

QUI BISCEGLIE - Situazione tuttt'altro che semplice in casa nerazzurra. Il desiderio di dare un segnale importante alla piazza si sposa perfettamente con la necessità di smuovere la classifica e tornare a fare punti per allontanarsi dalla zona calda della classifica. Pochesci non dovrebbe variare molto modulo e uomini in vista di una partita così importante: quasi certamente giocherà col 3-5-2 (che diventerà 5-3-2 nelle azioni offensive del Bari) con Hristov e Piccinni confermati, mentre a destra si giocheranno una maglia Zigrossi e Turi. A centrocampo, vista la probabile assenza di Abonckelet, dovrebbero giocare Cardamone, Rafetrainaina, Zibert, Diallo e Ferrante, che dovrebbe essere preferito a Mastrippolito. Davanti accanto al confermatissimo Gatto, Manicone e Montero si giocano una maglia con Ebagua pronto a subentrare.

QUI BARI - I galletti, dopo i due pareggi con Catania e Vibonese, devono rimettersi in marcia per continuare l'inseguimento alla capolista Reggina, ora a +8.  Vivarin recupera Hamlili e Bianco, mentre dopo aver svolto lavoro differenziato in settimana non ci saranno Scavone e D'Ursi, ex di turno che non ha ancora recuperato dal problema all'adduttore. Il tecnico biancorosso dovrebbe schierare i suoi col 3-5-2, confermando grosso modo l'undici sceso in campo domenica scorsa al "San Nicola". Unico dubbie a centrocampo tra Schiavone e Bianco, con quest'ultimo favorito per la maglia da titolare

Bisceglie (3-5-2): Casadei; Turi, Hristov, Piccinni; Cardamone, Rafetrainaina, Ferrante, Zibert, Diallo; Gatto, Montero. Allenatore: Pochesci.

Bari (3-5-2): Frattali; Sabbione, Di Cesare, Perrotta; Berra, Hamlili, Bianco, Awua, Costa; Antenucci, Simeri. Allenatore: Vivarini.
tuttobari.com

 

 

08.11.19 - Calciomercato Bari, De Laurentiis vuole subito la B: promessi 5 colpi a Vivarini
La missione affidata dalla dirigenza del Bari a mister Vivarini è una e sola: cercare di fare più punti possibili fino a gennaio per poi rafforzare la rosa biancorossa durante la finestra invernale di calciomercato, in vista della volata finale che mette in palio la promozione in Serie B.
De Laurentiis Bari
De Laurentiis (Getty Images)

A Napoli la famiglia De Laurentiis deve fare i conti con una situazione che sta diventando sempre più turbolenta, ma anche quella barese è una piazza esigente. La città vuole tornare ai fasti di un tempo dopo il fallimento di un anno e mezzo fa e la dirigenza vuole fare le cose in grande per accontentare i propri tifosi. A Vivarini sono stati promessi ben quattro o cinque colpi alla riapertura del mercato, si interverrà in più zone del campo: nel mirino ci sono un difensore centrale e un mancino, un centrocampista e una prima punta, che dovrebbero permettere il salto di qualità sferrando il decisivo assalto alla vetta, attualmente occupata dalla Reggina.

Intanto le prime risposte però dovranno arrivare dal campo. Il pareggio rimediato nell’ultimo turno di campionato contro la Vibonese ha lasciato più di un rammarico nello spogliatoio dei “Galletti”, visto che il calendario presentava un turno agevole rispetto alle dirette concorrenti. Ora sono 8 i punti di distanza dalla capolista Reggina, il derby in programma domenica sul campo del Bisceglie rappresenta però una ghiotta occasione per riprendere il proprio cammino in campionato. Vivarini è ancora imbattuto dal suo arrivo sulla panchina biancorossa, ma ora è tempo di accelerare e inanellare successi consecutivi. Soprattutto in vista di gennaio.
seriebnews.com



08.11.19 - De Laurentiis, è il momento di lasciare il Napoli e concentrarsi sul Bari?
Da un anno e mezzo proprietari del Bari, i De Laurentiis hanno dato in più occasioni il segnale di voler investire in modo incisivo sulla piazza pugliese. Un mercato da dieci milioni durante la sessione estiva di mercato ha voluto rilanciare i galletti verso la diretta promozione in Serie C. I biancorossi sembrano essere tornati in corsa con l’arrivo di Vivarini e sembrano, a detta di molti, poter competere con la Reggina. De Laurentiis in rotta con Napoli è pronto a concentrare la sua forza economica in un’altra grande piazza meridionale.

È l’estate del 2018 quando Aurelio De Laurentiis annuncia di diventare patron del Bari, dopo il fallimento della gestione Giancaspro, promettendo di rilanciare la piazza pugliese a partire dalla Serie D. Suo figlio Luigi, presidente dei galletti, è diventato soggetto in primo piano nel progetto biancorosso, mostrando di voler costruire un progetto serio e a lungo termine. E così è stato: promozione in Serie C al primo colpo e successivo dispendioso mercato, con un investimento di ben dieci milioni. Il Bari è costruita con elementi di qualità superiore alla categoria, forti di importanti precedenti in Serie B e Serie A. La Reggina è distante 8 punti, ma molti addetti ai lavori vedono i biancorossi come favoriti.
Perché è il momento di lasciare il Napoli?

Il caos che sta vivendo il Napoli in queste ore è l’ennesima conferma della rottura tra i De Laurentiis e l’ambiente partenopeo, compresi giocatori e allenatore. L’ammutinamento successivo al pareggio in Champions contro il Salisburgo, è stato un vero e proprio affronto nei confronti della dirigenza azzurra, che non è nuova a queste situazioni. Le difficoltà per il San Paolo e il nuovo stadio, insieme ai rapporti incrinati con il sindaco De Magistris, non hanno mai portato il proprietario della Filmauro a realizzare il progetto tanto agognato. Spesso contestato dalla piazza, forse per ADL è arrivato il momento di lasciare il Napoli; e, forse, proprio in quest’ottica un anno e mezzo fa ha scelto di acquistare il Bari.
de laurentiis

Bari, la piazza giusta in cui investire
Sarebbero molteplici i motivi per cui De Laurentiis potrebbe scegliere di concentrare tutte le sue energie economiche in una piazza come Bari. Il primo, è il fatto che vi sia un progetto già ben avviato, con un roseo futuro davanti. La rosa costruita è già competitiva per la promozione in Serie B, e necessiterebbe solo di essere puntellata a gennaio. Inoltre, in una piazza appassionata e calorosa come Bari, per l’attuale presidente del Napoli sarebbe una grande soddisfazione riportare i biancorossi ad alti livelli.

