Tutto il CALCIOMERCATO del Bari!

 

Le operazioni di calciomercato condotte dall'SSC Bari (ex as Bari calcio, ex FC Bari 1908) sino a questo momento. Aggiornamenti continui su cessioni, acquisti, trasferimenti, calciomercato estivo ed invernale. Le ultime notizie sulla squadra dei galletti, statistiche, probabili formazioni, interviste a giocatori, allenatore e dirigenti.

 

 

 

Calciomercato Bari

 

24.02.24 - Iachini: "Dobbiamo lavorare. Mi dispiace per i tifosi, ecco come avevo preparato la partita"
Prima caduta per il Bari di Iachini. I biancorossi non riescono ad espugnare il Druso di Bolzano, che si rivela una prima trasferta deludente per il nuovo mister. Con il Sudtirol finisce 1-0, queste le parole dell'allenatore dei galletti nel post partita a RadioBari.

"Abbiamo fatto in fase di non possesso una discreta gara, il gol è arrivato da un errore di lettura. Non abbiamo fatto quello che abbiamo preparato nella fase di possesso, dobbiamo crescere. Abbiamo sbagliato a livello tecnico, su quello dobbiamo crescere velocemente. Nel secondo tempo siamo ripartiti meglio, ma dobbiamo essere più incisivi. Mi aspettato qualcosa in più. Dobbiamo insistere e lavorare."

SI è assistito ad un mister più calmo in panchina, ma il motivo è di carattere disciplinare: "Son stato più cauto per non prendere l'espulsione, mi avevano avvisato."

A centrocampo una partita difficile, questa la spiegazione sulle scelte: "Volevo creare una catena mancina a sinistra, per aprire la loro difesa e andare al cross sul secondo palo. Quando ho visto che non stava funzionando, per coprire su Casiraghi ho scambiato Acampora e Edjouma."

Settore ospiti sold out, un pensiero anche per i tifosi: "Mi dispiace per i nostri tifosi, mi aspettavo anche io di vedere di meglio."

Sulla possibilità di inserire degli esterni offensivi: "Ci ho pensato. Però non volevo far fare una cosa ai giocatori che non avevamo provato. E' una situazione tattica che non abbiamo avuto modo di provare."

L'atteggiamento sbagliato dei suoi: "Avevo chiesto di aggredire alti, ma non l'abbiamo fatto con la veemenza che serve in questo campionato. Sarà motivo di lavoro."

Sull'episodio del rigore, invece: "La palla è rimbalzata in area, era una lettura semplice, non so se Brenno l'ha chiamata e magari non ha visto l'avversario. E' un peccato perchè non era un'occasione da gol e ha spostato l'ago della bilancia."
tuttobari.com



24.02.24 - Brenno e Benali sbagliano, Edjouma e Puscas impalpabili. Le pagelle dei biancorossi
Un Bari semplicemente imbarazzante esce sconfitto dal Druso di Bolzano. Decide la rete di Casiraghi al 15' della ripresa. Tanti passi indietro per la formazione di Iachini dopo le vittorie con Lecco e Feralpi Salò.

Di seguito le pagelle LIVE:

BRENNO 4.5 Atterra nettamente Pecorino e regala il penalty ai padroni di casa. Decisivo in negativo;

DORVAL 5 Corre, corre ma sbaglia un'infinità di palloni. Prestazione mediocre;

MATINO 5.5 Qualche buona chiusura ma anche tante indecisioni;

VICARI 6 L'unico a salvarsi dell'undici iniziale. Con esperienza limita i danni;

GUIEBRE 5 Quanti errori in fase di palleggio. Un esordio dal 1' da dimenticare;

BENALI 5 Tra i meno peggio fino all'azione che porta al calcio di rigore. Lascia passare un pallone in modo superficiale;

EDJOUMA 4.5 Vaga in mezzo al campo regalando inspiegabilmente palloni agli avversari. In bambola;

ACAMPORA 5 Riproposto titolare dopo diverso tempo, conferma di non essere all'altezza della situazione;

SIBILLI 5.5 Nel marasma generale, prova a mettere ordine. Ci riesce sporadicamente. Se non si accende lui, è finita;

KALLON 5 Tanto movimento e pochissima concretezza. Esce nell'intervallo;

PUSCAS 5 Appesantito ed in ritardo su ogni pallone. Mai pericoloso dalle parti di Poluzzi;

NASTI 5 Perde tutti i palloni che gli capitano sui piedi;

RICCI 6 Prova a dare nuovo ossigeno alla corsia mancino;

LULIC 5.5 Il suo ingresso non regala linfa alla mediana;

MENEZ sv

BELLOMO sv

IACHINI 5 Non può fare miracoli dopo sole due settimane di lavoro ma il Bari visto al Druso è parso davvero poca roba. Squadra senza idee tattiche e senza verve. Occorrono più punti possibili da qua alla fine per raggiungere la salvezza.
tuttobari.com



24.02.24 - Serie B, il Bari perde a Bolzano, pareggio tra Cremonese e Palermo. Vince il Venezia. Risultati e classifica
Cade il Bari al Druso di Bolzano contro l Sudtirol, che si allontana dalla zona playout. Vincono in trasferta Catanzaro e Ascoli rispettivamente contro Cittadella e Feralpisalò. Rimonta il 10 uomini per la Cremonese, che pareggia 2-2 contro il Palermo; reti bianche tra Brescia e Reggiana. Nei match delle 16.15, vince il Venezia. Pareggi nelle altre due sfide. Di seguito, i risultati e la classifica parziale.

26esima giornata di Serie B

Venerdì 23 febbraio

20.30

Cosenza-Sampdoria 1-2

Sabato 24 febbraio

14.00

Sudtirol-Bari 1-0

Cremonese-Palermo 2-2

Brescia-Reggiana 0-0

Cittadella-Catanzaro 1-2

Feralpisalò-Ascoli 0-1

16.15

Como-Parma 1-1

Pisa-Venezia 1-2

Ternana-Lecco 0-0

Domenica 25 febbraio

16.15

Modena-Spezia

CLASSIFICA

Parma 55

Venezia 48

Cremonese 47

Palermo 46

Como 46

Catanzaro 42

Cittadella 36

Brescia 34

Modena 34*

Bari 33

Cosenza 32

Sudtirol 31

Sampdoria 31

Reggiana 31

Pisa 30*

Ascoli 26

Ternana 26

Spezia 25*

Feralpisalò 21

Lecco 21

*Una partita in meno
tuttobari.com

 

 

17.02.24 - Serie B, al Bari basta il rigore di Sibilli. Goleada Spezia, bene il Cosenza. Risultati e classifica
Tanti gol in questo pomeriggio di Serie B. Al Bari basta il calcio di rigore di Sibilli per superare la Feralpisalò; vincono in casa Parma e Spezia. Colpo della Ternana a Reggio Emilia, il Cosenza supera il Lecco. Di seguito, i risultati e la classifica parziale.

