Le ultime NOTIZIE dell'FC BARI CALCIO 1908

 

Le ultime news, le partite, i commenti, la classifica, i marcatori, i giocatori infortunati, le probabili formazioni, le pagelle. Tutte le info e le novità  provenienti dal San Nicola o dagli stadi dove l'SSC Bari calcio (prima as bari e FC Bari 1908) gioca in trasferta.

 

 

Notizie SSC Bari Calcio

 

17.05.24 - Maita entra bene nel match, Pissardo ipnotizza Casasola. Male Acampora e Bellomo. Le pagelle
Finisce in parità il match d'andata tra Bari e Ternana. Accade tutto nella ripresa: apre Nasti al 59', risponde Pereiro a dieci minuti dalla fine. Situazione complicatissima per i biancorossi che saranno costretti a vincere al Liberati per evitare la serie C.

Di seguito le pagelle:

PISSARDO 7 Ipnotizza Casasola dal dischetto ed è provvidenziale in almeno altre due occasioni;

PUCINO 6 Prova a spingere più del solito. Alterna buone giocate ad altre prevedibili. Sfiora il 2-0;

DI CESARE 6 Solita partita di temperamento. Sfortunato quando devia il tiro di Pereiro con palla che termina alle spalle di Pissardo;

VICARI 6 Ci mette la solita garra.

RICCI 6.5 Non brilla fino al momento della sgroppata decisiva, conclusa con l'assist per il vantaggio di Nasti;

MAIELLO 6 Partita dai due volti. Spesso in ritardo nella prima frazione, cresce nei secondi 45 minuti;

ACAMPORA 5 Si posiziona sulla trequarti. Invisibile, esce nell'intervallo;

BENALI 5.5 Non è il solito filtro a centrocampo. Dalle sue parti i calciatori ospiti passano con troppa facilità;

BELLOMO 5 Prestazione opaca. Torna dal 1' ma non riesce ad incidere come vorrebbe;

SIBILLI 6 Sfortunato quando ad inizio match colpisce il montante. Poi va a corrente alternata;

NASTI 6.5 Ha la colpa di commettere il fallo da rigore. Si fa perdonare con la rete del momentaneo vantaggio;

MAITA 6.5 Entra bene nel match, imponendosi in più occasioni a metà campo;

ACHIK 5 Potrebbe ravvivare l'attacco ma finisce per sbagliare quasi tutto;

KALLON sv

PUSCAS sv

GIAMPAOLO 5.5 Ad un primo tempo mediocre segue una ripresa d'orgoglio dei suoi ragazzi. Il pari è un risultato negativo in vista del match di ritorno: alla Ternana basteranno due risultati su tre per mantenere la categoria.
tuttobari.com



17.05.24 - Polito: “A Terni battaglieremo, la squadra è viva. Sono il primo responsabile, ma non l’unico”
Il direttore sportivo del Bari, Ciro Polito, è intervenuto in conferenza stampa al termine di Bari-Ternana, andata dei playout, terminata 1-1. Ecco le sue parole:

"L'amarezza è trovarci qui ai playout, abbiamo preso gol su un tiro fortuito. Ora ci sono cento minuti da giocare alla morte per giocarci la salvezza. Il primo tempo? Non c'è una spiegazione; tatticamente ci hanno messo un po' in difficoltà con i quinti. Se siamo ai playout fenomeni non siamo. Nella ripresa il mister l'ha aggiustata. L'anno scorso abbiamo perso il nostro sogno per un minuto; oggi la gara è stata equilibrata, e quando andremo lì daremo tutto. Il Bari, tra le difficoltà, è una squadra viva. Credo di essere il primo responsabile, ma non l'unico. ci ho sempre messo la faccia. Puntare il dito su qualcuno è un errore, ma sono arrabbiato. La Ternana è una squadra di giovani, noi abbiamo tanto da perdere. L'anno scorso avrei potuto andare in una squadra di Champions, invece sono a lottare per la C. Sono l'unico a non avere un contratto in caso di C. Io e i miei giocatori andremo a battagliare a Terni per portare il minimo sindacale, la salvezza".

Sul ritorno: "Al Liberati sarà difficile per entrambe le squadre. La paura c'era prima di oggi e ci sarà tra una settimana. Ho fiducia nei ragazzi, daranno tutto".

Sul rapporto con la società: "Il presidente De Laurentiis mi è stato sempre vicino, abbiamo combattuto insieme in una stagione difficile. Fin quando avrò vita lotterò. A questa città ho dato tanto, in due anni abbiamo vinto tanto, al terzo ci sono state difficoltà. La società mi è stata sempre affianco. Comunque vada io mi sederò con la proprietà, e discuteremo sul futuro. Non ho problemi a continuare, anche dopo l'aggressione: quello è stato un episodio singolo di due tifosi, ma Bari è un'altra cosa e non c'entra nulla con quella storia".

Sull'approccio di oggi: "Entrare in uno stadio del genere e non partire bene, nonostante il palo, non è una bella cosa. Ma ci sono tanti fattori, se siamo qui è perchè la squadra ha avuto tanti problemi".

Sulle scelte di quest'anno: "Tutto ciò che è stato fatto fa parte del passato. In questa stagione ho imparato tanto. Sfido chiunque a dire che avrebbe lasciato Mignani dopo giugno. Marino ha dato dei punti ma tutti noi volevamo di più. Abbiamo preso Iachini a furor di popolo ma non è mai scattata la scintilla. Il Bari si salverà perchè ha un debito con questa città che non merita questo palcoscenico. Dobbiamo andare a mangiarci gli avversari e guadagnarci la salvezza. Come fa male ai tifosi fa male a noi".
tuttobari.com

 

 

11.05.24 - Di Cesare da urlo, Sibilli si ritrova nel momento più importante. Benissimo il centrocampo: le pagelle
Il Bari trova una vittoria importantissima contro il Brescia e ottiene la possibilità di lottare per la salvezza nei playout, dove affronterà la Ternana. Di seguito le pagelle della gara vinta per 2-0 con le Rondinelle:

PISSARDO 6 - Il Brescia ha creato pochissimi pericoli, ragion per cui è chiamato raramente in causa. Riesce comunque a dare sicurezza ai compagni;

PUCINO 6 - Ci prova di testa nel secondo tempo, ma la sua conclusione è centrale. Per il resto partita in controllo e senza sbavature;

DI CESARE 8 - Ormai per il capitano è difficile anche trovare le parole. Ancora una volta in gol, ancora una volta con un bellissimo gesto tecnico: la sua perla vale il raddoppio che mette in sicurezza la partita;

VICARI 6.5 - A dir la verità gli avversari lo impegnano pochissimo. Ma se il Brescia non crea pericoli è anche merito suo;

RICCI 6 - Partita ordinata per il terzino sinistro. Spinge tanto ma è un po’ impreciso;

BENALI 7 - Ordine e geometrie, recupera tanti palloni ed è sempre preciso quando si tratta di impostare;

dal 84' LULIC sv;

MAIELLO 7.5 - Vince quasi tutti i duelli in mezzo al campo, dà ordine alla manovra e scodella anche il pallone per Di Cesare, che ha portato al gol del raddoppio;

ACHIK 6 - Volenteroso e propositivo, anche se un po’ impreciso;

dal 68’ DORVAL 6 - Entra per giocare da esterno di centrocampo quando la partita è già indirizzata in favore dei biancorossi;

ACAMPORA 7 - Chi l’aveva mai visto, a Bari, un Acampora così? Nel primo tempo corre, vince duelli e gioca bene palloni per i compagni. Cala un po’ alla distanza, ma esce fra gli applausi;

dal 61' BELLOMO 6 - Entra e ci mette grinta e cuore;