Non deve peraltro essere trascurata gli ottimi rapporti con il sindaco pugliese Antonio Decaro, il quale ha personalmente scelto la famiglia De Laurentiis per far ripartire i galletti e che crede fortemente nel progetto. Il primo cittadino barese ha da poco concesso la licenza quinquennale per lo stadio San Nicola alla società biancorossa, dando il segnale di voler lavorare insieme a un progetto di ampie vedute. A Bari, De Laurentiis avrebbe la possibilità di realizzare quel sogno sportivo ambito a Napoli, a trecentosessanta gradi.
de laurentiis

Biancorossi in crescita
Si poteva prevedere? Questa è la domanda che gran parte dei tifosi e degli addetti ai lavori si pongono di fronte alla debacle di Cornacchini sulla panchina biancorossa. Forse era possibile intuire in anticipo il fatto che l’ex mister del Gubbio non fosse adatto alla categoria, e quindi optare per un’altra scelta. I punti persi per strada nella gestione tecnica precedente incidono e incideranno più di quanto si possa pensare lungo il cammino biancorosso in Serie C. Ora con Vivarini, però, è tutta un’altra musica.
tuttobari.com

 

 

08.11.19 - Nucera (Sky): "Mi dicono che il Bari farà un mercato importante"
Antonio Nucera, storico giornalista e cronista sportivo di Sky, ha parlato del Girone C di Serie C ai microfoni di Buongiorno Reggina: "La Reggina è stata costruita con i parametri giusti ed elementi di categoria, fermo restando che il cammino rimane complicato proprio per la presenza di grandi squadre nel girone. Fino alla sosta di Natale è importante arrivarci con questo vantaggio acquisito e poi si vedrà - si legge su citynow.it - nel mese di gennaio le squadre interverranno sul mercato e mi dicono che sicuramente Bari e Ternana lo faranno in maniera importante".
tuttobari.com



08.11.19 - Bisceglie-Bari, settore ospiti subito sold-out, ma è possibile ancora acquistare il ticket per...
Sono già terminati i 539 biglietti relativi al settore ospiti dello stadio 'Gustavo Ventura' per poter assistere al derby tra Bisceglie e Bari. La vendita iniziata alle 10 di questa mattina si è conclusa nel giro di pochissime ore. I tifosi biancorossi interessati potranno però acquistare i tagliandi per gli altri settori presso i punti vendita autorizzati Vivaticket.
tuttobari.com

 

 

07.11.19 - Le verità di Grosso: "Bari e Verona? Discorso lungo. Ho parlato poco, le critiche non oneste mi scivolano..."
Conferenza stampa di presentazione di Fabio Grosso oggi a Brescia. L'ex allenatore biancorosso è tornato sulle ultime avventure in panchina e gli insuccessi in B: "È un discorso molto lungo. Ho parlato poco, chi sa analizzare in maniera onesta è in grado di capire. Si possono scoprire tante cose che sono state dette. Poi dipende sempre dall'obiettivo, dopo quattro anni sono arrivato in un momento difficile. Se ricordo bene a due giornate dalla fine eravamo ancora in corsa per i playoff, le cose si possono vedere da varie angolazioni. Con grande onestà mi sono sempre distaccato e mi sono messo sempre in discussione, è importante per migliorare. So di essere al centro di considerazioni e critiche: quelle fatte con onestà me le prendo, le altre mi scivolano", riporta tuttomercatoweb.
tuttobari.com



07.11.19 - Verso Bisceglie - Ebagua, Turi e D'Ursi: gli ex del derby
Domenica andrà di scena il terzo dei derby pugliesi per i biancorossi. Dopo la sconfitta di Francavilla e il pareggio col Monopoli, il Bari vuole finalmente portare a casa i tre punti, anche per rimanere attaccato al treno Reggina. D'altra parte il Bisceglie vuole regalare la prima gioia stagionale ai propri supporters, visto lo score interno deficitario che recita tre pareggi e tre sconfitte, il peggiore dell'intero girone. Per vincere mister Pochesci cercherà di tirar fuori lo spirito di rivalsa da due ex Bari, ora in nerazzurrostellato: Nicola Turi e Giulio Ebagua.

Turi è un ex recentissimo: fino a maggio ha difeso i colori biancorossi nel Girone I di Serie D. Arrivato da svincolato agli inizi di ottobre, ha disputato in totale 14 presenze, miste tra un buon girone d'andata e un girone di ritorno spesso in tribuna. Ma il vero onore per Turi è stato essere sia il primo barese della storia del nuovo Bari, sia l'unico calciatore del settore giovanile biancorosso della vecchia era a tornare a casa. Insieme a Brienza, Di Cesare e Bianco è anche tra i pochi giocatori ad aver vestito la maglia biancorossa prima e dopo il fallimento. Dunque il suo nome rimarrà indelebile nella storia del (nuovo) Bari.

Ebagua è stato un galletto nella seconda parte di stagione 2014/15. Arrivato a gennaio dallo Spezia, il nigeriano ha giocato 16 partite realizzando 2 reti, entrambe nella gara con il Frosinone vinta per 4-0. Tante le aspettative per Ebagua al suo arrivo, che non furono però ripagate. A sua discolpa una stagione molto deludente per tutti i suoi compagni. Partito con grandi ambizioni e guidato da Devis Mangia, il Bari poi concluse il suo campionato al decimo posto con mister Davide Nicola. Ebagua fu poi venduto al Como prima di passare al Vicenza, con cui segnò contro i biancorossi nel febbraio 2017, in un Bari-Vicenza finito 2-1 per i pugliesi.

C'è anche un ex Bisceglie in casa biancorossa. Si tratta di Eugenio D'Ursi: 13 presenze e 7 reti nella seconda parte di stagione 2017/18. L'esterno però sarà assente visto il prolungarsi del suo infortunio.
tuttobari.com

 

 

06.11.19 - Multiproprietà società di calcio come per De Laurentiis e Lotito, le ultimissime
Il presidente della Figc Gravina è tornato oggi sul tema della multiproprietà, che riguarda fra gli altri i De Laurentiis con il doppio impegno fra Napoli e Bari. Al termine del consiglio federale odierno, il massimo dirigente ha dichiarato a salernogranata: "Per ora non ne abbiamo parlato. Ma ne avremo modo di parlarne. Al riguardo, ci sarà un tavolo su questo perché l’argomento è delicato e richiede comunque una riflessione politica ad ampio raggio”.
tuttobari.com



06.11.19 - Di Antenucci la migliore media-gol degli ultimi dieci anni. Barreto il re, già superato (fin qui) dall’ex Spal
È ormai risaputo come l’uomo simbolo di questo Bari sia il centravanti Mirco Antenucci. L’ex SPAL, sceso fin dalla serie A per sposare il progetto biancorosso, ha già segnato 9 reti con la sua nuova maglia. Con una doppietta in Coppa Italia di serie C e ben 7 gol timbrati in campionato è, fino a questo momento, il miglior realizzatore tra i galletti. Sigilli che gli hanno permesso, inoltre, di piazzarsi al terzo posto nella classifica generale dei cannonieri del girone C.

Eppure, tra i tifosi baresi c’è chi si aspetta ancora di più. Lo stesso Antenucci, conscio del suo pesante curriculum, non si accontenta certamente del suo rendimento, anzi vorrebbe spingere con maggior vigore il piede sull’acceleratore. Tuttavia, anche le statistiche sono dalla parte della punta molisana. Dando uno sguardo, infatti, alla media-gol raggiunta dai recenti bomber biancorossi negli ultimi dieci anni, Antenucci risulta essere ancora primo in questa speciale classifica con i suoi 7 centri realizzati in 12 match. Un rendimento da 0,58 gol a partita, certamente da contestualizzare alla serie C, ma che si mostra già superiore alle medie dei vari Galano (0,44 nel 2017/18), Maniero (0,36 nel 2015/16) e Caputo (0,47 nel 2012/13).

Per trovare, invece, un punteggio migliore di quello Antenucci bisognerebbe scomodare il Barreto d’oro dell’ultima promozione in serie A. Il carioca, autore di ben 23 gol con mister Conte in panchina, concluse la sua stagione con una media-gol da urlo di 0,72. Ma anche in questo caso, c’è un dato che può far ben sperare il classe '84. Se si valuta, infatti, il cammino di Barreto fino alla tredicesima giornata, ovvero lo stesso momento storico del Bari attuale, il brasiliano aveva collezionato in serie B appena 5 gol. Un bottino comunque inferiore, dunque, a quello dell’ex SPAL, già avanti di 2 lunghezze. Anche le reti giunte su calcio di rigore sono pressoché identiche tra i due bomber: 3 per Barreto, 4 per Antenucci.