Venerdì 16 febbraio
Ore 20.30
Ascoli-Cremonese 0-0

Sabato 17 febbraio
Ore 14.00

Bari-Feralpisalò 1-0

Lecco-Cosenza 1-3

Parma-Pisa 3-2

Reggiana-Ternana 0-2

Spezia-Cittadella 4-2

Ore 16:15

Catanzaro- Sudtirol

Palermo-Como

Sampdoria-Brescia

Domenica 18 febbraio
Ore 16:15
Venezia-Modena

CLASSIFICA

Parma 54

Cremonese 46

Como 45*

Venezia 44*

Palermo 42*

Catanzaro 38*

Cittadella 36

Bari 33

Modena 33*

Brescia 32*

Cosenza 32

Pisa 30

Reggiana 30

Sudtirol 27*

Sampdoria 27*

Ternana 25

Spezia 25

Ascoli 23

Feralpisalò 21

Lecco 20

* una gara in meno
tuttobari.com



17.02.24 - Iachini: "Gruppo compatto, mi è piaciuto lo spirito. I cambi sono importanti. A Sibilli va fatto un plauso”
Il tecnico biancorosso Giuseppe Iachini, intervenuto in conferenza stampa dopo la vittoria per 1-0 sulla Feralpisalò, ha detto la sua sulla gara: "Abbiamo fatto solo otto giorni di lavoro, non posso pretendere tutto ciò che vorrei. La squadra però come abnegazione e voglia di portare a casa la vittoria è sulla strada giusta. Il Bari non ha rischiato quasi nulla contro una squadra ostica e ha dimostrato di essere un gruppo solido e compatto. Abbiamo sbagliato qualche palla a livello tecnico, ma siamo rimasti sempre ordinati e bravi nelle riaggressioni. Stiamo lavorando sul tenere la squadra corta".

"Abbiamo dei ragazzi che vengono da alcuni infortuni. Menez viene da un operazione al crociato, pretendere tutto e subito non si può, dobbiamo aspettarlo e accompagnarlo. Lui ha giocato in grandi squadre, avrebbe potuto stare a casa a prendersi lo stipendio e invece ha lavorato al massimo per poter dare subito una mano al Bari. Anche Puscas è andato meglio, ha fatto a sportellate e ha aperto le difese avversarie".

"Mi è dispiaciuto per qualche fischio per qualche ragazzo" - ha continuato il tecnico marchigiano - "Lo capisco, ma dobbiamo essere più positivi tutti insieme. Sentivo parlare di playout, adesso si parla di altro. Sono arrivato per riempire lo stadio e fare bene, ovunque sono andato sono riuscito a portare tanta gente al campo. Uno stadio con 30mila o 40mila persone fa paura".

Sugli errori fatti: "Sono un lavoratore di campo, so che con il lavoro si può raggiungere la perfezione. Ci vuole tempo, ma oggi con tutte le problematiche serve portare a casa i tre punti. Per quello che faccio fare io ai ragazzi bisogna portare a piccole dosi tipi di allenamento diversi. Le mezzali hanno fatto bene in fase di non-possesso, qualcosa da migliorare quando si ha la palla. Sul piano dello spirito e l'attenzione hanno fatto una buona gara. L'avversario ci ha chiuso bene le linee di passaggio, avremmo dovuto far girare la palla con più velocità. Avevamo preparato i cambi di gioco, non sempre l'abbiamo fatto bene. Abbiamo margini di crescita, possiamo anche diventare più bellini. Sono fiducioso, non dobbiamo perdere compattezza".

Sull'ingresso di Lulic: "Lulic viene da quasi un anno di inattività, è entrato bene. Mi aspetto tanto dagli ingressi in campo, un atteggiamento giusto. Durante la settimana lavorano tutti alla stessa maniera, i cambi sono fondamentali".

Su Sibilli, che ha giocato titolare dopo una settimana di lavoro differenziato: "A Sibilli va fatto un plauso, ha lavorato con un dolore alla caviglia. Lui può darci determinate caratteristiche per scardinare le difese avversarie. Questo è lo spirito giusto che sto riscontrando. Avremo bisogno di una sosta, invece abbiamo tre partite ravvicinate. I tempi sono stretti, dobbiamo fare di necessità virtù. Nel frattempo dobbiamo ragionare esclusivamente per vincere".

Sull'assenza di Di Cesare alla prossima "Chiunque vada dentro mi aspetto che faccia a fotocopia quello che fanno i compagni di cui prendono il posto. Devono dimostrare di potermi mettermi in difficoltà".
tuttobari.com



17.02.24 - Di Cesare migliore in campo, Sibilli e Brenno decisivi. Opaco Menez. Le pagelle
Con tanta fatica il Bari supera una coriacea Feralpi Salò grazie alla rete dal dischetto del solito Giuseppe Sibilli. I biancorossi raggiungono quota 33 punti in classifica.

Di seguito le pagelle:

BRENNO 6.5 Salva i suoi con un intervento di livello su Di Molfetta. Per il resto ordinaria amministrazione;

DORVAL 6 Più bloccato del solito sull'out destro. Tiene a bada Felici;

DI CESARE 7 Dalle sue parti non si passa fino all'ultimo secondo di partita. Argina le punte ospiti;

VICARI 6.5 Presidia con esperienza la sua zona di campo. Attento a non farsi superare;

RICCI 6 Spinge più di Dorval, rischiando qualcosina in fase difensiva. Prestazione sufficiente;

MAITA 6 Sbroglia diverse situazioni intricate, cercando anche qualche sortita offensiva. Esce per infortunio;

BENALI 6.5 Tra i migliori dell'undici biancorosso. Metronomo e diga in mezzo al campo;

EDJOUMA 5.5 Sbaglia tanto palla al piede. Cresce nel finale ma ci si aspetta di più;

SIBILLI 6.5 Le non perfette condizioni fisiche lo limitano. Decisivo dal dischetto;

MENEZ 5 Mai realmente nel match. Non incide dalle parti di Pizzignacco;

PUSCAS 5.5 Non riesce quasi mai a rendersi pericoloso. Gioca molto di sponda. La sua condizione non è ancora ottimale;

KALLON 5.5 Sembrerebbe voler spaccare il mondo ma finisce per sciupare un paio di potenziali occasioni;