SIBILLI 7.5 - Il suo gol permette al Bari di scrollarsi le paure di dosso e incanala la partita nel verso giusto. Veniva da un periodo non proprio felice, si è ritrovato nella partita più importante. Prende anche un palo;

dall'84 COLANGIULI sv;

NASTI 6.5 - Non trova il gol ma lotta con coraggio e con il cuore, soprattutto spalle alla porta;

dal 68’ PUSCAS 6 - Entra senza incidere più di tanto;

GIAMPAOLO 7 - La prima vittoria sulla panchina del Bari è pesantissima. Il suo Bari ci mette cuore e gamba, portando a casa meritatamente un successo prezioso.
tuttobari.com



11.05.24 - Giampaolo: "Contenti ma c'è ancora da soffrire. Prendiamo esempio dai tifosi. Di Cesare? Ruolo sbagliato"
Il tecnico biancorosso Federico Giampaolo è intervenuto in conferenza stampa dopo l'importante vittoria per 2-0 contro il Brescia: "È un successo importantissimo, era la partita più complicata e difficile perché c'era un solo risultato. La squadra era consapevole di non poter sbagliare, oggi ho visto un gruppo che si è aiutato, ha corso tantissimo e che voleva il risultato. Sono contento per loro, prima della gara la tensione positiva si percepiva, oggi l'hanno tramessa in campo. Ai playout si azzera tutto, anche perché gli avversari non avranno spensieratezza. Servirà esperienza e voglia, come c'è tensione per noi, ci sarà anche per loro".

Sul centrocampo: "Quando hai due giocatori che sanno giocare a calcio come Maiello e Benali devi metterli, oggi l'hanno dimostrato. Ma credo che tutti abbiano fatto una prova di grande sacrifico, siamo stati bravi sia nel pressare che nel tornare indietro. Non era facile, ho fatto il calciatore e so che queste partite vanno vissute al 100%, i ragazzi hanno dato tutto consapevoli della situazione. Questo dev'essere qualcosa di importante anche per quanto riguarda i playout, un successo così importante può darci una spinta. Abbiamo risposto alla grande fisicamente".

Giampaolo ha proseguito: "Tutti vogliamo che la squadra giochi con questo spirito. Delle volte ci riesce e altre no, ma oggi la squadra ha risposto alla grande. Non abbiamo fatto ancora niente, abbiamo preso un po' di ossigeno ma ora serve mettere la testa sott'acqua, questa è stata una spinta di entusiasmo ma adesso ci sono due partite di uno spessore importante. Sibilli ha un carattere positivo, sono contento per lui perché è riuscito a fare gol, sono giocatori che hanno bisogno di entusiasmo, se c'è rendono al 100%".

Sull'apporto dei tifosi: "La loro è una spinta notevole, è forse la parte migliore del Bari. Ci mettono l'anima e non mollano mai, dovremmo prendere esempio da loro, si vede che ci tengono alle sorti e lo dimostrano".

Il tecnico ha parlato anche di Valerio Di Cesare: "Forse ha sbagliato ruolo, contro il Parma ha fatto un gol straordinario e stasera ne ha messo un altro importante. È un grandissimo professionista, c'è soltanto da prendere esempio".
tuttobari.com



11.05.24 - Sibilli: "Mesi terribili, ora viene il bello. Qui c'è amore. Ho giocato con dei santini di San Nicola nei parastinchi"
L'autore del gol del vantaggio biancorosso, Giuseppe Sibilli, ha commentato la vittoria per 2-0 contro il Brescia ai microfoni di RadioBari nel post-partita: "Dopo tanti mesi non all'altezza siamo riusciti a guadagnarci queste due partite. Ora viene il bello, giochiamo contro una squadra forte (la Ternana, ndr) ma alla nostra portata".

Sul ruolo e sull'atteggiamento: "Sono delle soluzioni che stiamo provando col mister, mi piace giocare dentro al campo per essere più nel vivo del gioco. Oggi è andata bene, siamo tutti contenti. Non mi piace risultare nervoso, non sono un tipo di ragazzo negativo, voglio sempre vincere e dare di più. Oggi era stra-fondamentale ed ho cercato di essere sempre lucido e sereno".

Sulla squadra: "Sono stati mesi molto difficili che a livello mentale ci hanno tolto tanto, ma non cerco alibi. La squadra oggi si è andata a prendere la vittoria, non ci hanno regalato nulla. Al di là del risultato, abbiamo giocato bene. Avevamo paura, quella sana: si vedeva c'era tensione, sono partite da dentro o fuori. In queste situazione è l'unione che trionfa. Siamo contenti, credo si sia visto questo amore".

Sui tifosi: "C'era un'aria diversa, ci hanno sempre sostenuto anche nell'ultimo mese. Oggi è stato anche merito loro, ci hanno spinto ed hanno dato qualcosa in più".

Sul gol: "Era una bella palla per Marco: la rete non è stata voluta, ma sono felice lo stesso. San Nicola in campo con noi? Avevo dei suoi santini nei parastinchi, mi spiace non essere potuto andare alla festa".
tuttobari.com

 

 

05.05.24 - Spezia, Ternana, Bari, Ascoli: le partite dell'ultimo turno
E' una questione fra quattro squadre, ormai, la lotta salvezza. Con la retrocessione matematica della Feralpisalò (che segue quella del Lecco), sono solo Spezia, Ternana, Bari e Ascoli (in rigoroso ordine di classifica) le pericolanti. Ad oggi sarebbero salvi i liguri, mentre Ternana e Bari giocherebbero i playout. Toccherebbe, infine, all'Ascoli la dolorosissima retrocessione diretta in C: uno spauracchio vero in vista degli ultimi novanta minuti.

Ecco le partite che aspetteranno queste squadre:

Spezia-Venezia

Feralpisalò-Ternana

Bari-Brescia

Ascoli-Pisa
tuttobari.com



05.05.24 - Acampora c'è, Nasti non sbaglia. Bene Pissardo, male Sibilli e Ricci. Le pagelle
Un altro pareggio per il Bari che non va oltre l'1-1 al Tombolato di Cittadella. I biancorossi dicono definitivamente addio alla salvezza diretta. La speranza è di raggiungere i playout nell'ultimo match casalingo con il Brescia.

Di seguito le pagelle:

PISSARDO 7 Salva i suoi in almeno tre occasioni. Provvidenziale;

DORVAL 5 Male in fase di copertura, prova a spingere in modo disordinato;

DI CESARE 5.5 Non esente da colpe nell'azione che porta allo svantaggio. Spesso in ritardo;

VICARI 5 Arriva in ritardo su Pittarello in occasioe del vantaggio veneto. Spesso in affanno;

RICCI 4.5 Impreciso palla al piede, approssimativo in marcatura. Spinge poco e male;

MAITA 6 Esce dal campo per infortunio dopo 23 minuti sufficienti;

BENALI 6 Alterna giocate positive ad errori ma resta uno dei pochi a crederci;

LULIC 5.5 Si vede poco nell'arco del match. Quando viene chiamato in causa, si limita al compitino;

ACAMPORA 6.5 Disputa la miglior gara da quando veste la casacca biancorossa. Suo l'assist per il pari;

SIBILLI 4.5 Giornata no, sbaglia tutti i palloni che ha sui suoi piedi. Il Bari ha bisogno del miglior Sibilli per salvarsi;

NASTI 6.5 Sfrutta al meglio l'assist di Acampora. Lotta su tutti i palloni ma è mal servito dai compagni;

ACHIK 6 Ci prova in tutti i modi e risulta il più pericoloso dei biancorossi. Sfiora il gol in almeno due circostanze;

PUSCAS 5 Inesistente per mezz'ora. Delude ancora una volta;

MAIELLO sv

MATINO sv

KALLON sv

GIAMPAOLO 5.5 Un pareggio che vuol dire addio alla salvezza diretta. Il Bari fa troppo poco per vincere ed è salvato dall'imprecisione delle punte di casa. Per la salvezza, anche ai playout, servirà un miracolo.
tuttobari.com

 

 

02.05.24 - Bari, agguantate Ternana e Ascoli. Cosa succede in caso di arrivo a pari punti
Mancano solo 180 minuti al termine del campionato di Serie B 2023-24. In virtù dei risultati maturati questo pomeriggio Bari, Ternana e Ascoli sono attualmente a pari punti a 37.