Insomma, sarà pur vero che l’incisività dell’attaccante principe del Bari non si sia ancora vista del tutto. Ma il precedente fulgido di Barreto insegna. I veri bomber assomigliano al diesel: vengono fuori alla distanza e danno il loro meglio nei momenti cruciali, proprio quelli che possono decidere un’intera stagione.
tuttobari.com

 

 

05.11.19 - Bellomo segna, fa il trenino e scoppia la rissa. Il Presidente del Potenza: "In casa mia nessuno deve permettersi di fare il fenomeno"
Grandi polemiche al termine della vittoria della capolista Reggina sul Potenza. Al gol del 3-0 di Bellomo, è scoppiata una rissa tra i calabresi e i lucani causata dall'eccessiva esultanza dell'ex Bari, che ha festeggiato la marcatura con il famoso trenino. Nel parapiglia sono volate parole pesanti, a detta del Presidente del Potenza Caiata, che hanno portato all'espulsione di Bellomo e di Emerson.

In sala stampa lo stesso Caiata a rinfrancato la dose, come riporta Tuttoreggina.com: "Ci sono state una serie di indecisioni arbitrali che hanno inficiato sul risultato, c'era un rigore per noi, c'erano cartellini gialli per loro, ci hanno tolto l'allenatore, cose mai viste. Nel secondo tempo non si è mai giocato. Se c'è una squadra più forte io applaudo e stop, ma in casa mia nessuno deve permettersi di fare il fenomeno. Bellomo? Può esultare come vuole. Un altro giocatore mi ha offeso e non è stato neanche ammonito. La Reggina è una grande squadra, ma queste cose inficiano la loro prestazione. E' stato uno spettacolo indecente, chi vince non ha diritto di offendere chi perde. Perdere e essere offesi, dopo aver trattato gli avversari da signori, mi fa davvero arrabbiare".
tuttobari.com



05.11.19 - Quando dieci milioni sul mercato non bastano. Quanti errori fin qui ma si può risalire la china
Considerare il Bari la squadra da battere nel girone C era più che lecito ad inizio torneo. Gli onerosi acquisti messi in atto e i lauti ingaggi elargiti dalla famiglia De Laurentiis fin qui non sono bastati. Il campo sta ribaltando le previsioni con la Reggina vera protagonista del raggruppamento meridionale. Gli errori restano a monte. Per avere la meglio in un girone complicato e ultra competitivo, evidentemente non bastano solo 10 milioni di euro.

In primis occorre un progetto tecnico-tattico: in funzione di quale modulo è stato costruito il nuovo Bari? In sede di preparazione estiva i biancorossi avevano come schemi di riferimento il 4-3-3 ed il 4-2-3-1, abbandonati alle prime difficoltà in favore di un 3-5-2 che penalizza esterni dalle grandi qualità come D’Ursi (miglior ala dello scorso torneo di C), Floriano e Neglia. La conferma di Giovanni Cornacchini, forse più per riconoscenza che per meriti sportivi (vanta buoni campionati di D ma svariati esoneri in C), rappresenta il primo grande errore di cui si è macchiato il club in questa stagione. La maggioranza di addetti ai lavori e tifosi avevano molti dubbi circa la permanenza del tecnico di Fano.

Anche la preparazione atletica non è sembrata all’altezza. Scala ed il suo entourage hanno rimediato in corsa affidando la panchina a Vincenzo Vivarini che, dopo un ottimo inizio, nelle ultime gare sta riscontrando delle evidenti difficoltà. L'ex Ascoli non può di certo fare miracoli. Otto risultati utili rappresentano un ottimo bottino ma il Bari, fatta eccezione per le gare con Ternana e Cavese, non è mai stato in grado di dominare il campo e di mettere sotto l’avversario. Anche quando sono arrivati i tre punti.

Gli errori, anche in fase di costruzione della squadra, sono sotto gli occhi di tutti. Rimediare si può, sin da subito ma non c’è molto tempo per invertire la rotta. A gennaio occorreranno interventi mirati per regalare alla formazione biancorossa quel quid in più per risalire la china. L'unica certezza è che in questo momento il Bari non può essere considerata la corazzata ammazza-campionato.
tuttobari.com

 

 

03.11.19 - Terrani dà la scossa, Di Cesare in difficoltà. Male Schiavone. Le pagelle dei biancorossi
Il Bari non va oltre il 2-2 con la Vibonese, protagonista al San Nicola di un’autorevole prestazione. Biancorossi sottotono in un match dove i calabresi nel finale avrebbero potuto anche ottenere i tre punti. Con il pari odierno Simeri e compagni raggiungono quota 23 punti, al quinto posto in classifica.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 5.5 Nel primo tempo salva i suoi ma è insicuro e poco reattivo in occasione dell’1-1 calabrese;

DI CESARE 5 In entrambi i gol ospiti, si fa superare come un birillo. Approssimativo anche in fase di impostazione;

SABBIONE 5 In coabitazione con Di Cesare, lascia Emmausso libero di involarsi verso la porta di Frattali in occasione del secondo gol. Preso in velocità, va in difficoltà;

PERROTTA 5.5 Leggermente meglio rispetto ai due compagni di reparto ma anche lui non convince pienamente;

BERRA 6 Più propositivo del solito ma ha da lavorare sull’out destro anche in fase di non possesso;

FOLORUNSHO 5.5 Prova sufficiente nei primi 45 minuti dove alterna cose buone ad altre meno buone. Cala nella ripresa;

SCHIAVONE 5 Un’infinità di errori in cabina di regia. Non fa da filtro e fa rimpiangere e non poco Bianco;

AWUA 5.5 Meno qualitativo rispetto al solito ma i compagni di reparto non lo agevolano;

COSTA 6 Prova a rendersi pericoloso con le sue scorribande. Esce stremato per far posto a Corsinelli;

ANTENUCCI 6 Segna d’astuzia la sua settima rete in campionato. Spesso pero’ risulta lento e prevedibile nelle giocate;

SIMERI 5.5 Partita di sacrificio ma pecca di precisione. Clamoroso l’errore con cui avrebbe portato i suoi sul 2-0;

TERRANI 7 Entra e dà la scossa ai suoi. Pregevole il pallonetto con cui batte Greco e ristabilisce la parità;

CORSINELLI 6.5 Tanta corsa sulla corsia sinistra. E’ suo il lancio con cui serve Terrani per il 2-2;

FLORIANO 5.5 Come a Catania, subentra ma sbaglia troppi passaggi, anche piuttosto semplici;

NEGLIA 6

KUPISZ sv

VIVARINI 5.5 Il suo Bari non gira come dovrebbe. Poca propensione al palleggio e tanta confusione e sofferenza al cospetto dell’undicesima della classe. Indovina il cambio Terrani-Folorunsho ma restano i due punti persi.
tuttobari.com



03.11.19 - Si ferma il Bari, il Monopoli vince ed è terzo. Reggina, chance per la fuga: risultati e classifica
Si ferma nuovamente il Bari, che rischia di perdere ulteriore contatto dalla cima della classifica. L'attenzione ora sarà sullo scontro diretto fra Reggina e Potenza: vincendo i calabresi potrebbero portarsi a +8 sui biancorossi. Pesante successo del Monopoli, che si porta in terza posizione; vince anche la Ternana, mentre la gara fra Paganese e Catania è stata rinviata per maltempo.