LULIC 6 Non entra benissimo nel match. Poi ha il merito di procurarsi il penalty;

MATINO sv

NASTI sv

IACHINI 6 Ancora una vittoria dopo quella ottenuta con il Lecco. Con la Feralpi, il Bari vince ma non convince, soprattutto nella fase di possesso. Per il momento va benissimo così.
tuttobari.com

 

 

14.02.24 - Iachini, ‘voglio una squadra di carogne’. Tre giocatori che possono essere pilastri del nuovo Bari
Nel corso della conferenza stampa tenuta da Iachini post Bari-Lecco, ha colpito l’espressione utilizzata: “voglio una squadra di carogne”. Un modo molto diretto e incisivo per indicare la volontà di costruire una squadra che sappia combattere – su ogni pallone e in ogni partita –, che abbia la giusta cattiveria e la cazzimma per prendersi le vittorie. In tal senso ci sono alcuni giocatori che sembrano avere queste caratteristiche connaturate e che possono, dunque, essere pilastri nel Bari del nuovo corso.

Il primo da menzionare è certamente Giuseppe Sibilli. Lui che è “napoletano dentro”, come ci ha raccontato qualche mese fa il suo ex capitano Robert Gucher, sembra incarnare perfettamente questi valori richiesti dal nuovo mister biancorosso. Anche da un punto di vista tattico, è chiaro che il leader tecnico della rosa biancorossa è sempre il punto di partenza da cui fare la formazione. Per lui finora 8 gol e la doppia cifra nel mirino.

Un giocatore che si era un po’ imborghesito nelle precedenti gestioni è Mattia Maita. Il vice-capitano biancorosso, però, ha fatto del lavoro e della determinazione le proprie bussole. Grazie alla sua costanza, alla sua grinta e alla sua applicazione Maita è diventato nel corso delle stagioni uno dei simboli del Bari e della baresità. Nelle ultime settimane è in grande crescita. Centrocampo a 3 o a 2, comunque vada Mattia sarà un punto di riferimento.

Infine, da menzionare George Puscas. Il suo allenatore ai tempi del Novara, Mimmo Di Carlo, aveva detto ai nostri microfoni che il rumeno è un con la ‘cazzimma’. Nelle prime settimane della sua nuova avventura biancorossa Puscas ha faticato, però Iachini, con il fiuto dell’allenatore esperto, l’ha tenuto in campo contro il Lecco facendolo sbloccare. Il gol può dargli quella fiducia necessaria per farlo diventare sempre di più un punto di riferimento del nuovo Bari.
tuttobari.com

 

 

10.02.24 - Benali e Maita migliori in campo, Edjouma in crescita. Menez non si accende. Le pagelle
Torna il sereno al San Nicola. Il Bari supera 3-1 il Lecco grazie alle reti di Benali, Puscas e Sibilli. Comincia nel migliore dei modi l'avventura di Beppe Iachini alla guida dei biancorossi.

Di seguito le pagelle:

BRENNO 6 Miracoloso sul calcio piazzato di Lepore. Rivedibile in uscita in occasione del gol ospite;

DORVAL 6.5 In chiaroscuro nella prima frazione. Tra i migliori nella ripresa. Suo l'assist per il 3-0;

VICARI 6 Presidia la sua zona di campo in modo efficace. A volte ha la meglio sugli avversari con le cattive;

DI CESARE 6.5 Fino alla sua uscita dal campo, il Bari non rischia nulla. Rientro troppo importante;

RICCI 6 Gara dai due volti. Decisamente più in palla nei secondi 45 minuti;

MAITA 7 Torna protagonista con una prestazione maiuscola. Pregevole il tocco di tacco per il raddoppio di Puscas;

EDJOUMA 6.5 La sua fisicità a metà campo mette in seria difficoltà la mediana lombarda. In crescita;

BENALI 7 Dominatore del centrocampo. Splendido il bolide vincente con cui apre il tabellino dei marcatori;

SIBILLI 6.5 Nel primo tempo non si accende. Perfetto il suo inserimento con cui chiude i conti. Esce per infortunio;

MENEZ 5.5 Ci prova in tutti i modi ma non riesce a trovare il guizzo giusto per pungere;

PUSCAS 6 Gara da dimenticare fino al 53' quando con una precisa zampata batte Melgrati;

MATINO 6 Attento a chiudere varchi agli ospiti. Non perfetto in occasione della marcatura ospite;

NASTI 6 Si batte con generosità con la squadra già in vantaggio di due reti;

MAIELLO 6 Disputa una buona mezz'ora per recuperare minutaggio dopo un lungo stop;

LULIC sv

KALLON sv

IACHINI 6.5 Firma la sua prima vittoria, il giorno dell'esordio al San Nicola. Conquista tre punti pesantissimi al cospetto di un Lecco non irreprensibile. Sarebbe troppo importante bissare il successo odierno nel prossimo match interno con la Feralpi.
tuttobari.com



10.02.24 - Il Bari vince, si avvicina ai playoff e fa il vuoto sui playout. Bene Catanzaro e Pisa: risultati e classifica
Vittoria pesante per il Bari, che battendo per tre reti a uno il Lecco ha ritrovato il sorriso dopo un periodo difficile e si è riportato a sole tre lunghezze di distanza dai playoff, allungando contestualmente a +8 sulla zona rossa. Nelle altre gare del tardo pomeriggio pesante successo del Pisa, che ha sconfitto per due reti a zero la Sampdoria, mentre il Catanzaro ha superato in rimonta l'Ascoli.

Nelle gare del pomeriggio successo importante del Parma, che ha battuto in trasferta il Cittadella, mentre la Cremonese non è andata oltre il pari casalingo con la Reggiana. Vittorie anche per Palermo e Venezia. Di seguito i risultati e la classifica:

Ore 16.15

Bari-Lecco 3-1

Catanzaro- Ascoli 3-2

Pisa-Sampdoria 2-0

Ore 14

Cittadella-Parma 1-2

Cremonese-Reggiana 1-1

Feralpisalò-Palermo 1-2

Modena-Cosenza 1-1

SudTirol-Venezia 0-3

Como-Brescia 1-0 (Giocata ieri)

Domani, ore 16.15

Ternana-Spezia

Classifica:

Parma 51

Cremonese 45

Como 45

Venezia 44

Palermo 42

Catanzaro 38

Cittadella 36

Modena 33

Brescia 32

Pisa 30

Reggiana 30

Bari 30

Cosenza 29

Sudtirol 27

Sampdoria 27

Ascoli 22

Ternana 21*

Feralpisalò 21

Spezia 21*

Lecco 20

*Una partita in meno

tuttobari.com

 

06.02.24 - UFFICIALE - Beppe Iachini è il nuovo allenatore del Bari. Un anno e mezzo di contratto
Ora è ufficiale. Giuseppe Iachini è il nuovo allenatore del Bari. Per lui contratto fino al 2025. Di seguito il comunicato ufficiale.