Le tre compagini occupano le posizioni 16, 17 e 18,  valide rispettivamente per i play-out e per la retrocessione diretta. Vediamo cosa accadrebbe nel caso in cui le tre squadre concludessero il campionato a pari punti.

Qualora più di due squadre terminassero il campionato con gli stessi punti in classifica subentrerebbe il fattore della classifica avulsa. Si tratta di una classifica che considera esclusivamente gli scontri diretti tra le squadre che hanno chiuso il campionato a pari punti. Vengono, dunque, sommati i punti in ogni scontro diretto tra i club in esame, definendo la classifica finale.

Secondo questo classifica, al momento il Bari avrebbe 8 punti (frutto delle due vittorie interne con Ascoli e Ternana e dei due pareggio esterni) e sarebbe quella meglio piazzata. A seguire ci sarebbe l'Ascoli che ha raccolto 7 punti (frutto delle due vittorie con le Fere e un pareggio con il Bari). Condannata in questo modo alla retrocessione diretta sarebbe la Ternana che ha raccolto appena un punto in casa col Bari di Mignani.
tuttobari.com



02.05.24 - Pari col Parma, resta il ritiro. Verso il Cittadella: la roadmap del Bari
L'1-1 col Parma non spegne, ovviamente, la delicatezza del momento in casa biancorossa. I galletti sono alla spasmodica ricerca di un finale da urlo, per evitare una retrocessione che avrebbe del drammatico. Intanto, oggi i ragazzi di Giampaolo hanno riagganciato la zona playout, complici le sconfitte di Ascoli e Ternana.

In vista dell'impegno col Cittadella, domani pomeriggio la ripresa degli allenamenti. Il Bari resterà in ritiro in quel di Matera.
tuttobari.com



02.05.24 - Di Cesare: "Fra un po' ho finito. Ho creduto nella vittoria, con il Cittadella servono tre punti"
Il capitano biancorosso Valerio Di Cesare, intervenuto in conferenza stampa dopo l'1-1 contro il Parma, ha affermato: "Per come si era messa la partita il punto è importante, contro una squadra forte che ha vinto meritatamente il campionato. È normale che vincere sarebbe stato perfetto. Io devo essere fiducioso, adesso dobbiamo concentrarci sul Cittadella perché è troppo importante, dobbiamo uscire con i tre punti perché dobbiamo salvarci. Spero che la prestazione di oggi sia di buon auspicio. Dopo il gol ci ho creduto".

Il capitano ha continuato: "Stare sotto mentalmente non è il massimo, spero che il punto di oggi ci possa dare la scintilla per affrontare queste due partite nel migliore dei modi. Dobbiamo andare in campo e vincere, possiamo fare solo quello. Penso che i tifosi siano frustrati per l'annata, stiamo facendo malissimo. Per me dovrebbero aiutarci fino al novantesimo e poi fischiare dopo, perché alcuni ragazzi sono giovani e ne risentono, ma questo non può essere un alibi e ognuno la vede a modo suo".

Sulla sfida contro la sua ex squadra: "A Parma ho vissuto un anno e mezzo fantastico, è una società che porterà nel cuore. Ma oggi per noi era troppo importante ottenere punti".

Di Cesare ha parlato anche del ritiro svolto in questi giorni: "Per me non servono a compattare il gruppo, perché forse non ci crederete ma il gruppo non è spaccato. Io fra un po' ho finito, ma ricordatevi che siamo umani e sbagliamo. Gli errori li fanno i fenomeni, figuratevi noi, questa è una annata maledetta per tanti motivi. Tutti i ragazzi ce la stanno mettendo tutta".
tuttobari.com



02.05.24 - Kallon sbaglia tutto, evanescente Aramu. Cuore Di Cesare. Le pagelle dei biancorossi
Il Bari tiene in vita le speranze di salvarsi, aggrappandosi a quota 37 al treno playout formato da Ascoli e Ternana. Con il Parma finisce 1-1: al vantaggio di Bonny risponde capitan Di Cesare. Ducali promossi in serie A.

Di seguito le pagelle:

PISSARDO 6 Incolpevole sul vantaggio ospite. Tende a perder tempo, facendo infuriare i tifosi di casa;

PUCINO 6 Tiene a bada Mihaila. Resta bloccando, evitando di spingersi in avanti;

DI CESARE 7 Tra i pochissimi a crederci. Il gol del pari è una perla di rara bellezza;

VICARI 6 Cerca di tenere a bada i centravanti ospiti. Ci riesce, con le buone e con le cattive;

RICCI 5.5 Diversi errori di fraseggio. Più attento del solito in fase di copertura;

MAITA 6 Tiene da solo il centrocampo. Prova ad esserci ovunque, sbagliando tanto ma mettendoci l'anima;

LULIC 5 Prova negativa. Non fa filtro, sbaglia costantemente in fase di impostazione;

ARAMU 5 Evanescente. Si nasconde tra le maglie ospiti ed esce dal campo tra i fischi;

SIBILLI 5.5 In vista delle ultime partite il Bari ha bisogno del miglior Sibilli. Con il Parma una prestazione opaca, senza squilli;

KALLON 4.5 Dà il via alla marcatura ospite con un folle passaggio in orizzontale. Mai in partita;

NASTI 5.5 Sgomita con i difensori centrali ducali ma non riesce mai ad averla vinta;

MORACHIOLI 5.5 Non riesce a rendersi pericoloso;

ACAMPORA 6 Dà nuovo ossigeno al centrocampo;

ACHIK 6 Più pimpante di Kallon, cerca la giocata giusta;

MATINO sv

GIAMPAOLO 6 Affronta la capolista per non prenderle e porta a casa un punto. Con Cittadella e Brescia servirà ben altro per evitare una drammatica retrocessione in serie C.
tuttobari.com

 

 

 

29.04.24 - Lettera del sindaco Decaro ai giocatori del Bari... Ecco cosa dice!
Non giriamoci intorno, quella del Bari è stata una stagione disastrosa. Ma non è ancora finita. E allora ci sono due cose da fare.
La prima: voi calciatori, nelle prossime tre (o cinque) partite, dovete gettare in campo l’anima. Se ce l’avete.
Lo so, per voi retrocedere è solo un piccolo inciampo professionale. Il giorno dopo andate in vacanza, dimenticate tutto e pensate al prossimo contratto da firmare. Per tantissimi di noi baresi, gente semplice che vive la passione per la squadra di calcio in modo viscerale, sarebbe invece un colpo emotivo terribile. Soprattutto dopo l’11 giugno dell’anno scorso. E va evitato a TUTTI I COSTI.
La seconda cosa devono farla dirigenti e proprietari. Comunque vada a finire e qualunque sarà il futuro societario del Bari, bisogna prendere atto che quest’anno è accaduto qualcosa che va al di là della normale alternanza tra successi e delusioni sportive. Anche rispetto al nodo controverso della multiproprietà, che nel momento dell’assegnazione del titolo, si pensava sarebbe dovuto sciogliersi proprio quest’anno, nel 2024. E allora chi comanda deve assumersi le responsabilità dei tanti errori che ci hanno condotto fin qui. E deve farlo mettendoci la faccia, in un incontro pubblico aperto ai tifosi, che sono i veri, unici “azionisti” della squadra. Ho sbagliato qualcosa anch’io? Bene, sarò presente a quell’incontro per rispondere a tutte le vostre domande, come sempre, senza nessun filtro, senza nessun paracadute.
Ve lo devo, in nome della promessa che vi feci sui gradoni del Della Vittoria, nell'estate di sei anni fa.
Intanto domani, anche se non sono stato autorizzato, proverò a raggiungere la squadra in ritiro, per far capire a tutti, calciatori, tecnici e dirigenti, che il destino del Bari calcio è un bene prezioso per tutta la città e come tale va tutelato. Non so se servirà, ma ho il dovere di provarci.
Sindaco Antonio Decaro