Risultati:

Bari-Vibonese 2-2

Paganese-Catania Rinviata per maltempo

Rende-Monopoli 1-2

Rieti-Virtus Francavilla 1-1

Sicula Leonzio-Cavese 3-1

Ternana-Picerno 2-1

Casertana-Viterbese Ore 17:30

Potenza-Reggina Ore 17:30

Teramo-Bisceglie Ore 17:30

Classifica:

Reggina 28*, Ternana 26, Monopoli 25 Potenza 24*, Bari 22, Viterbese 20*, Catanzato 20, Teramo 18*, Vibonese 17, Virtus Francavilla 17, Catania 17*, Casertana 17*, Paganese 16*, Avellino 14, Picerno 13, Cavese 13, Rieti 12, Bisceglie 10*, Sicula Leonzio 9, Rende 6.
tuttobari.com

 

 

03.11.19 - Probabili formazioni di Bari-Vibonese - Dubbi a centrocampo per Vivarini
Mirino puntato sulla sfida con la Vibonese. Il Bari si mister Vivarini cerca di cogliere il quarto successo consecutivo tra le mura amiche: dopo aver battuto nell’ordine Cavese, Ternana e Catanzaro, ora è arrivato il turno dei calabresi che nell’ultimo turno ha fermato la Ternana tra le mura amiche. 16 punti per gli uomini di mister Modica, che sino a questo momento raccolto quattro vittorie, quattro pareggi e altrettante sconfitte.

Nelle ultime cinque partite hanno sconfitto il Catania nel roboante 5-0 che poi ha causato l’esonero di Camplone e battuto la Casertana per 3-1, nel mezzo la debacle di Francavilla Fontana con la Virtus per 6-2. 4-3-3 per i calabresi che si affidano in avanti al trio Emausso-Bubas-Berardi e dietro contano l’ex Errico Altobello. Qualche acciaccato, invece, per mister Vivarini: lavoro personalizzato per D'Ursi e Hamlili, palestra e fisioterapia per Bianco e Scavone per affaticamento muscolare. Gli unici certi di un posto a centrocampo sono Schiavone e Awua, che verranno affiancati da uno tra Bianco e Scavone in via di recupero. Per il resto non dovrebbe cambiare nulla in vista di domenica: la difesa non dovrebbe esser toccata, esattamente come gli esterni e il reparto d’attacco
tuttobari.com

 

 

31.10.19 - Karel Zeman: "De Laurentiis pur di vincere trasferirebbe mezzo Napoli a Bari"
Secondo Karel Zeman, figlio del più famoso Zdenek Zeman e allenatore ex Reggina e Gela, è il Bari la squadra da temere per gli amaranto nella corsa alla promozione: "In questo momento la Reggina è la favorita e lo dice anche la classifica. Ci sono tante squadre che hanno speso tanto per vincere, forse la Reggina ha addirittura esagerato viste le due squadre che ha e che potrebbero vincere. Io temerei il Bari, ha un presidente che conosciamo e che, pur di vincere, a gennaio potrebbe trasferire mezzo Napoli a Bari", si legge su reggionelpallone.it.
tuttobari.com

 


31.10.19 - Che fine ha fatto Pedro Kamata? Ecco dove gioca a 38 anni
Arriva al Bari nel gennaio 2008, dopo un finale di campionato in ascesa, subentrando rigorosamente negli ultimi minuti delle partite. Guadagna poi più spazio fino a diventare titolare.

Nella stagione 2008-2009, che porterà alla fine il Bari ad uno storico ritorno in massima serie, inizia il campionato ottimamente, giocando spesso nelle due corsie laterali del 4-4-2 di Antonio Conte. Con l'arrivo di Stefano Guberti a gennaio viene impiegato poco, tuttavia la stagione si conclude con la vittoria del campionato cadetto e la promozione diretta in massima serie. Il 22 novembre 2009 fa il suo esordio in Serie A (3-1 per la Roma), ma ancora una volta viene poco utilizzato dal nuovo mister Gian Piero Ventura, anche a causa del brutto infortunio subito sul finire dello scorso campionato. Nonostante ciò, lo stesso Ventura considerava l'esterno angolano come "ultima arma a disposizione" da inserire negli ultimi minuti di partita.

Nell'estate 2010 passa in comproprietà al Siena insieme a Filippo Carobbio in cambio di Abdelkader Ghezzal. Segna il suo primo goal con la maglia bianconera all'81° nella partita di coppa Italia contro il Lecce.

Il 24 giugno 2011 Siena e Bari risolvono la comproprietà e il giocatore diventa interamente di proprietà del club toscano ma ad inizio agosto 2011 rescinde il suo contratto con il Siena. Ad ottobre 2011 ritorna in Francia firmando per l'Yzeure, squadra militante in quarta categoria. Nel giugno 2012 firma per il Moulins, non cambiando categoria.

 

 

30.10.19 - Rigoli: "Il Bari ha deluso"
Intervistato dal quotidiano La Sicilia, l'ex allenatore del Catania Pino Rigoli ha commentato le sorti dei rossazzurri facendo riferimento anche ai galletti: "Ritengo di basilare importanza i recuperi per il Catania di Sarno e Di Molfetta, oltre a qualche rinforzo nel mercato invernale, perché al di là del rendimento discontinuo ci sono almeno tre-quattro squadre tecnicamente superiori al Catania. Soprattutto Reggina e Ternana, mentre il Bari ha deluso. La Serie C è un campionato difficile, aspro e la squadra al momento attuale è da quinto-sesto posto tanto che Lucarelli ha subito sottolineato che l’obiettivo sono i play-off. Bisogna essere realisti", come si legge su TuttoCalcioCatania.com.
tuttobari.com



30.10.19 - Un campionato di stelle. Dai gol di Antenucci e Denis alle geometrie di Lodi
In estate la definizione dei gironi della Serie C 2019/2020 aveva preannunciato un innalzamento del livello tecnico. Su tutte nel Girone C, dove spiccavano tante piazze ambiziose dal passato importante e con degli organici d'altissimo livello come Bari, Catania, Reggina e Ternana. Già in queste prime 12 giornate sono sembrate evidenti le qualità nettamente superiori di alcuni elementi rispetto alla categoria.

Il reparto più ricco di stelle è senza dubbio l'attacco. Nonostante qualche ritardo legato all'adattamento e alla condizione fisica vista l'età avanzata, German Denis e Mirco Antenucci rappresentano il fiore all'occhiello del campionato. Il Tanque, in grande spolvero nelle ultime due giornate (4 reti), è quello che ha fatto meglio in Serie A, raggiungendo quota 73 marcature con le maglie di Atalanta (44 tra il 2011 e il 2014, il momento di massimo splendore), Napoli e Udinese. Il passato è stato leggermente meno glorioso per il bomber del Bari, già a quota otto in stagione. Il classe '84 ha fatto benissimo con la maglia della Spal in massima serie e nel corso della sua carriera si è contraddistinto per la sua continuità (7 stagioni in doppia cifra) in tutte le categorie.  

Nella Casertana, invece, milita il capocannoniere dello scorso campionato e pericolo numero uno di tutte le difese anche a 37 anni, Luigi Castaldo. Un attaccante da 145 reti in carriera e che per diversi anni ha guidato l'Avellino alla salvezza in B.