"SSC Bari dà il benvenuto a Giuseppe Iachini (07.05.64, Ascoli Piceno) che da oggi assumerà l'incarico di Responsabile Tecnico della Prima Squadra biancorossa. Trovato l’accordo che legherà il tecnico marchigiano al Club del Presidente Luigi De Laurentiis fino a giugno 2025.

Dopo una carriera da mediano vissuta prevalentemente in Serie A e B, Iachini inizia la sua esperienza in panchina nel 2002 ricoprendo il ruolo di allenatore a Cesena, quindi a Vicenza e Piacenza prima di essere chiamato al Chievo Verona nella stagione ’07-’08. Con i gialloblù conquisterà la promozione in A facendo registrare un record di 85 punti che gli valgono la Panchina d’Argento come miglior tecnico della stagione cadetta.

Si ripete nella stagione ’09-’10 sulla panchina del Brescia che prende in corsa ad ottobre fino a condurlo alla vittoria dei playoff a spese del Torino. A novembre ’11 è la Sampdoria ad affidargli il compito di risollevare le sorti dei neo retrocessi blucerchiati; dopo aver debuttato proprio al San Nicola, si rende protagonista di un’importante rimonta che condurra i doriani a centrare l’ultimo posto buono per i playoff, poi vinti battendo in finale il Varese.

Dopo la parentesi in A con il Siena, nella stagione ’13-’14, viene chiamato in B a guidare il Palermo dato l'avvio stentato dei rosanero. Conquisterà la promozione diretta in Massima Serie con ben 5 giornate d’anticipo, chiudendo a quota 86 punti, un record assoluto in cadetteria. Nella sua lunga carriera ha guidato Udinese, Sassuolo e Fiorentina in Serie A e Parma in Serie B.

A mister Iachini un caloroso benvenuto in biancorosso".
tuttobari.com



06.02.24 - Bolzoni presenta Iachini: "Sarà un Bari ordinato e aggressivo. Il modulo? Sa adattarsi, ma potrebbe ripartire dalla difesa a tre"
È iniziata oggi l'era Iachini: il nuovo tecnico del Bari è arrivato questa mattina nel capoluogo pugliese per prendere la guida del club in un momento particolarmente delicato. Di lui ha parlato ai microfoni di TuttoBari.com l'ex galletto Francesco Bolzoni, allenato dallo stesso Iachini sia a Siena che a Palermo: "Può dare tanto sotto l'aspetto della mentalità, del ritmo e dell'aggressività. Garantirà ordine alla fase difensiva perché cura molto i dettagli, sistemerà tante lacune che la squadra ha nella fase di non possesso. È un maestro, soprattutto quando c'è da preparare la partita e sistemare i ragazzi in campo, tutti sanno sempre cosa fare nei minimi dettagli".

Bolzoni ha proseguito: "Sarà un Bari molto ordinato e aggressivo. Sia a Siena che a Palermo cercavamo di andare a prendere gli avversari alti e imporre il nostro gioco, quando passavamo in vantaggio o quando la partita diventava difficile non prendevamo mai gol o tiri in porta".

Sull'aspetto tattico: "A Palermo usavamo il 3-4-2-1, può adattarsi così. È vero che il Bari davanti ha giocatori che possono fare le ali, ma sia Morachioli che Kallon sanno agire anche da seconde punte. Dietro ci sono calciatori come Vicari che hanno dimostrato di essere forti nella difesa a tre, potrebbe ripartire da questo modulo. Le caratteristiche per farla ci sono".

Bolzoni ha parlato anche del modo in cui Iachini potrebbe valorizzare la mediana: "Io ho lavorato da centrocampista con lui, è molto bravo a dare ordine ad un reparto in difficoltà. Il Bari ha calciatori di livello, forse non è la stagione giusta per nessuno degli interpreti, ho giocato con quasi tutti loro e li conosco bene. Probabilmente il campionato è difficile per tutti, magari in questo momento manca un po' di temperamento".
tuttobari.com

 

 

03.02.24 - Marino oggi esonerato? In pole per la successione c'è Cannavaro
E' clamorosa la candidatura per l'eventuale dopo-Marino. Il tecnico biancorosso è a rischio, stando a La Gazzetta del Mezzogiorno: il successore potrebbe essere Fabio Cannavaro. Nella serata di ieri, scrive il sito del quotidiano, è andata in scena una telefonata fra De Laurentiis e Polito.

Oggi, intanto - specifica la fonte - dovrebbe arrivare l'ufficialità dell'esonero di Marino.
tuttobari.com



03.02.24 - Bari, a Palermo un'altra debacle: le 3 ragioni della sconfitta
Un Bari in evidente difficoltà, orfano per vari motivi di Benali (squalificato), Maiello e Di Cesare, infortunati, e privo all’ultimo istante anche di Ricci e Sibilli, ha ceduto 3-0 sul campo del Palermo, al termine dell’ennesima prova non convincente.

Vediamo, di seguito, quel che non è andato nei ranghi dei galletti nella sfida in Sicilia:

IN DIFESA SI BALLA – Gol subiti con troppa facilità. La retroguardia di Marino, al netto del portiere Brenno, che salva il salvabile, si conferma fragile, con Dorval e Pucino gravemente insufficienti sulle fasce e la coppia centrale Vicari-Matino spesso in ambasce. Sanguinosa la seconda rete incassata, su uno schema leggibile da calcio di punizione.

CENTROCAMPO A PASSO LENTO – Maita ed Edjouma vengono spesso sovrastati dalla mediana rosanero, mostrando una capacità di manovra nettamente inferiore a quella dei padroni di casa. L’unico a provare qualche iniziativa è Acampora, che, ammonito, alla prossima sarà anche squalificato.

ATTACCO FANTASMATICO – Non molte occasioni, sciupate tutte anche con un pizzico di sfortuna. Puscas lotta, ma ha un’unica chance, fermata sulla linea da Brunori. Male, in serie, i vari Menez, Achik, Nasti e Kallon. Questa squadra ha una grave anemia in fase offensiva. E lo spettro di dover lottare per la salvezza non è poi così lontano.
tuttobari.com



03.02.24 - Marino: “Dispiaciuti. Io in discussione? Chiedete al direttore. La reazione c'è stata!”
Subito dopo la brutta disfatta del Barbera, il mister biancorosso Pasquale Marino ha parlato ai microfoni di RadioBari. Di seguito le dichiarazioni.