 

 

27.04.24 - Crollo Bari, così sarebbe C diretta. Pari per lo Spezia, l'Ascoli vince lo scontro diretto: risultati e classifica
Sprofondo Bari: i biancorossi sono caduti con un rotondo 4-1 nel cruciale scontro diretto con il Cosenza, finendo in piena zona retrocessione diretta. In coda pesante successo dell'Ascoli in casa della Ternana, mentre lo Spezia ha fermato sullo 0-0 il Brescia. Sconfitta a Parma per il Lecco, matematicamente retrocesso in C.

Brescia-Spezia 0-0

Modena-Sudtirol 1-0

Parma-Lecco 4-0

Ternana-Ascoli 0-1

Cittadella-Feralpisalò 1-1

Cosenza-Bari 4-1

Palermo-Reggiana 1-2

Sampdoria-Como 1-1

La classifica:

Parma 73

Como 68

Venezia 67

Cremonese 60

Catanzaro 57

Palermo 52

Brescia 47

Sampdoria 46

Pisa 45

Cittadella 45

Sudtirol 43

Modena 43

Reggiana 43

Cosenza 42

Ascoli 37

Ternana 37

Spezia 37

Bari 36

Feralpisalò 32

Lecco 26.

tuttobari.com

 

 

20.04.24 - Maita: "Sto vivendo malissimo questa situazione. Siamo forti, bisogna metterci nelle condizioni ideali per fare bene"
Il centrocampista Mattia Maita, intervenuto in conferenza stampa dopo l'1-1 contro il Pisa, ha affermato: "Chi è in questa squadra da più tempo come me sta vivendo male, ma veramente male, questa situazione. Il gruppo dell'anno scorso non era né migliore né peggiore di quello di quest'anno, non c'è mai stato un problema del genere. Quando i risultati non vengono tutto diventa buio, quello che a me fa male è che questa formazione sia passata per scarsa. Noi siamo forti e dobbiamo essere messi nelle condizioni giuste per esprimere il nostro valore".

Maita ha proseguito: "Abbiamo preparato la partita in modo diverso, quando hai esterni che saltano l'uomo devi metterli nelle condizioni ideali. Ci stiamo rimboccando le maniche per la salvezza, perché questa squadra non merita di stare lì. Se fai due punti in otto partite qualcosa che non va c'è, costruivamo e tiravamo poco, per noi in mezzo al campo era una sofferenza. Questo cambiamento di oggi dimostra il nostro valore, lo dobbiamo tirare fuori nelle ultime quattro partite".

Il centrocampista è tornato sulla stagione: "Se sono saltati tre allenatori ci sarà un motivo. Gli infortuni sono stati tanti, con giocatori che fanno la differenza, sia per caratteristiche che emotivamente. È vero, mancano i punti. Non è facile, soprattutto per chi è nuovo, a Bari è normale che ci sia pressione, ma a volte in noi calciatori scatta un po' di paura. Ora siamo a quattro partite dalla fine, è inutile parlare del passato perché bisogna ripartire e portare la barca in porto. Noi abbiamo bisogno di compattare tutto l'ambiente, se andiamo in C ci andiamo tutti. Per me sarebbe un fallimento vitale, mia figlia è cresciuta qui, per me è casa. Ci sono stato male".

Maita ha chiuso: "Io non mi perdonerei mai una retrocessione. Bisogna pensare di voler vincere tutte le partite, ora serve fare punti. Io ho visto qui sessantamila persone, per noi sentire la vicinanza dei tifosi è fondamentale, questo attaccamento fa capire l'importanza di giocare a Bari".
tuttobari.com



20.04.24 - Giampaolo: "Secondo tempo perfetto, il pareggio ci va stretto. La mentalità dev'essere offensiva. Brenno? Ecco perchè"
Il tecnico biancorosso Federico Giampaolo è intervenuto in conferenza stampa dopo il pareggio per 1-1 contro il Pisa, nella sua prima partita sulla panchina dei galletti: "Il gol subito in avvio? In settimana avevamo preparato la gara convinti che loro avrebbero usato un altro modulo, nei primi dieci minuti la squadra non è riuscita a capire bene la situazione. Poi siamo riusciti a giocare come sappiamo, la prestazione è stata ottima con un secondo tempo perfetto, loro hanno fatto una sola azione offensiva al trentatreesimo".

Giampaolo ha proseguito: "Abbiamo avuto tre o quattro occasioni per andare in vantaggio, ci è mancato solo il gol e il pareggio ci va stretto. Dobbiamo creare mentalità vincente, a poche partite dalla fine bisogna avere idee chiare. Abbiamo giocatori bravi nell'uno contro uno e bisogna sfruttarli al massimo, al contempo serve equilibrio in fase di non possesso. Questo pareggio ci deve dare fiducia e autostima, la squadra ha spinto sull’acceleratore, la mentalità dev'essere questa, serve attaccare l'avversario senza paura".

Sul lavoro svolto in settimana: "Siamo arrivati in punta di piedi, io non sono nessuno e non ho la presunzione di fare chissà cosa. Abbiamo provato a trasmettere serenità, bisogna giocare a calcio cercando di portare i calciatori al massimo delle loro disponibilità. L'ansia e la tensione c'è, all'inizio la squadra era un pochino bloccata, pian piano però si è liberata. Nel secondo tempo abbiamo attaccato con tutti gli effettivi. Dobbiamo giocarci tutte le partite al massimo delle possibilità".

Ancora sul tema: "Io mi metto sempre nei panni dei giocatori. Cambiando tanti allenatori ci sono diverse idee di calcio e metodologie d'allenamento, è normale un po' di disorientamento. Abbiamo provato a dare serenità, oggi i ragazzi hanno dato tutto. La chiave è quella, quando hai un gruppo di professionisti bisogna entrare e cercare di dare loro fiducia e autostima. Durante la settimana ho ricevuto feedback positivi, la squadra era entusiasta. Non siamo allenatori esperti, mettiamo tutto quello che abbiamo, avere più teste per il bene del Bari è sempre meglio".

Il tecnico ha parlato della scelta di schierare Brenno titolare: "Abbiamo optato per Brenno perché il portiere titolare è stato sempre lui. Pissardo ha fatto benissimo a Como, eravamo un po' indecisi, ma a questo punto l'uno vale l'altro. Anche chi subentra può essere importante per la causa".
tuttobari.com



20.04.24 - Kallon: "Colloquio con i tifosi? Stavo per piangere. Bisogna dare tutto, Bari lo merita! Su Iachini..."
Dopo un lungo periodo, Kallon è tornato tra i titolari nella sfida con il Pisa. Questo il suo commento nel post partita della gara, terminata 1-1, ai microfoni di RadioBari: "Il pareggio ci lascia speranza, perché abbiamo lavorato tanto. Speriamo di continuare come il secondo tempo. Sto cercando di aiutare la squadra, nel primo tempo ci hanno sorpreso e poi nel secondo ci siamo organizzati".