Non c'è solo il reparto avanzato a fare la differenza. A Catania l'elemento di maggior spicco è sicuramente Francesco Lodi. Un regista dalle elevatissime doti tecniche che probabilmente avrebbe potuto raggiungere palcoscenici più importanti rispetto alle sole 198 presenze in A e 188 in B. Uno specialista dei calci piazzati, un autentico cecchino su rigore e punizioni. In casa Ternana ci sono diversi elementi di rilievo, tra questi il più rappresentativo è Marino Defendi. L'ex capitano biancorosso è un autentico lusso per la categoria, forse non per qualità, ma tenacia, atletismo, determinazione ed intelligenza tattica non sono inferiori a nessuno in C.  
tuttobari.com

 

 

29.10.19 - Chi sale e chi scende - Awua leader, Frattali salva il Bari. In difficoltà Folorunsho
Dal punto di vista della prestazione la partita dei biancorossi con il Catania rappresenta senza dubbio un passo indietro, ma guardando al risultato gli uomini di Vincenzo Vivarini possono tornare dalla Sicilia soddisfatti. La gara con gli etnei chiude un mese di ottobre che si preannunciava difficilissimo e che i galletti hanno concluso senza sconfitte, pur mantenendo un distacco dalla vetta della classifica ampio ma non incolmabile.

Al netto della soddisfazione per un prezioso pareggio, restano da evidenziare alcune parabole. A scendere sono in pochi, dato che la maggior parte dei biancorossi hanno disputato una gara nella media, senza infamia nè lode.

Non ha brillato però Michael Folorunsho, subentrato a Manuel Scavone ed apparso uno dei galletti più in difficoltà: nella valutazione della sua partita, nel quale è apparso sempre in affanno, pesa soprattutto l'errore nel finale sulla conclusione che poteva regalare il successo agli uomini di Vivarini. Il centrocampista ha però l'attenuante di una condizione fisica precaria, data dall'infortunio che ne ha condizionato l'avvio di stagione. Qualcosa in più la si poteva aspettare anche da Mirco Antenucci, ancora non al top della condizione e mai in grado di spaccare l'incontro.

A salire è soprattutto Theophilus Awua, che ha dominato in mediana, aggiungendo buona qualità ad una stratosferica quantità. Ottima prestazione anche da parte di Pierluigi Frattali, le cui mani hanno protetto i biancorossi in un paio di occasioni decisamente pericolose. Continua, inoltre, la serie positiva di Simone Simeri, ormai l'attaccante titolare a tutti gli effetti: il numero nove ieri non ha trovato la via del gol, ma si è contraddistinto per la capacità di lottare ed andare a caccia del pallone.
tuttobari.com



29.10.19 - Bari, calendario in discesa: il cammino prima della sosta natalizia
Dopo il pareggio ottenuto ieri contro il Catania, la formazione biancorossa è ora al quarto posto a sei lunghezze dalla vetta, occupata con merito dalla Reggina.

Un distacco colmabile. Superato ottimamente l'ottobre di fuoco, in cui il Bari ha affrontato in sequenza una serie di scontri non propriamente semplici, si può guardare con fiducia ai prossimi impegni in programma a partire dalla gara di domenica prossima con la Vibonese, che precederà le trasferte in casa di Bisceglie e Paganese. A seguire, il galletto sarà di scena in casa con il Teramo.

Ecco il calendario dei biancorossi sino alla sosta natalizia, in programma dal 23 dicembre al 12 gennaio 2020:

Bari - Vibonese

Bisceglie -Bari

Paganese - Bari

Bari - Teramo

Rende - Bari

Bari - Potenza

Casertana-Bari

Bari - Sicula Leonzio
tuttobari.com

 

 

27.10.19 - Crolla il Potenza, si ferma la Ternana. Reggina in vetta e Bari a -6. Risultati e classifica
Dodicesima giornata di campionato ricca di match importanti e crocevia per diverse squadre del Girone C di Serie C.

Le gare delle 15 hanno visto il pareggio del Bari a Catania che, dopo la vittoria interna col Catanzaro, raccoglie ancora un punto lontano da casa. In contemporanea la Reggina si aggrappa a Denis: i calabresi, grazie alla doppietta del Tanque, espugnano Avellino ed allungano in vetta. Nelle altre gare vittorie interne per Picerno e Viterbese contro Paganese e Sicula Leonzio.

Alle 17:30 roboante successo del Monopoli sul Potenza: 3-0 per i pugliesi tra le mura amiche. Si ferma la Ternana, 1-1 con la Vibonese, che permette alla Reggina di poter effettuare il primo break della stagione. Nelle altre gare pareggio tra Catanzaro e Rende, successo del Teramo sulla Casertana e vittoria del Francavilla sul Bisceglie.

Domenica 27 ottobre ore 15

Avellino-Reggina 1-2

Catania-Bari 0-0

Picerno-Paganese 2-0

Viterbese-Sicula Leonzio 2-0

Domenica 27 ottobre ore 17:30

Bisceglie-V.Francavilla 0-1

Catanzaro-Rende 1-1

Monopoli-Potenza 3-0

Teramo-Casertana 4-3

Vibonese-Ternana 1-1

Domenica 27 ottobre ore 20:45

Cavese-Rieti

Classifica

Reggina 28, Potenza 24, Ternana 23, Monopoli 22, Bari 22, Viterbese 20, Teramo 18, Casertana 17, Catania 17, Catanzaro 17, Paganese 16, Vibonese 16, V.Francavilla 16, Avellino 14, Cavese *13, Picerno 13, Bisceglie 10, Rieti* 8, Sicula Leonzio 6, Rende 6.

* una gara in meno
tuttobari.com



27.10.19 - Awua domina la mediana, muro Di Cesare. Folorunsho le sbaglia tutte. Le pagelle
Al Massimino arriva il terzo pareggio del Bari sotto la gestione Vivarini. Partita non spettacolare con le squadre che nella seconda parte della ripresa hanno dato l'impressione di volersi accontentare del punto. I biancorossi raggiungono quota 22 punti in classifica.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 6.5 Dà sicurezza al pacchetto arretrato. Compie almeno due interventi da portiere di categoria superiore;

SABBIONE 6 Non sempre riesce ad arginare Di Piazza. Cresce nella seconda frazione;

DI CESARE 6.5 Leader della retroguardia. Dalle sue parti non si passa;

PERROTTA 6 Non sempre preciso palla al piede. Bada più alla sostanza che alla forma;

COSTA 6 Scatenato nella prima frazione, cala nel secondo tempo ma resta una pedina fondamentale nello scacchiere biancorosso;

SCHIAVONE 5.5 Si limita al compitino. Rimpiazza Bianco ma è meno efficace dell’ex Perugia;

AWUA 7 Dominatore della mediana. Con i suoi strappi a centrocampo, mette in difficoltà i padroni di casa;

SCAVONE sv Esce dopo pochi scampoli di gara per un problema muscolare;

BERRA 5.5 Perde diversi duelli e risulta poco preciso quando deve spingere sulla corsia destra;

ANTENUCCI 6 Prima serve un pallone d’oro a Costa, poi nella ripresa sfiora il gol con un gran destro che sfiora il palo;

SIMERI 5.5 Cerca di dare il massimo contributo alla causa ma non incide come in altre occasioni;

FOLORUNSHO 4.5 Il peggiore dei ventidue. Mai realmente in partita: perde tutti i contrasti e si divora il gol dello 0-1;

FLORIANO sv

FERRARI sv

TERRANI sv

NEGLIA sv

VIVARINI 6 Conquista un buon punto su un campo ostico ma ne perde due in ottica primo posto. Nel finale i suoi sembrano accontentarsi del pari.
tuttobari.com