Analisi della partita da parte di Marino: “Sicuramente abbiamo cercato di fare il massimo. Nel primo tempo abbiamo sofferto e il Palermo ha creato di più, ma abbiamo retto fino all’ultimo azione. Nel secondo tempo siamo stati in partita fino a quando abbiamo preso gol su calcio piazzato. Agli inizi del secondo tempo abbiamo avuto qualche occasione e abbiamo fatto meglio del primo tempo. Però non so come non si possa dare quel rigore su Menez. È un dispiacere enorme”.

Ancora: “Nel primo tempo siamo stati troppo timorosi. Ma inizio secondo tempo la reazione c’è stata e le occasioni non sono entrate per poco. Non potevamo prendere quel gol su palla inattiva. La reazione c’è stata, con un piglio diverso”.

Su Sibilli e Ricci: “Voglio parlare della partita e dei presenti, non degli assenti”.

 Sul Palermo: “Hanno tanta qualità, tante alternative, un giocatore come Ranocchia che ha giocato in A e che ha fatto un gol incredibile”.

“Alcuni giocatori devono trovare la forma migliore. Da Kallon a Lulic e anche Puscas. Acampora oggi ha fatto una discreta partita. Noi dobbiamo essere più convinti di fare la partita, perché quando rinunciamo a giocare subiamo tanto. Dobbiamo pensare partita dopo partita, guardando la realtà. La realtà è che abbiamo fatto due sconfitte pesanti: queste cadute si devono evitare, dobbiamo reagire con la qualità e giocando per vincere”.

Se si sente in discussione: “Io guardo la partita. Queste domande non le dovete fare a me, io cosa devo rispondere. Se in un momento di difficoltà dico che non sono in discussione mi dite che sono arrogante. Se dico che mi sento in discussione dite che mi sono arreso. Chiedete al direttore”.

“Abbiamo avuto tanti problemi, non ci piace parlare degli assenti e degli infortuni. Noi vogliamo trovare una quadratura che ci permetta di riprendere quel percorso di crescita che ci era stato”.
tuttobari.com

 

 

28.01.24 - Bari, la disfatta con la Reggiana riapre il tema mercato: urgono interventi
La ‘non’ partita giocata dal Bari in casa contro la Reggiana riporta all’ordine del giorno il tema del mercato. La rosa biancorossa è stata mal costruita nel corso dell’estate e non sono bastati finora i tre interventi effettuati nel mercato di gennaio: l’organico a disposizione di Marino ha dei vuoti importanti in tutti i reparti.

Partendo dalla difesa, è certamente un tema quello dell’assenza di Di Cesare. Il capitano biancorosso è assente a causa di una lesione. Problemi fisici e di condizione, però, per un giocatore che va per i 41 anni erano da mettere in conto. La leadership e l’esperienza di Di Cesare non possono essere sopperiti da un pur gagliardo Emmanuele Matino. Anche Vicari, sempre positivo a inizio stagione, nelle ultime settimane sembra aver accusato un po’ di stanchezza. Un difensore centrale in più sarebbe sicuramente utile, anche per iniziare a costruire il dopo Di Cesare.

Resta ancora del tutto scoperta la casella del terzino sinistro alternativo a Giacomo Ricci. Dopo l’addio di Frabotta – in gol ieri con il suo Cosenza – la dirigenza biancorossa non è stata tempestiva nel trovare il suo sostituto. Tanti i profili sondati dal direttore Ciro Polito, ma per il momento Ricci non ha ancora un'alternativa.

Altro reparto che necessita ancora di qualcosa è il centrocampo. Ai nostri microfoni, qualche giorno fa, Francesco Valiani aveva detto: “Il centrocampo del Bari tendenzialmente non ha tantissimo ricambio tra i centrocampisti da inserimento e quelli che devono fare gol, come faceva il nostro Jacopo Dezi o come facevo anche io, o come il Benedetti dell’anno scorso”. Nulla di più vero. Il centrocampo del Bari conta attualmente 5 mezzali: Edjouma, Maita, Acampora, Bellomo, Lulic e, all’occorrenza, Benali. La cosa che balza all’occhio è che sono tutti centrocampisti monopasso, senza grandi capacità di inserimento. È qualcosa su cui il direttore Ciro Polito deve riflettere in questi ultimi scorci di mercato.

Per quanto riguarda l’attacco, poi, Marino deve capire cosa vuol fare di Gregorio Morachioli. Non si capisce perché ci sia spazio per chiunque nella rosa del Bari, tranne che per lui, nemmeno in una situazione disperata. Se l’ex Renate è un corpo esterno al suo credo calcistico di Marino lo si venda e lo si sostituisca alla svelta.
tuttobari.com



28.01.24 - Marino: "Siamo stati imbarazzanti, io primo responsabile. Tifosi? Contestazione giusta, non potevamo aspettarci altro"
"Quando facciamo prestazioni del genere c'è da pensare a tante cose. Dopo un mese e mezzo di lavoro ci siamo inceppati, nel primo tempo siamo stati poco lucidi in possesso. Loro hanno preso il pallino in mano, noi siamo sempre stati in ritardo. Nella ripresa eravamo un po' più aggressivi, abbiamo concesso poco ma in produzione offensiva non abbiamo creato nulla. Partita da dimenticare, è stata inaspettata. C'è stata un'involuzione, nell'ultimo periodo siamo stati sempre compatti e aggressivi. Oggi una brutta prestazione, siamo rammaricati. Il primo responsabile sono io, non ho percepito che potesse accadere un black-out del genere".

"Ci dobbiamo rialzare" - ha continuato l'allenatore siciliano - "Dobbiamo pensare in positivo, le prestazioni sono state abbastanza sufficienti nell'ultimo periodo, siamo stati in crescita. Non possiamo far peggio di così, dobbiamo avere una reazione importante. I forti non sono quelli che non cadono mai, ma quelli che si rialzano. Dobbiamo dare delle risposte dalla prossima gara. La società si sta muovendo per renderci competitivi, dobbiamo aspettare che entrino in condizione i nuovi".

Differenze con l'avversario: "Oggi siamo stati imbarazzanti. Abbiamo corso male, la voglia e l'impegno però c'è sempre. La Reggiana nonostante le assenze ha schierato un undici praticamente titolare, ma noi siamo indifendibili. Non siamo stati tambureggianti, dobbiamo rimboccarci le maniche".