Oggi cambio modulo: "Abbiamo avuto difficoltà, ora abbiamo cambiato modulo e con questo abbiamo fatto bene e cerchiamo di lavorare bene per sabato". Parole al bacio per i tifosi: "Proprio per i tifosi dobbiamo lavorare. Ieri ho avuto i brividi, stavo per piangere. Ma non bisogna piangere, bisogna dare tutto sul campo perché la Bari lo merita".

Con Iachini poco spazio, questo il suo punto di vista: "Ogni allenatore ha le sue idee, ogni giocatore dee accettare questo. Poi è arrivato l’infortunio e ho lavorato tutti i giorni per recuperare".
tuttobari.com



20.04.24 - Serie B, pioggia di 0-0. Como e Venezia si avvicinano al Parma. Risultati e classifica
Nelle prime quattro gare di questo sabato di Serie B sono finite in pareggio le partite di Ascoli, di Bari e di Brescia, mentre al Garilli ha vinto a valanga il Como contro la Feralpisalò. Di seguito, i risultati e la classifica aggiornati.

Venerdì 19 aprile

Ore 20.30

Palermo - Parma 0-0

Reggiana - Cosenza 0-4

Sabato 20 aprile

Ore 14.00

Ascoli - Modena 0-0

Bari - Pisa 1-1

Brescia - Ternana 0-0

Feralpisalò - Como 2-5

Ore 16.15

Catanzaro - Cremonese 0-0

Lecco - Venezia 1-2

Spezia - Sampdoria 0-0

SudTirol - Cittadella 0-0

CLASSIFICA

Parma 70

Como 67

Venezia 64

Cremonese 60

Catanzaro 56

Palermo 52

Brescia 46

Sampdoria 45

Pisa 44

Cittadella 43

Sudtirol 42

Modena 40

Reggiana 40

Cosenza 39

Ternana 37

Bari 36

Spezia 36

Ascoli 34

Feralpisalò 31

Lecco 26
tuttobari.com

 

 

15.04.23 - Comunicato UFFICIALE SSC BARI: Iachini esonerato, la squadra passa a....
Dopo un lungo confronto tra le parti, SSC Bari comunica di aver sollevato Giuseppe Iachini dall’incarico di allenatore responsabile della Prima Squadra.

La Società ringrazia il tecnico marchigiano per la professionalità e la dedizione dimostrati ed augura allo stesso le migliori fortune.

Nel contempo la guida tecnica della Prima Squadra viene affidata, fino al termine della stagione, a mister Federico Giampaolo, fino ad oggi tecnico della Primavera biancorossa.
SSC BARI

 

 

13.04.24 - Iachini: "Il gol sbagliato da Puscas ha inciso. Dobbiamo cambiare rotta, ma i ragazzi non stanno mollando"
Il tecnico del Bari, Giuseppe Iachini, ha parlato ai microfoni di RadioBari al termine del match perso dai biancorossi per 2-1 contro il Como. Ecco le sue parole:

"Noi siamo venuti qui per giocarci la partita. Abbiamo avuto delle occasioni: un buon tiro di Aramu, poi loro hanno interrotto qualche buona azione con dei falli tattici e soprattutto la grande chance con Puscas, e quelle sono palle che vanno messe dentro. Dobbiamo essere più cinici. Nel secondo tempo abbiamo cambiato qualcosa tatticamente, siamo arrivati in area più spesso. La squadra non ha mollato, è venuta qui per vincere ma siamo stati condannati dagli episodi. Oggi il Como ha creato qualche palla in ripartenza ma rispetto ad altre partite ha creato meno".

Sul primo gol subito: "La squadra è stata sempre corta, nell'occasione del gol siamo stati costretti a scappare indietro. Avremmo dovuto fare più cambi di gioco per mettere in difficoltà gli esterni. Nella partita l'episodio fondamentale è stato il gol sbagliato da Puscas e subito dopo il gol del vantaggio del Como, dove è stato molto bravo l'attaccante avversario".

Sul periodo nero della squadra: "Purtroppo non stiamo raccogliendo, non abbiamo mai demeritato. Nelle ultime 5 gare siamo stati più sfortunati che altro e non siamo riusciti a far girare la fortuna dalla nostra. Anche oggi hanno lottato, ma purtroppo conta chi fa più gol dell'altro. Non ci riusciamo e questo è il nostro difetto. Negli ultimi mesi la squadra ha giocato sotto pressione, ma in campo bisogna andare a giocarle le partite. Toccherà a noi far cambiare la rotta, stiamo pagando dazio perché stiamo segnando meno di quanto abbiamo creato".

Sulla condizione fisica di alcuni giocatori: "Di Aramu conosciamo il suo percorso, stiamo cercando di recuperarlo al meglio. Diaw è venuto con noi ma aveva dolore alla schiena. Maita ha avuto qualche problema e sta recuperando dall’infortunio contro la Feralpi. I ragazzi sono questi e con questi dobbiamo cercare di portare i punti a casa. Sull'impegno e la partecipazione dei ragazzi non posso dire nulla, la squadra ci crede e non molla".
tuttobari.com



13.04.24 - Zuzek, ennesimo errore. Male Maita e Aramu. Le pagelle dei biancorossi
Sesta sconfitta nelle ultime otto per il Bari che sprofonda in piena zona playout. I biancorossi perdono 2-1 al Sinigaglia: Puscas nel finale accorcia le distanze per i suoi.

Di seguito le pagelle:

PISSARDO 6 Non ha responsabilità sulle reti incassate. Attento in un paio di circostanze dove evita guai peggiori;

MATINO 5.5 A volte efficace, altre volte meno. Irruento, rischia il rosso nella prima frazione;

VICARI 5.5 Dovrebbe dare sicurezza al reparto ma anche lui crolla insieme al resto della squadra;

ZUZEK 4.5 I soliti gravi errori in marcatura: perde Gabrielloni in occasione dell'1-0;

PUCINO 5.5 Svolge il compitino con qualche errore palla al piede;

MAITA 4.5 Perde un'infinità di palloni. Prestazione da dimenticare;

BENALI 5.5 E' l'unico che prova a far qualcosa ma i compagni sembrano non seguirlo;

DORVAL 5.5 Tra i più positivi nei primi 45 minuti. Cala nella seconda frazione;

BELLOMO 5.5  Parte bene per poi spegnersi e innervosirsi nel corso del match;

ARAMU 5 Impalpabile. I suoi calci piazzati sono preda della difesa di casa;

PUSCAS 5 Si divora il gol dello 0-1. Cerca di rifarsi nel finale con il gol della bandiera;

EDJOUMA 5.5 Prova a dare maggiore fisicità ma non basta;

ACHIK 5 Non segue Da Cunha che infila Pissardo. Poi solo tanta confusione sull'out destro;

NASTI 5 Ha sui piedi l'occasione per accorciare le distanze ma la fallisce. Sulla ribattuta Puscas trova il gol;

MORACHIOLI 6 Tenta di dare maggiore brio al reparto avanzato;

RICCI sv

IACHINI 4.5 Il suo score sarebbe da esonero immediato. Anche a Como l'ennesimo Bari senza nè capo nè coda, con tante scelte di formazione discutibili.
tuttobari.com



13.04.24 - Bari ancora ko. Ternana e Cosenza portano i biancorossi in zona playout. Risultati e classifica
Pomeriggio disastroso in casa Bari. La squadra di Beppe Iachini ha perso ancora nel pomeriggio contro il Como secondo in classifica. La vittoria della Ternana sul campo della Cremonese, poi, condanna i biancorossi in zona playout. Dai quali si allontana, invece, il Cosenza che, contro il Palermo dell'ex Mignani ottiene un punto prezioso. Cade a Parma, invece, lo Spezia. Di seguito i risultati di giornata e la classifica.