 

 

27.10.19 - Marino su Masiello: "L'ho difeso quando tutti preferivano insultarlo"
Ora all'Udinese, Pierpaolo Marino torna sull'affare Masiello e ai tempi in cui l'esperto dirigente scelse di dare nell'Atalanta una nuova chance all'ex difensore del Bari, reduce dallo scandalo calcioscommesse: "L'acquisto di cui vado più fiero? Masiello. L'ho difeso quando tutti preferivano insultarlo. Ha pagato la sua pena. E poi dico anche Cigarini, sono stati fondamentali per far partire il progetto arrivato fino a oggi", si legge sul Corriere di Bergamo.
tuttobari.com



27.10.19 - Cosa pensano del Bari a Catania e formazioni
47 CAMPIONATI IN A IN 2
Diciassette il Catania, 30 il Bari. Nel match del "Massimino", in programma domenica 27 Ottobre 2019, saranno 47 i campionati di Serie A (a girone unico) riversati sul green di Piazza Spedini. Una storia, affascinante e lontana, che per 90 e più minuti lascerà spazio ad un'attualità meno gloriosa: Catania decimo con 16 punti, Bari quarto della classe con cinque punti in più rispetto agli etnei, in un campionato di Serie C, giunto alla giornata numero 12, che vede la Reggina capolista solitaria con 25 punti e nessuna sconfitta. I rossazzurri, reduci dal beffardo pareggio subito mercoledì con il Bisceglie, hanno bisogno di punti per morale e classifica ma...non partono coi favori del pronostico. I biancorossi, rigenerati dalla cura Vivarini, arrivano in Sicilia forti di 14 punti in 6 gare, frutto di 4 vittorie e 2 pareggi. Calcio d'inzio alle ore 15.00.

DIREZIONE DI GARA
Direzione di gara affidata al signor Matteo Marchetti di Ostia Lido. Il direttore di gara laziale sarà coadiuvato dagli assistenti Cosimo Castaldo di Bergamo e Marco Ceccon di Lovere. Per Marchetti si tratta del sesto incrocio col Catania. Bilancio in perdita per gli etnei: una vittoria, un pareggio e tre sconfitte.

POSSIBILI SCELTE
In casa rossazzurra mister Cristiano Lucarelli, ancora privo di Esposito, Di Molfetta, Llama e Sarno, ritrova dalla squalifica Dall'Oglio e Pinto, quest'ultimo ristabilitosi dopo l'attacco febbrile che lo ha messo K.O. prima del match col Bisceglie. Nel 3-5-2 di partenza possibile l'utilizzo di Marchese nel terzetto arretrato, con Biagianti che potrebbe contendere a Welbeck una maglia in mediana. In avanti, insieme a Di Piazza, ballottaggio fra Mazzarani e Catania. Nel Bari mister Vincenzo Vivarini, privo di Hamlili e D'Ursi, dovrà valutare le condizioni degli acciaccati Di Cesare in difesa e Bianco in mediana. In caso di forfait spazio a Berra e Schiavone. In attacco tandem composto dall'ex Antenucci e Simeri.

PROBABILI FORMAZIONI
CATANIA (3-5-2): Furlan; Mbende, Silvestri, Biagianti; Calapai, Rizzo, Welbeck, Lodi (Dall'Oglio), Pinto (Marchese); Mazzarani (Catania), Di Piazza. A disp.: Martinez, Noce, Saporetti, Marchese, Bucolo, Dall'Oglio, Rossetti, Catania, Barisic, Curiale, Distefano. All: Lucarelli.

BARI (3-5-2): Frattali; Sabbione, Di Cesare, Perrotta; Kupisz (Berra), Schiavone, Awua, Scavone, Costa; Antenucci, Simeri. A disp.: Marfella, Berra, Bianco, Esposito, Cascione, Corsinelli, Ferrari, Folorunsho, Neglia, Floriano, Terrani. All: Vivarini

ARBITRO: Matteo Marchetti di Ostia Lido.
ASSISTENTI: Cosimo Castaldo di Bergamo e Marco Ceccon di Lovere.
INDISPONIBILI: Llama, Esposito, Sarno, Fornito e Di Molfetta; Hamlili e D'Ursi.
SQUALIFICATI: -
DIFFIDATI: Dall'Oglio
calciocatania.com

 

 

26.10.19 - Angelozzi a TuttoBari: "Credevamo in Awua e non volevamo cederlo. Può arrivare in A"
Intervenuto ai microfoni di TuttoBari.com, Guido Angelozzi ha detto la sua su Theophilus Awua, da lui gestito ai tempi dello Spezia, dopo la prima rete del nigeriano in campionato: "Parliamo di un giocatore forte, lo sappiamo. Lo scorso anno ha fatto sei gol nel Rende, noi credevamo in lui ed abbiamo provato a tenerlo, nonostante lo volessero in tanti. L'ultimo giorno di mercato è capitata questa occasione e noi abbiamo accontentato la sua volontà, perché ci ha chiesto di andare in un club dove poter giocare".

Spazio anche ad un commento sull'atteggiamento del giocatore fuori dal campo: "Parliamo di un professionista serio, un ragazzo che si fa voler bene. Se gli devo trovare un difetto, l'unico è che parla poco. In privato è un po' timido, ma durante le partite si trasforma e diventa un gladiatore. Se cresce ancora un po' dal punto di vista tecnico può arrivare in Serie A".

Angelozzi continua: "Io l'ho dato in prestito e ne ho seguito l'evoluzione. Quando ero ancora a Sassuolo lui debuttò in B con la maglia dello Spezia e segnò subito, dopo pochissimi minuti. Può crescere ancora e diventare più forte".

Chiusura con un parere sulla stagione del Bari: "Sta facendo il campionato che tutti si aspettano, è partita un po' con il freno a mano tirato. Ora ha trovato la quadratura, potenzialmente è la squadra più forte, ma ci sono altre società che possono competere, Ternana e Reggina su tutte. Poi ci sono diverse sorprese come Potenza e Monopoli".
tuttobari.com



26.10.19 - Patron Catania: "Contro il Bari la svolta"
l Catania è pronto per la sfida contro il Bari. Un incrocio di gran fascino, fra due squadre abituate in passato a ben altre latitudini. Il patron degli etnei Pulvirenti è ambizioso: "Contro il Bari la partita della svolta, io ci credo", riporta La Sicilia.
tuttobari.com

 

 

25.10.19 - Bari, con Vivarini rendimento da capolista. Antenucci, mai così tante reti dal 2013. Tutti i numeri...
La continuità è una delle principali doti del Bari targato Vivarini. Nelle ultime sei giornate, dall'arrivo del mister in panchina, la squadra è rimasta imbattuta, conquistando 14 punti e viaggiando allo stesso ritmo delle migliori del girone, Potenza e Reggina. Ieri è arrivata la terza vittoria consecutiva in casa e il secondo 2-0 di seguito dopo quello contro la Ternana. Il tecnico è riuscito anche sfatare il doppio tabù, visto che non aveva mai battuto nè Grassadonia e nè il Catanzaro. Per i calabresi il San Nicola non è un terreno fortunato. Nelle 18 partite complessive sono arrivate solo due vittorie e ben 10 ko, di cui quattro 2-0 come avvenuto anche nel 1980, 1970 e 1962.

Proseguono senza particolari patemi le due strisce aperte dal Bari in casa: 20esima gara con almeno un gol realizzato in campionato e 315 minuti di porta inviolata, ancora però lontano dal record stabilito nella passata stagione da Marfella (714 complessivi).