Sulla contestazione dei tifosi fuori dallo stadio: "Quando diamo tutto i tifosi non ci contestano, anzi, ci incitano. Ma se facciamo una prestazione del genere cosa ci possiamo aspettare? Mi sembra ovvio. Dobbiamo cambiare subito registro".
tuttobari.com



28.01.24 - Puscas ed Edjouma impalpabili, sbaglia Ricci. Sibilli ci prova ma non basta. Le pagelle
Una Reggiana decimata tra infortuni e squalifiche espugna 2-0 il San Nicola grazie alle reti di Fiamozzi e Bianco. Prestazione sconcertante del Bari dove non si salva quasi nessuno.

Di seguito le pagelle LIVE:

BRENNO 6 Raccoglie due volte la sfera in fondo al sacco. In entrambi i casi può poco o nulla;

DORVAL 5 Lacunoso in fase difensiva. Ci prova con qualche sortita offensiva che non produce gli effetti sperati;

MATINO 5.5 Tra i pochi a lottare fino all'ultimo secondo ma non è sempre impeccabile in marcatura;

VICARI 5.5 La sua esperienza non basta, affonda insieme al resto della squadra;

RICCI 5 Non marca a dovere Fiamozzi in occasione dello 0-1. Perde diversi duelli;

MAITA 5 C'è ma non si vede. Lente e prevedibili le sue giocate;

BENALI 5 Tanti passi indietro rispetto alle ultime partite. Non fa da schermo davanti alla difesa;

EDJOUMA 4.5 Torna ad essere un corpo estraneo alla squadra. Sbaglia troppi palloni a metà campo;

SIBILLI 6 Tenta qualche spunto degno di nota ma le sue giocate non sono seguite dai compagni;

PUSCAS 5 Completamente fuori dal contesto di squadra, tocca pochissimi palloni;

KALLON 5 Ci prova con i suoi soliti spunti ma le sue giocate non risultano efficaci;

MENEZ 5.5 Prova ad incidere, con scarsi risultati;

NASTI 5.5 Come Menez, non lascia il segno;

ACHIK sv

LULIC sv

MARINO 4.5 Con la Reggiana, un Bari troppo brutto per essere vero. Biancorossi senza idee al contrario di una Reggiana organizzata e ben messa in campo da Nesta. Servirà invertire il trend, a cominciare dalla delicata trasferta di Palermo.
tuttobari.com

 

 

27.01.24 - Bari-Reggiana: probabili formazioni e dove vederla in tv
Le ultime dai due schieramenti in vista della gara di sabato 27 gennaio al San Nicola, con fischio d'inizio alle 16:15
Separati da due sole lunghezze in classifica, Bari (decimo a quota 27) e Reggiana (dodicesima con 25 punti) si affronteranno oggi pomeriggio alle 16:15 al San Nicola, nel match valevole per la 22ª giornata di Serie B.

Le due squadre sono accomunate dall'essere a metà classifica, non troppo distanti dalla zona play-off ma al tempo stesso con poco margine sulla zona play-out. A darsi battaglia saranno le due compagini del campionato cadetto che hanno pareggiato di più in questo torneo (12 X per i Galletti, 10 per la Regia). Entrambe sono in serie utile da quattro partite: nello scorso turno il Bari è stato rimontato sul campo dell'Ascoli, mentre la Reggiana ha impattato in casa contro il Como.

Tra i tifosi biancorossi dopo la vittoria sfumata al Del Duca serpeggia un po' di malcontento, e anche per questo la squadra di Pasquale Marino, in attesa di essere completata dal mercato nei ruoli dov'è sguarnita, dovrà fare del suo meglio per cercare il quarto successo casalingo della stagione, continuando ad alimentare la rincorsa all'ottavo posto.
Serie B: ufficializzate le date di play-off e play-out

Come arriva il Bari
Contro gli emiliani Pasquale Marino dovrà fare a meno degli infortunati Aramu, Di Cesare, Diaw e Maiello. Non convocato Farroni, il cui prestito dalla Vis Pesaro è stato risolto in anticipo. Nel 4-3-3 biancorosso con Brenno tra i pali, molto probabilmente la difesa sarà composta da Dorval, Matino, Vicari e Ricci. A centrocampo dovrebbero partire ancora una volta Edjouma, Benali e Maita. La novità potrebbe esserci in attacco dove a completare il tridente con Kallon e Sibilli potrebbe esserci Puscas al posto di Nasti.
Puscas: "Da sempre legato al Bari. Torno con grandi aspettative"

Come arriva la Reggiana
Alessandro Nesta è alle prese con numerose defezioni: al San Nicola mancheranno Da Riva e Pettinari per il mercato, gli infortunati Vergara, Vido e Romagna e gli squalificati Cigarini, Girma e Portanova. Tra i pali ci sarà Bardi, mentre il trio difensivo conterà su Sampirisi, Szyminski (o Rozzio) e Marcandalli. Nel cuore della mediana ci saranno Bianco e Kabashi, sulle fasce agiranno Fiamozzi e Pieragnolo. La trequarti dovrebbe prevedere la presenza di Melegoni e Antiste alle spalle di Gondo.

Bari-Reggiana: probabili formazioni

BARI (4-3-3): Brenno; Dorval, Matino, Vicari, Ricci; Edjouma, Benali, Maita; Kallon, Puscas, Sibilli. All. Marino

REGGIANA (3-4-2-1): Bardi; Sampirisi, Szyminski, Marcandalli; Fiamozzi, Bianco, Kabashi, Pieragnolo; Melegoni, Antiste; Gondo. All. Nesta

Arbitro: Di Marco di Ciampino
Assistenti: Fontani - Galimberti
IV: Zanotti
VAR: Meraviglia
AVAR: Cosso
Bari-Reggiana: i precedenti

Tra Bari e Reggiana esistono 31 precedenti ufficiali. Il testa a testa è in perfetto equilibrio con 11 successi per parte e 9 pareggi. Favorevole ai biancorossi il bilancio nei 14 confronti avvenuti in Puglia: 10 vittorie del Bari, 3 pareggi e una sola vittoria emiliana.

In questa stagione le due squadre si sono già affrontate nel girone d'andata, lo scorso 7 ottobre a Reggio Emilia. Era la 9ª giornata di campionato e l'1-1 finale (gol di Girma e Di Cesare) costò la panchina a Michele Mignani, esonerato prima della sosta per le nazionali.

L'ultimo precedente al San Nicola, invece, risale a quasi 30 anni fa (18 settembre 1994) in Serie A, quando il Bari alla 3ª giornata di campionato sconfisse 1-0 gli amaranto con un gol di Sandro Tovalieri.