Venerdì 12 aprile
Ore 20.30
Modena-Catanzaro 1-3

Sabato 13 aprile
Ore 14.00
Cittadella-Ascoli 0-0
Como-Bari 2-1
Cremonese-Ternana 1-2
Pisa-Feralpisalò 3-1
Sampdoria-Sudtirol 0-1

Ore 16.15
Parma-Spezia 2-0
Lecco-Reggiana 1-0
Cosenza-Palermo 1-1

Domenica 14 aprile
Ore 16.15
Venezia-Brescia

CLASSIFICA:

Parma 69

Como 64

Cremonese 59

Venezia 58*

Catanzaro 55

Palermo 51

Brescia 45*

Sampdoria 44 (-2)

Pisa 43

Cittadella 43

Sudtirol 42

Reggiana 40

Modena 39

Ternana 36

Cosenza 36

Bari 35

Spezia 35

Ascoli 33

Feralpisalò 31

Lecco 26

* Una partita in meno
tuttobari.com

 

 

06.04.24 - Il club riflette sulla posizione di Iachini. Pesa il contratto del tecnico
In casa Bari, secondo quanto riferito da TeleBari, sono ore di riflessione sul futuro di Iachini. L'ennesima sconfitta ha peggiorato ulteriormente il bilancio biancorosso nel recente periodo, con i galletti che hanno raccolto appena due punti in sette partite: un ritmo da retrocessione diretta. Proprio per questo la posizione del tecnico non appare saldissima, anche se sul piatto della bilancia c'è sicuramente il peso dell'oneroso contratto.

La società, secondo l'emittente, vorrebbe tentare di salvare il salvabile ed evitare la retrocessione, ma al momento ogni strada sembra difficilmente percorribile.
tuttobari.com



06.04.24 - Bari, rispunta l’incubo della retrocessione in C del 2004: alla 32^ giornata rendimento quasi identico
La rete subita in avvio dopo appena un giro di lancette, il nervosismo, i fischi a fine gara ed un’immagine, un fotogramma, quella di capitan Di Cesare quasi in lacrime a fine gara, che racchiude l’ennesima serata negativa vissuta dai biancorossi di Iachini. Due punti in sette gare sono troppo pochi per tentare di raggiungere la salvezza, va bene la sfortuna, gli infortuni e tutto ciò che da inizio stagione pare girare sempre storto ma la realtà dice che il Bari, da qui a qualche ora, potrebbe ritrovarsi clamorosamente nei meandri della zona play-out dai quali, ad oggi, uscirne non sarà facile.

La tifoseria è ad un passo da rivivere alcuni incubi del passato perché, a quanto pare, anche lo stesso Iachini sembra aver perso la bussola della situazione. Di certo, se ben tre allenatori non sono riusciti ad ottenere risultati eccelsi con questo organico, il problema non risiede nella guida tecnica, ma nella costruzione della squadra per la quale il buon Mignani, in silenzio, aveva ev
In un campionato che vide avvicendarsi in panchina prima Marco Tardelli e poi Bepi Pillon, l’allora regular season fatta di ben 46 incontri vide il Bari alla 32^ giornata di quella stagione, totalizzare 34 punti, appena uno in meno degli attuali 35 con 8 vittorie, una in più delle sette dell’annata corrente, 10 pareggi e 14 sconfitte. Come andò a finire lo rammentano tutti molto bene perché il 19 giugno 2004, nel ritorno dello spareggio play-out contro il Venezia, dopo l’1-0 del “San Nicola” firmato Bruno, i galletti furono costretti a soccombere in Laguna per 2-0 venendo condannati alla retrocessione, quest’ultima poi evitata grazie ad un ripescaggio. Il Bari, come Dante Alighieri, pare essersi smarrita in una “selva oscura”: riuscirà a ritrovare la “retta via”? Francamente, alla luce delle attuali premesse, appare veramente difficile.
tuttobari.com



06.04.24 - Puscas, altra bocciatura. Diaw ci prova, Sibilli nervoso: contro la Cremonese l’ennesimo passo indietro
Cosa salvare del k.o contro la Cremonese? Ben poco, se non la prestazione del solito Di Cesare e la rete di Edjouma nel finale che a poco è servita. Trovare una via d’uscita in questo disordine generale non è compito facile ed un eventuale cambio di allenatore a poco servirebbe. Nel frattempo, per il paziente o meglio lungodegente Bari, continua a persistere il problema attacco ormai irrisolvibile.

A far rumore, in particolare, parole di Pavan a parte in conferenza stampa, è la bocciatura di Puscas, colui che avrebbe dovuto risolvere la sterilità offensiva dei biancorossi. Eppure, così non è stato e le prestazioni non eccelse, hanno portato Iachini ad optare per altre scelte, vedi ieri Diaw che appena rientrato dal lungo infortunio che lo ha tenuto ai box per molto tempo, è stato lanciato nella mischia al posto del rumeno. L’ex Modena, con una prestazione appena insufficiente, si è reso pericoloso in avvio di gara cercando di apportare maggiore mobilità e dinamismo alla fase offensiva. Alla lunga però, anche lui è stato risucchiato dalla prestazione opaca della squadra, soprattutto dopo lo 0-2, venendo poi sostituito dal baby Colangiuli.

Se poi anche Sibilli, capocannoniere dei biancorossi, continua a non rendere più come prima, allora c’è veramente da preoccuparsi. Sì, perché anche l’ex Pisa è una fotocopia sbiadita di quello ammirato fino ad alcuni incontri fa. Il suo nervosismo, sempre più palese, non aiuta la squadra e la sostituzione a fine primo tempo di Modena, è stato sicuramente un segnale lanciato da Iachini. A sei giornate dal termine della regular season, la situazione pare essere diventata molto intricata: di questo passo, considerando come dietro corrano, anche i play-out potrebbero essere a rischio…
tuttobari.com

 

 

02.04.24 - Napoli, scelto il nuovo diesse. Non sarà Ciro Polito
Il Napoli avrà presto un nuovo diesse. Avrebbe sciolto gli indugi l'altro club dei De Laurentiis, scegliendo un dirigente attualmente alla Juve. "Sarà Giovanni Manna, attualmente primo collaboratore di Giuntoli alla Juve. Un profilo perfetto per lanciare il progetto azzurro: Manna ha fiuto sul mercato e un’ottima conoscenza soprattutto sui giovani, come dimostra il passato da responsabile tecnico della Next Gen bianconera". A scriverlo La Gazzetta dello Sport.
tuttobari.com



02.04.24 - Il Bari torna a fare punti fuori casa a distanza di più di due mesi. Ma per la salvezza non basta
Era il 21 gennaio 2024 ed il Bari di Marino impattava ad Ascoli per 2-2 complice la rimonta subita da parte dei padroni di casa. Da quel momento, i biancorossi fuori casa non sono più riusciti a fare punti totalizzando solo ed esclusivamente sconfitte, ben quattro fra Palermo, Bolzano, Catanzaro e Venezia. Molti, di conseguenza, si interrogano su quanto scaturito dal “Braglia”, in quanto se da una parte c’è chi sostiene che qualche segnale positivo la trasferta in terra emiliana abbia prodotto, dall’altra c’è chi, giustamente, alla luce dei risultati avversari, considera il pari fra le mura amiche dei canarini una sconfitta.