Prima rete con la maglia del Bari per Awua, la seconda stagionale per un centrocampista biancorosso dopo Hamlili. Il nigeriano non segnava dallo scorso 31 Marzo, nel successo per 2-1 del suo Rende sul terreno della Casertana. Il gol non è, invece, una novità per Antenucci, all'ottavo centro stagionale e sesto in campionato. Il classe '84 non partiva così bene dal 2013, miglior dato in carriera, dove realizzò 8 reti nelle prime dodici presenze con la Ternana (l'unica differenza che allora le marcature furono tutte in Serie B). Antenucci si conferma un bomber casalingo, ben 6 marcature sono arrivate al San Nicola.
Prosegue, infine, la marcia di Di Cesare verso le 100 presenze, ora è a quota 97 come Daniel Andersson.
tuttobari.com



25.10.19 - Graziani: "Il Bari sta risalendo, a gennaio farà altro salto di qualità"
Ex attaccante del Mantova, Gabriele Graziani parla della corsa in C ai microfoni di TuttoC: "Il Monza lo vedo favorito, non vedo altre squadre che lo possono contrastare, Renate e Pontedera stanno raccogliendo anni di lavoro e di programmazione. Il Siena potrebbe risalire se comincia ad avere lo stesso rendimento esterno anche in casa, ma il Monza ha una squadra talmente forte che non ha rivali. Nel girone B vedo bene il Padova, con il Vicenza dietro che può far benissimo. Il B è molto più equilibrato ma il Padova è un gradino sopra le altre. La Reggina è una candidata per la promozione, ma il Bari sta risalendo e a gennaio può fare un altro salto di qualità. Il Catania alterna risultati buoni, ma non è continuo. Secondo me Reggina e Bari sono le squadre candidate alla promozione".
tuttobari.com

 

 

 

23.10.19 - Sabbione muro, Simeri encomiabile. Non convince Scavone. Le pagelle dei biancorossi
Nel turno infrasettimanale del girone C, il Bari supera 2-0 il Catanzaro al San Nicola. I biancorossi battono un’altra concorrente per la promozione in B grazie alle reti (una per tempo) di Awua e Antenucci.  

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 6 Nonostante la costante pressione ospite, non deve compiere gli straordinari;

SABBIONE 7 Dove c’è l’ex Carpi non si passa. La sua è una prova solida e senza alcun tipo di patema;

DI CESARE 6.5 Si riprende la scena dopo la complicata trasferta di domenica scorsa. Di testa le prende quasi tutte;

PERROTTA 6 Meno brillante dei suoi compagni di reparto ma altrettanto solido nel non concedere occasioni agli avversari;

BERRA 6.5 Non convince fino al quarto d’ora della ripresa quando serve, con un preciso cross, il pallone del 2-0 ad Antenucci;

BIANCO 6 In difficoltà in fase di di impostazione. Cresce nella ripresa quando entra Scavone e torna nel ruolo di mezz’ala;

AWUA 6.5 Il migliore della prima frazione ed il più attivo della mediana. Segna con un preciso rasoterra sul quale il portiere ospite non può nulla;

SCAVONE 5.5 Non svolge al meglio le due fasi: spesso spezza la manovra ospite ma non è altrettanto preciso e ordinato nel far ripartire quella dei biancorossi;

COSTA 6.5 Il solito motorino sulla corsia sinistra. Svolge le due fasi con autorevolezza;

ANTENUCCI 6.5 Partita dai due volti: nullo nei primi 45 minuti, decisamente più attivo nella ripresa. Ha il merito di chiudere il match con un preciso colpo di testa. Può crescere ancora;

SIMERI 7.5 Non segna ma la sua generosità ed impegno restano encomiabili. Da grande attaccante lo scambio con Awua in occasione del primo gol. E’ ovunque, anche quando c’è da difendere;

SCHIAVONE 6 Entra per conferire maggior ordine al centrocampo;

TERRANI sv

FOLORUNSHO sv

CORSINELLI sv

KUPISZ sv

VIVARINI 6.5 Il suo Bari fa un passo indietro sul piano del gioco ma ne fa due in avanti su quello della concretezza e del cinismo. Quattro vittorie e due pareggi sotto la sua gestione rappresentano un bottino eccellente.
tuttobari.com



23.10.19 - La Reggina è prima, vetta a -4. Perde il Monopoli, pareggio amaro per il Catania. Risultati e classifica
Si è concluso il turno infrasettimanale con le 5 gare delle 20.45.

Oltre al successo del Teramo ottenuto nel primo anticipo, risultanti importantissimi in ottica Bari nelle gare delle 18.30. La capolista Potenza viene bloccata in casa dalla Cavese mentre la Ternana cade tra le mura amiche contro l'Avellino di Eziolino Capuano che ha collezionato 4 punti in due gara. Nelle altre gare prima vittoria per il Rende e pareggio tra Paganese e Vibonese.

Nelle sfide serali, invece, vince la Reggina per 4-1 contro il Picerno, scavalcando così il Potenza e prendendosi la vetta della classifica. Oltre al Bari, vincente in casa contro il Catanzaro, successi anche per la Casertana con il Monopoli e per il Rieti sulla Viterbese. Pareggio amaro per il nuovo Catania di mister Lucarelli, prossimo avversario dei biancorossi, che si è fatto raggiungere nel finale dal Bisceglie, a segno con l'ex Ebagua.

Mercoledì 23 ottobre ore 15

V.Francavilla-Teramo 0-2

Mercoledì 23 ottobre ore 18:30

Paganese-Vibonese 2-2

Potenza-Cavese 0-0

Rende-Sicula Leonzio 2-0

Ternana-Avellino 0-1

Mercoledì 23 ottobre ore 20:45

Bari-Catanzaro 2-0

Casertana-Monopoli 2-1

Catania-Bisceglie 1-1

Reggina-Picerno 4-1

Rieti-Viterbese 4-2

Classifica

Reggina 25, Potenza 24, Ternana 22, Bari 21, Monopoli 19, Casertana 17, Viterbese 17, Catanzaro 16, Paganese 16 Catania 16, Teramo 15, Vibonese 15, Avellino 14, Virtus Francavilla 13, Cavese 13, Picerno 10, Bisceglie 10, Rieti 8, Sicula Leonzio 6, Rende 5.
tuttobari.com

 

 

23.10.19 - Il Bari ospita il Catanzaro, sfide interne per Potenza, Reggina e Ternana. Programma e partite
Neanche il tempo di archiviare la decima giornata e la Serie C scende nuovamente in campo per il turno infrasettimanale valido per l’11^ giornata.

Il programma del Girone C si apre con l’anticipo delle 15 tra V.Francavilla e Teramo. Alle 18:30 sarà di scena la capolista Potenza che ospiterà la Cavese, match sulla carta non complesso per i primi della classe. In contemporanea anche la Ternana che sfiderà l’ostico Avellino di Mr.Capuano.

Nelle partite serali in campo tutte le altre big: al San Nicola il Bari attende il Catanzaro del neo tecnico Grassadonia: la Reggina giocherà al Granillo contro il Picerno mentre il Catania, passato a Cristiano Lucarelli, proverà a riscattarsi contro il Bisceglie, ancora a 0 punti dall’arrivo di Pochesci in panchina.