Bari-Reggiana: dove vederla in tv
Bari-Reggiana, match valevole per la 22ª giornata di Serie B, in programma al San Nicola alle 16:15 di sabato 27 gennaio 2024, verrà trasmessa in diretta tv su Sky Sport (canale 252) e in streaming su Dazn e NOW.
Baritoday


 

 

22.01.24 - Marino: "Il cambio di Kallon? Così abbiamo rischiato meno. Il rigore? Non c'era, ha riaperto la partita"
Al termine del match pareggiato 2-2 contro l'Ascoli, l'allenatore del Bari, Pasquale Marino, è intervenuto ai microfoni di RadioBari.

"Il primo tempo l'abbiamo fatto abbastanza bene. La loro forza sta anche nei calci piazzati, ma abbiamo gestito bene. Dall'inizio della ripresa abbiamo sofferto tanto. Quando abbiamo cambiato qualcosa dal punto di vista tattico non abbiamo subito tanto; poi quel rigore dubbio ha riaperto la partita. In quelle circostanze dobbiamo essere più bravi nel cercare di chiuderla e non abbassarci troppo".

Sul discusso cambio Kallon-Pucino: "Hanno creato tanto nel secondo tempo e abbiamo rischiato, ma quando ci siamo messi così non hanno avuto più opportunità tranne l'azione del rigore che ha cambiato la partita e gli ha fatto prendere coraggio. Saremmo dovuti entrare meglio nel secondo tempo, dobbiamo crescere e migliorare nella mentalità. Se ci mettiamo sempre a difendere e non giocare si rischia, siamo una squadra che deve pensare ad essere sempre propositiva a prescindere dal risultato".

Sul rigore fischiato all'Ascoli: "Per me non c'era. C'è stata una leggera sbracciata, Pucino non ha impedito di colpire la palla all'avversario. Per me è stato molto generoso: ha riaperto la partita e dato coraggio all'Ascoli".

Sulle cose da migliorare: "Abbiamo i margini per migliorare in tutto. Questa è una squadra predisposta al gioco. Dobbiamo essere più cinici e cercare di creare più opportunità".
tuttobari.com



22.01.24 - Mendes polemico: "Rigore? Hanno provato ad infastidirmi, loro fanno casino e lo sapevo"
Mendes è stato la bestia nera del Bari. Una doppietta dell'attaccante ha annullato i sogni biancorossi di una vittoria che avrebbe significato tanto. "Oggi meritavamo di più. Ci manca qualcosa, abbiamo regalato due gol, poi abbiamo fatto un secondo tempo da Ascoli, giusto. Dobbiamo ripartire da questo", le parole in conferenza riportate da TuttoAscoliCalcio.

La polemica sul rigore... "Hanno provato ad infastidirmi, loro fanno casino e lo sapevo. Ho preso la palla e sapevo cosa dovevo fare. Anche il portiere si muoveva, lui è forte, gli ho parlato in portoghese. Ho cambiato modo di calciare. Stavo con la testa li, sono stato freddo".
tuttobari.com



22.01.24 - Chi sale e chi scende - Sibilli, Edjouma, Benali, che trio! Pucino, che fai?
Un terribile spreco. Un Bari in grado di mettere in scena un primo tempo scintillante, portandosi anche sul doppio vantaggio, firmato Sibilli ed Edjouma, in quel di Ascoli, ha poi subìto lungo tutta la ripresa la pressione degli avversari, venendo infine raggiunto sul 2-2 dai padroni di casa con una doppietta di Mendes.

Vediamo, di seguito, cosa è andato e cosa no nella compagine di Marino in questa trasferta marchigiana:

CHI SALE – Il solito, imprescindibile, Sibilli, che dal dischetto sigla il settimo gol stagionale. Accanto a lui, una menzione di merito ad Edjouma, alla sua prima rete italiana, e per Kallon, al secondo assist consecutivo in altrettante partite in biancorosso. Ottima prestazione anche da parte di Benali, ormai tassello fondamentale della mediana. Brenno non ha colpe sui gol, mentre Ricci fa il suo sulla fascia di competenza.

CHI SCENDE – Il cambio di Kallon con Pucino a mezz’ora dalla fine appare troppo conservativo, per i gusti di Marino. Ed il difensore la combina grossa, in occasione del rigore per l’Ascoli che riapre la contesa, portando i padroni di casa sull’ 1-2. Non benissimo Dorval. Pochissimi minuti in campo per Lulic e Menez. Forse bisognava ricorrere prima alla loro esperienza.
tuttobari.com

 

21.01.24 - Ascoli-Bari, le probabili: c'è Matino. Puscas in campo o parte dalla panchina?
L'ora delle conferme. Il Bari va ad Ascoli con tanta fame. L'obiettivo è dare continuità al convincente successo della scorsa settimana contro la Ternana: ogni partita fa storia a sé, e bisognerà intavolare la giusta strategia, sfruttando comunque la scia. Per Marino, insomma, una partita non di certo banale: l'obiettivo playoff è percorribile e passa anche da punti pesanti in partite di questo tipo.

QUI BARI: Mancheranno Di Cesare e Koutsoupias, ultimi forfait di una stagione travagliata dal punto di vista degli infortuni. Meno complicato l'incidente al capitano che, comunque, rimarrà fuori per qualche partita. Matino è l'indiziato a farne le veci: il difensore campano ha guadagnato consensi ed è probabile che Marino gli ridia fiducia pure contro i bianconeri. Ha fame di continuità il centrocampo composto da Maita, Benali ed Edjouma, anche se pure la novità Lulic scalpita ed aspira a minutaggio. Nessun dubbio davanti: Sibilli, Nasti e Kallon saranno le punte. Puscas, finalmente a Bari, sarà la carta da giocarsi nella ripresa.

Bari (4-3-3): Brenno; Dorval, Matino, Vicari, Ricci; Maita, Benali, Edjouma; Sibilli, Nasti, Kallon.

QUI ASCOLI: Castori si affida ad un folto centrocampo e a due punte. In difesa spazio al neoacquisto Vaisanen.