Sì perché la zona play-out è ormai ad un punto e i risultati degli provenienti dagli altri campi non lasciano spazio ad interpretazioni. Infatti, lo Spezia continua ad incanalare risultati utili consecutivi e la vittoria della FeralpiSalò in casa della Cremonese, di certo non aiuta considerando che adesso la penultima posizione è a cinque punti.

Fa riflettere, inoltre, il dato relativo alla fase realizzativa negli ultimi cinque incontri in trasferta, fatto di due centri senza considerare il gioco, a tratti di rimessa, adottato dai galletti. C’è tanto da fare, ogni errore da qui in poi potrebbe essere pagato a caro prezzo.
tuttobari.com



02.04.24 - Bianco e la polemica dopo il Bari. Da "Siete poveri" a "vaffa", la reazione ad una testata modenese
Un pareggio amaro per il Modena. Ieri gli emiliani sono stati riacciuffati dal Bari. Segno del nervosismo, per il sito di Sportitalia, una reazione di Bianco, tecnico dei canarini. Intervistato da Tv Qui, si legge, "il tecnico dei gialloblù non ha gradito una domanda di un collega della testata modenese esclamando: “Siete poveri”. Presumibilmente riferito al contenuto della domanda. Successivamente si è fatto sfuggire un “Vaffa”. Il tutto è accaduto dopo la sfida pareggiata dal Modena contro il Bari, l’ennesima gara senza vittoria per la squadra di Bianco".
tuttobari.com

 

 

16.03.24 - Bari-Samp, petardo nel settore ospiti: ferito bimbo di otto anni
Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, durante la gara tra Bari e Sampdoria, nel settore ospiti del San Nicola, è esploso un petardo che ha ferito un bambino di otto anni.

Il piccolo tifoso è stato subito trasportato in ospedale ma, fortunatamente, le sue condizioni non sarebbero gravi.
tuttobari.com



16.03.24 - Terzini mediocri, Puscas impreciso e sfortunato. Sibilli sbaglia dal dischetto. Le pagelle
Quarta sconfitta nelle ultime cinque gare per il Bari. La Sampdoria espugna il San Nicola grazie alla rete di Kasami al minuto 87. L'ennesima beffa di una stagione sin qui terribile per i supporters biancorossi.

Di seguito le pagelle LIVE:

BRENNO 6 Prova attenta. Nulla può su Kasami che lo beffa con un preciso destro;

VICARI 6 Tra i pochi a salvarsi. Attento in marcatura;

DI CESARE 5 Spesso in ritardo, perde Kasami in occasione dello 0-1;

MATINO 5.5 Approssimativo palla al piede ma nel complesso efficace in copertura. Esce per infortunio;

DORVAL 4.5 Dirottato a sinistra sbaglia quasi tutti i palloni. Disattento anche in fase difensiva;

MAITA 5 Sembra in palla ma pecca di precisione in fase di rifinitura. Mai pericoloso in area ospite;

BENALI 6 Prova a mettere ordine alla mediana. Prova sufficiente;

PUCINO 5 Cerca di metterci l'esperienza. I suoi cross non sortiscono gli effetti sperati;

SIBILLI 5 Dai suoi piedi nascono le occasioni più pericolose. Grave l'errore dal dischetto;

MORACHIOLI 6 Tanto movimento e qualche guizzo interessante. Cala nella ripresa;

PUSCAS 5 Meglio dal punto di vista fisico ma non incide sotto porta. Sfortunato in occasione della traversa;

ZUZEK 5.5 Doveva prestare maggiore attenzione in marcatura in occasione dell'azione dello svantaggio;

NASTI sv

MAIELLO sv

LULIC sv

KALLON sv

IACHINI 5.5 Dopo le prime due vittorie con Lecco e Feralpi, ha un ritmo da retrocessione. Con la Samp il suo Bari perde un'altra occasione per ritrovare i tre punti. Nelle prossime due settimane di sosta avrà l'arduo compito di conferire un minimo di identità ad una squadra che sta sprofondando tristemente verso l'oblio della C.
tuttobari.com



16.03.24 - Iachini: "Non sarei stato soddisfatto nemmeno di un pareggio. Vedo una crescita, ma non arrivano i risultati"
L'allenatore del Bari, Beppe Iachini, è intervenuto ai microfoni di RadioBari al termine della gara persa 0-1 contro la Sampdoria. Ecco le sue parole:

"Oggi non sarei stato soddisfatto nemmeno di un pareggio. Oggi la squadra ha giocato, ha palleggiato, abbiamo sbagliato qualcosa nell'ultimo passaggio. Nel secondo tempo abbiamo avuto tante opportunità, è un vero peccato per il gol, eravamo schierati, dovrò rivederlo. In una partita di 95 minuti ti ritrovi a commentare una sconfitta con grande amarezza per una sbavatura. Sono rammaricato per i nostri tifosi. Vedo crescita ma non è accompagnata dai risultati".

Sull'importanza della sosta: "La sosta servirà per continuare a lavorare sui principi delle ultime settimane, dobbiamo creare più occasioni e riempire più l'area oltre all'intensità nelle due fasi. Recupereremo giocatori importanti come Diaw e Menez e sono cose positive. La squadra inizia a conoscersi, lavoriamo tanto in settimana: se non giochi non crei. Sto cercando di insistere, ho visto una squadra sempre in crescita. Siamo da quaranta giorni insieme, attraverso il lavoro miglioreremo la fase realizzativa".

Sui troppi gol subiti negli ultimi minuti: "Le situazioni di Catanzaro e Venezia sono diverse perché stavamo cercando di recuperare, oggi non ci sono stati questi presupposti. Eravamo schierati, quindi dovevamo prestare più attenzione".

Sulla classifica: "Io devo guardare in campo e togliere qualche timore ai giocatori se c'è. Questa squadra per me ha possibilità di prendere in mano le partite, ma dobbiamo essere più concreti".

Su Nasti, espulso a fine gara: "Ha avuto un diverbio in campo, non so. Penso abbia protestato".
tuttobari.com

 

 

11.03.24 - Chi sale e chi scende - Puscas ritrova il gol. Bene Ricci e Nasti, male la difesa. Lulic ancora spento
Il Bari sbatte contro uno scoglio troppo grande e adesso naviga in acque torbide. Contro un attrezzato Venezia arriva la quarta sconfitta consecutiva in trasferta. Dopo i primi venti minuti da horror, arriva la reazione dei biancorossi ma, i due gol presi in avvio, compromettono la gara e il risultato. La prestazione nel complessivo è da salvare, insieme a qualche individualità. Di seguito i top e i flop della gara al Penzo.

CHI SALE - Prestazione positiva per Puscas che, dal suo arrivo, trova finalmente qualche pallone pulito e giocato con qualità. Arriva anche il gol, dopo un bel movimento. A servire il rumeno ci ha pensato un ottimo Ricci, che dalla sinistra ha creato la maggior parte dei pericoli. L'assist al compagno è frutto di una buona lettura sull'errore di Pohjanpalo. Solito buon Benali a centrocampo, mentre in avanti si è mosso bene anche Nasti, che si è reso pericoloso in un paio di occasioni.