Mercoledì 23 ottobre ore 15

V.Francavilla-Teramo

Mercoledì 23 ottobre ore 18:30

Paganese-Vibonese

Potenza-Cavese

Rende-Sicula Leonzio

Ternana-Avellino

Mercoledì 23 ottobre ore 20:45

Bari-Catanzaro

Casertana-Monopoli

Catania-Bisceglie

Reggina-Picerno

Rieti-Viterbese
tuttobari.com



23.10.19 - Nuovo Official Store Bari, gli orari di apertura
Si è tenuta questo pomeriggio l'inaugurazione del primo Official Store della SSC Bari, presso allo stadio San Nicola.

L'Official Store sarà aperto nei seguenti giorni:

Lunedì: chiuso

Martedì: dalle 15:00 alle 19:00

Mercoledì: dalle 15:00 alle 19:00

Giovedì: dalle 15:00 alle 19:00

Venerdì: dalle 15:00 alle 19:00

Sabato: dalle 10:00 alle 13:00 // In caso di pre partita lo store sarà aperto anche dalle 15:00 alle 19:00

Domenica: chiuso // In caso di partita seguirà gli stessi orari di apertura porte dello stadio San Nicola
tuttobari.com

 

 

22.10.19 - All. Turris: "Critiche? Abbiamo i punti che aveva il Bari"
Il buon avvio della Turris nel Girone G di Serie D non è bastato per raggiungere la vetta della classifica, occupata dal Latte Dolce a quota 21. Al termine del successo per 4-0 sul Muravera, il tecnico Fabiano ha così respinto le voci negative nei confronti della squadra: “I veri tifosi ci sono vicini e ritengo assolutamente positivo il cammino avuto sinora della squadra, dato che abbiamo gli stessi punti (20 in otto partite) che aveva totalizzato il Bari l’anno scorso dopo lo stesso numero di partite. Pertanto - riporta tuttoturris.it - la squadra va soltanto elogiata per quanto fatto finora”.
tuttobari.com



22.10.19 - Arriva il Catanzaro, ecco cosa può cambiare Vivarini
Mercoledì sera al 'S.Nicola' arriverà l'ostico Catanzaro, club che alla vigilia del campionato gli addetti ai lavori vedevano tra le favorite per la promozione. I giallorossi sono una squadra di categoria, che esprime un buon gioco. Non è certamente un buon momento per i calabresi, con mister Auteri esonerato nel pomeriggio, sostituito da Grassadonia. Il tecnico ex Foggia deve subito far svoltare una squadra che, soprattutto fuori casa, sembra non girare a dovere. I biancorossi dal canto loro non vogliono mancare l'appuntamento con i tre punti davanti al proprio pubblico e dovranno subito mettersi alle spalle la gara di Avellino.

Vivarini quasi sicuramente confermerà il 3-5-2. Inutile girarci attorno, prima di tutto bisognerà valutare le condizioni fisiche di Antenucci e Scavone. Ad Avellino in un colpo solo sono mancati due perni importanti della rosa insieme ad Hamlili, con la squadra che ne ha patito le conseguenze non tanto a livello di gioco, ma a livello di leadership, come dimostrano i primi 45'.

Per tutta la settimana i due giocatori si erano allenati regolarmente, come dimostrano i report diramati dal Bari. Solo in sede di rifinitura c'è stato il forfait. L'impressione è che Vivarini vorrà recuperarli e se possibile schierarli in campo anche a mezzo servizio.

La difesa è intoccabile, anche viste le poche alternative. Sulla fascia destra Berra si riprenderà il suo posto, visto il suo ottimo ingresso e la deludente prova di Kupisz. Sull'out opposto dovrebbe giocare ancora Costa, a meno di acciacchi visti i problemi accusati la scorsa settimana e la sostituzione di ieri. Se non dovesse farcela pronto il sempre positivo Corsinelli. Nei tre di centrocampo sicuro Hamlili che rientra dalla squalifica. Lotta a due tra Schiavone e Bianco per il ruolo di play, mentre per l'altra mezzala se non dovesse farcela Scavone potrebbe essere dirottato Bianco, vista la forma approssimativa di Folorunsho, e i momenti no di Awua e Terrani.

In attacco come detto tutto dipende da Antenucci. Se l'ex Spal recuperasse allora si ricomporrebbe la coppia collaudata con l'inamovibile Simeri, in caso contrario spazio a Ferrari o alla riconferma di Neglia. Con D'Ursi, ex della gara, che quasi difficilmente recupererà, Floriano sarebbe l'arma da giocare a partita in corso.
tuttobari.com

 

 

20.10.19 - Simeri, due gol da attaccante di razza. Bene Costa, male Folorunsho e Kupisz. Le pagelle
Al Partenio il Bari non va oltre il pari contro un Avellino rinvigorito dalla cura Capuano. Lupi subito avanti con Charpentier. Nella ripresa arriva la doppietta di Simeri che porta i biancorossi in vantaggio. Ad un quarto d’ora dal termine la definitiva rete del pari dei padroni di casa con Illanes. La formazione di Vivarini raggiunge quota 18 punti in classifica e mercoledì affronterà al San Nicola il Catanzaro.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 5.5 Incerto sul vantaggio irpino. Nella ripresa è attento su un paio di punizioni dell’Avellino;
PUBBLICITÀ

SABBIONE 6 Tiene bene la posizione, cercando di far valere la sua stazza fisica;

DI CESARE 5.5 Perde Charpentier in occasione dell’1-0. Si rifà in parte regalando a Simeri l’assist per l’1-2;

PERROTTA 5.5 Non combina pasticci ma spesso approssimativo palla al piede. Rischia la giocata e finisce per perdere il controllo della sfera;

COSTA 6.5 Tra i più positivi della formazione ospite. Spinge e difende con estrema autorevolezza;

BIANCO 6 Spostato nel ruolo di mezz’ala, risulta meno brillante delle precedenti uscite. Pochi inserimenti palla al piede ma fa tanto lavoro sporco;

SCHIAVONE 6 Si limita al compitino, senza mostrare i pezzi forti del suo repertorio in cabina di regia. Deve crescere dal punto di vista fisico;

AWUA 5.5 Porta troppo palla a metà campo, rischiando dribbling inutili e dannosi per la squadra. Prima partita opaca dell’ex Spezia;

KUPISZ 5 Chi l’ha visto? Vivarini gli concede un’altra chance dal 1’ ma il polacco non la sfrutta a dovere. Esce nell’intervallo;

SIMERI 7.5 Tanto movimento e sacrificio ma soprattutto due reti da attaccante di razza;

NEGLIA 6.5 Ha sul piede la palla dell’1-0 ma il portiere di casa compie un miracolo. Nella ripresa serve, con un pregevole tocco, l’assist vincente per l’1-1 di Simeri;

BERRA 6.5 Dai suoi piedi nasce l’azione del primo gol. Si immola sul tiro di Parisi e salva il Bari dal possibile 3-2;

TERRANI 6 Fa leggermente meglio di Awua ma uno con le sue qualità potrebbe incidere maggiormente;

CORSINELLI 6 Rimpiazza Costa e pensa più a difendere che a proporsi in avanti;

FOLORUNSHO 5 Venti minuti da incubo. Perde tutti i contrasti favorendo la ripartenza dell’Avellino;

FERRARI sv

VIVARINI 6 Ottiene il quinto risultato utile da quando ha preso in mano i biancorossi. Al cospetto di un Avellino coriaceo e ben messo in campo, il Bari gioca la partita meno bella della sua gestione ma esce dal Partenio con un punto prezioso.

 
Copyright © 2019 BARITUBE - SSC Bari calcio, video, foto, notizie, forum. Tutti i diritti riservati.
Joomla! รจ un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.