Ascoli (3-5-2): Viviano; Vaisanen, Botteghin, Quaranta; Falzerano, Masini, Di Tacchio, Giovane, Falasco; Nestorovski, Mendes.
tuttobari.com

 

 

20.01.23 - L'attacco ha cambiato faccia. Morachioli potrebbe restare
Un reparto rinnovato. "Da Puscas a Kallon e Sibilli. L'attacco ha cambiato faccia", rimarca oggi La Gazzetta dello Sport sulle scelte a disposizione di Marino.
Non le uniche frecce. "Con il Menez di una volta...", sussurra il giornale sulle opzioni in ballo col francese. Capitolo mercato: ritenuto ormai improbabile l'ingaggio di un altro esterno, Morachioli potrebbe restare.
tuttobari.com



20.01.23 - Verso Ascoli, fra campo e... trattative. Acampora (al momento) è fuori dal mercato, Puscas subito convocato
Con George Puscas, arrivato oggi a Bari, il club di via Torrebella ha ufficializzato il terzo colpo di calciomercato in questa sessione invernale. Si tratta dell'acquisto per certi versi più atteso, visto che va a completare quel reparto offensivo che, a causa di infortuni e squalifiche, è stato spesso a corto di uomini in questa prima parte di stagione. Il rumeno, giunto con la formula del prestito secco, dovrà ambientarsi in fretta con la nuova realtà: salvo sorprese, infatti, l'attaccante domani partirà con il resto della squadra per la trasferta di Ascoli e potrebbe scendere in campo al Del Duca.

È difficile pensare a un impiego dal primo minuto, ma è ragionevole supporre che Pasquale Marino possa schierarlo quantomeno per una frazione di gara. L'altra necessità imposta dal mercato è relativa al terzino sinistro: con la partenza di Frabotta, l'utilizzo di Giacomo Ricci è pressoché obbligato, anche in virtù dell'ottima prova offerta dal calciatore contro la Ternana, in cui ha anche trovato la via del gol.

L'altra novità di queste ore è relativa a Gennaro Acampora. Nonostante nel corso delle ultime settimane vi siano state delle richieste di informazioni per il centrocampista, al momento il giocatore non è considerato sul mercato, fattore che di fatto chiuderebbe anche ad un possibile nuovo innesto in mediana. A riguardo, però, va sottolineato come da qui al primo febbraio le cose potrebbero sempre cambiare, in particolar modo se dovessero arrivare offerte da squadre in cui il calciatore avrebbe più spazio.
tuttobari.com

 

 

17.01.24 - Calciomercato SSC Bari: Le ultimissime!
Benali, Lulic e le scelte a centrocampo: molto dipenderà da... Acampora. Puscas, ci siamo
In un centrocampo orfano del professore Raffaele Maiello (che comunque sta bruciando le tappe del recupero), il Bari ha scoperto quel supplente d'eccezione, che ha trovato il modo di non far rimpiangere il maestro. Nel corso delle ultime settimane, infatti, le prestazioni di Ahmad Benali sono state costantemente in crescita, con l'ex Crotone che è figurato sempre nell'elenco dei migliori in campo della formazione biancorossa. Il tutto con conseguenze importanti anche sul calciomercato.

Poco prima di Natale, infatti, il presidente Luigi De Laurentiis aveva inserito l'acquisto di un regista fra le priorità per la sessione invernale: la crescita di Benali, insieme al rapido recupero di Maiello e alla versatilità del nuovo arrivo Lulic (che può essere impiegato anche davanti alla difesa), hanno però dirottato l'attenzione della dirigenza verso l'acquisto di una mezzala. Sebbene in queste ore il direttore sportivo biancorosso sia particolarmente attivo, non vi sono al momento trattative calde, ma la situazione potrebbe sbloccarsi presto, soprattutto dopo la chiusura della trattativa per Puscas.

Molto dipenderà anche dal futuro di Gennaro Acampora: per il centrocampista ci sono stati diversi apprezzamenti ma, al momento, nessuna vera offerta ufficiale è stata presentata sul tavolo dei biancorossi. In caso di addio, almeno un nuovo acquisto sarebbe pressoché certo, anche se non è escluso che, in caso di opportunità, gli arrivi possano essere addirittura due.

Sul fronte offensivo la giornata odierna è stata quella che ha portato all'accordo con il Genoa per George Puscas, mentre potrebbe partire presto l'assalto a Tommaso Fumagalli della Giana Erminio. Per quanto riguarda il terzino sinistro, la pista più concreta al momento è quella che porta ad Abdoul Guiebre.
tuttobari.com

 

 

16.01.24 - Puscas tra stasera e domani: piccolo intervento, avrà un tutore. Baez, notizie non confortanti
Il Bari e il mercato, giorni caldissimi. Si attende Puscas: "Il ragazzo dovrebbe aggregarsi ai compagni tra stasera e domani: oggi dovrà definire i dettagli di un piccolo intervento al dito della mano che presupporrà l’apposizione di un tutore. Un lieve infortunio che, comunque, non gli impedirà di essere disponibile già per il l’incontro in programma domenica ad Ascoli", scrive La Gazzetta del Mezzogiorno.

Pressoché raggiunto l'accordo con Fugamalli, stando al quotidiano. Congelata la trattativa per Baez, sulle cui condizioni non ci sarebbero notizie confortanti. A centrocampo piace sempre Florenzi.
tuttobari.com



16.01.24 - Abdoul Guiebre accostato al Bari: oggi il suo esordio in Coppa d'Africa
Il Bari, stando ad alcuni rumors di mercato ascoltati in questi giorni, avrebbe tra i propri possibili obiettivi il terzino del Modena Abdoul Guiebre, 26 anni, protagonista fin qui con i canarini di 10 presenze in B in stagione, ed una in Coppa Italia.

C’è una variabile ad ostacolare qualsiasi operazione di mercato legata al nome del ragazzo, già accostato al Bari in passato, precisamente nella sessione estiva del 2022, quando venne fatto preso in considerazione anche il suo profilo in caso di cessione, poi non concretizzatasi, di Mazzotta.

Guiebre, infatti, è attualmente impegnato con la sua nazionale, il Burkina Faso, nella Coppa d’Africa. La nazionale burkinabé esordirà nella competizione proprio quest’oggi, alle 15, contro la Mauritania. Nei match successivi, se la vedrà il 20 gennaio, alla stessa ora, contro l’Algeria, e tre giorni dopo alle 21 con l’Angola. Il passaggio del turno, per il terzino modenese ed i suoi connazionali, è tutt’altro che improbabile, dato anche il pari per 1-1 nel match inaugurale del raggruppamento tra algerini ed angolani.
tuttobari.com

 
Copyright © 2024 BARITUBE - SSC Bari calcio, video, foto, notizie, forum. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

DAI IL VOTO ALLA CAMPAGNA ACQUISTI DEL BARI

CHE VOTO DAI (DA 1 A 10) ALLA CAMPAGNA ACQUISTI DEL BARI FINO A QUESTO MOMENTO?