CHI SCENDE - Male la difesa. I primi due gol arrivano in fotocopia con Matino e Di Cesare che perdono le marcature. Di Vicari, invece, il compito di marginare Svoboda, che invece effettua due assist. Per il centrale biancorosso partita da dimenticare: non sale in tempo e tiene in gioco Pohjanpalo sul terzo gol. Sbaglia tanti palloni anche Dorval, irriconoscibile nelle ultime uscite e sostituito anzitempo. Ancora fuori fase Lulic. In discesa anche la prestazione di Sibilli. Arginato e braccato dalla retroguardia avversaria, non riesce ad incidere come al solito.
tuttobari.com



11.03.24 - Iachini: "Abbiamo iniziato male, ma l'atteggiamento era quello giusto. Non siamo stati dominati, con i cambi ho provato a dare velocità"
Intervistato in esclusiva ai microfoni di TeleBari dopo la gara persa sul campo del Venezia, il tecnico dei galletti Giuseppe Iachini ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi.

Sull’atteggiamento: “Siamo scesi in campo per poter giocare una partita sviluppata bene, ma purtroppo al primo calcio d'angolo c'è stato questo episodio, al secondo ancora un altro molto simile dove dovevamo prestare sicuramente più attenzione e ovviamente la partita a livello psicologico per noi si è messa male. Già nel primo tempo siamo stati poi più arrembanti e abbiamo cominciato a giocare: li abbiamo schiacciati con personalità, abbiamo girato bene la palla e siamo andati dentro l'area avversaria. Ci è mancato qualcosa a livello tecnico: qualche passaggio sbagliato di troppo, qualche situazione di questo tipo, ma nel corso della partita ci può stare. A Catanzaro dopo la prima punizione finita all'incrocio dei pali abbiamo continuato a giocare e insistito. La squadra è stata in partita e ha costruito contro un'ottima squadra come il Venezia che si conosce. Peccato per Achik perché ha avuto una bellissima palla che sarebbe stata molto importante per la squadra, dato che in quel momento la partita avrebbe sarebbe cambiata a livello mettendo pressione agli avversari. Quando prepari una partita vuoi giocarla in quel modo, poi prendi gol sul primo e sul secondo calcio d'angolo ed è chiaro che quello può ammazzare anche un Toro. Ci è mancata quella cattiveria, anche perché sono situazioni da piazzato che abbiamo preparato con attenzione e che si potevano sicuramente evitare. Negli ultimi venti minuti la squadra ha cominciato a macinare gioco a giocare venendo fuori e riuscendo a ad andare a creare i presupposti per pareggiare la partita e per rimettere in piedi. Bisogna guardare oltre il risultato e studiare la partita: il Venezia non ci ha dominati e non siamo stati schiacciati in lungo e in largo”.

Sui cambi: “Alla fine ho provato a mettere velocità pensando che gli avversari potessero essere un po’ stanchi. Achik, Morachioli e Kallon potevano dare quel qualcosa nell'uno contro uno per andare a scardinare la difesa. Chiaramente questo ha portato purtroppo ad allargare le maglie - come è normale che sia - perché in queste situazioni qualcosa in più devi concedere.  Puscas era un po’ stanco e viene da un periodo particolare. Domenica scorsa non ha giocato, l'altra domenica neanche, aveva avuto qualche problemino e già gli avevamo tirato il collo. L’intercambio è fondamentale per la continuità fisica, ma oggi ho voluto provare questa situazione con le due punte e devo dire che si sono mossi molto bene. Tuttavia, abbiamo dovuto forzare con un'altra caratteristica, quella della velocità, con i difensori che avevano una certa stazza”.

Così sulla situazione infortuni: “C’è stata anche un po’ di sfortuna perché di Diaw è un giocatore da quattro mesi si aspetta che possa rientrare. L'alternanza delle punte con certe caratteristiche è fondamentale, e averli tutti a disposizione può aiutare per poter ulteriormente forzare la partita in una certa maniera. Gli infortuni ci hanno tolto qualche possibilità. Dopo la sosta vedremo di poter recuperare qualcuno e magari questo ci darà qualche freccia in più all'arco”.
tuttobari.com



11.03.24 - Venezia-Bari 3-1, le pagelle: difesa da rivedere, si accende Puscas. Male Morachioli e Achik
Il Bari perde 1-3 contro il Venezia nel posticipo della ventinovesima giornata del campionato di Serie B e scivola al 15esimo posto in classifica. Di seguito, le pagelle dei calciatori biancorossi.

BRENNO 6 Incolpevole sui gol subiti. Qualche buon intervento, soprattutto nel primo tempo, non facile dato il terreno fangoso.

MATINO 5.5 Gara non semplice contro dei clienti ostici. Energico ma spesso troppo irruento negli interventi.

DI CESARE 6 Va in difficoltà come i colleghi di reparto ma la sue esperienza gli permette di rimediare in diverse occasioni.

VICARI 5 Parecchie sbavature per l'ex Spal, che ha qualche colpa anche sugli ultimi due gol dei veneziani.

DORVAL 5 Tante palle perse, poca sostanza in fase offensiva e grande difficoltà in quella difensiva. Esce dopo circa un'ora di gioco.

LULIC 5.5 In costante affanno contro l'energico centrocampo lagunare. Tanti gli errori tecnici, troppi per un centrocampista.

BENALI 6 Gara in crescendo per il regista ex Brescia, che nella ripresa recupera un'infinità di palloni, unendo alla sua qualità una grande dose di sacrificio.

RICCI 6.5 Suo l'assist al bacio per il gol di Puscas. Più ispirato del solito sulla fascia, ma poco aiutato dal resto della squadra.

SIBILLI 5.5 Prova a rendersi, come al solito, il fulcro del giocoo offensivo biancorosso, ma non riesce ad incidere. Sfiora il gol su suggerimento di Puscas.

NASTI 5.5 Un tiro in porta nel primo tempo e qualche ripiegamento efficace, poi cala e viene sostituito.

PUSCAS 6.5 Suo il gol che accorcia le distanze. Si muove meglio del solito; troppo altruista in occasione del passaggio a Sibilli davanti a Joronen.

MAITA (dal 65') 5.5 Il suo ingresso non cambia la partita, ma il ritorno dopo l'infortunio in un campo così difficile non è da buttare.

MORACHIOLI (dal 65') 5 Ha sui suoi piedi un paio di occasioni per agguantare il pareggio appena entrato in campo, dopodichè esce dalla gara.

ACHIK (dal 65') 5 Come il collega ha un'occasione importante, che spreca. In fase difensiva fa un ruolo non suo, e si vede.

KALLON (dall'85') SV

GUIEBRE (dall'85') SV

IACHINI 5 Due gol pressocchè identitci subiti su palla inattiva non sono un caso. Prima parte di primo tempo da horror, meglio dopo il gol, ma non basta. Il Bari esce ancora una volta con le ossa rotte da una trasferta, e la posizione in classifica non rende facile il lavoro per il mister.
tuttobari.com

 

 

03.03.24 - Spezia, D'Angelo: "Il Bari ha fatto solo un tiro in porta. Dopo il gol avremmo dovuto continuare a spingere"
Il tecnico dello Spezia, Luca D'Angelo, ha parlato ai microfoni di RadioBari al termine della gara pareggiata contro il Bari 1-1. Ecco le sue parole.

"Meritavamo qualcosa in più, il Bari ha tirato solo una volta in porta, in occasione del gol di Sibilli, tra l'altro arrivato con una deviazione. Noi abbiamo fatto la partita, dopo il vantaggio avremmo dovuto continuare a spingere. Nel finale abbiamo spinto ma non siamo riusciti a segnare".

Sulla scelta del modulo a due punte: "Volevamo dare peso in attacco, Verde non stava benissimo, abbiamo preferito non rischiarlo".
tuttobari.com

 
Copyright © 2024 BARITUBE - SSC Bari calcio, video, foto, notizie, forum. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.