abbigliamento-calcio

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!

GEMELLAGGI ULTRAS

 

RIVALITA' E AMICIZIE tra gli ULTRAS del calcio italiano.

 

 

 

Tutti i gemellaggi, le rivalità e le amicizie delle squadre di calcio italiane di serie A, di serie B e di serie C. La storia degli Ultras, i gruppi storici, i legami.
Per segnalare gemellaggi o rivalità si prega di utilizzare questa mail: barichannel@libero.it; dopo opportune verifiche la pagina verrà aggiornata!

 

 

GEMELLAGGI SERIE A


 

GEMELLAGGI INTER:

Lazio, Varese, Valencia

RIVALITA' INTER:

Milan, Atalanta, Roma, Napoli, Juventus


 

GEMELLAGGI MILAN:

Brescia, Reggina, Siviglia


RIVALITA' MILAN:

Inter, Juventus, Genoa, Verona, Fiorentina, Roma, Atalanta, Napoli ,Sampdoria, Lazio, Cagliari



 

GEMELLAGGI JUVENTUS:

Fc Den Haag, Legia Varsavia, Aia


RIVALITA' JUVENTUS:

Fiorentina, Torino, Milan, Roma, Inter, Napoli
 



GEMELLAGGI NAPOLI :

Genoa, Ancona, Palermo, Borussia Dortmund

Amicizie: Catania

RIVALITA' NAPOLI :

Milan, Inter, Bologna, Juventus, Roma, Verona, Brescia, Udinese, Lecce, Lazio, Fiorentina, Atalanta, Reggina, Vicenza, Salernitana, Bari, Sampdoria, Ternana, Cagliari, Pistoiese, Avellino, Foggia, Perugia, Pisa


GEMELLAGGI SAMPDORIA:

VERONA, PARMA, TERNANA(Fedelissimi), Ultras Bari, Atalanta, O.MARSIGLIA


RIVALITA' SAMPDORIA:

Genoa, Napoli, Torino, Pisa, Lecce, Milan, Bologna, Vicenza, Brescia, Roma, Inter, Juventus, Ancona, Cosenza, Livorno, Lazio, Ascoli, Reggina


GEMELLAGGI BARI:

Salernitana, Reggina, Sampdoria
Amicizie:
Vicenza, Triestina, Casarano, Spezia

RIVALITA' BARI:

Lecce, Napoli, Pescara, Taranto, Foggia, Brindisi, Ternana, Perugia, Genoa, Palermo, Venezia, Avellino, Verona, Ancona


 

GEMELLAGGI ROMA:

Sambenedettese, Panathinaikos

Amicizie:  Palermo, Udinese, Esperance de tunis, Perugia, Hammarby 

RIVALITA' ROMA:

LAZIO, FIORENTINA, JUVENTUS, BOLOGNA, INTER, ATALANTA, NAPOLI, VERONA, BRESCIA, PESCARA, ASCOLI, MILAN, LIVERPOOL, OLYMPIAKOS, AVELLINO


 

GEMELLAGGI LAZIO:

Triestina Inter Real Madrid
Amicizie:
Verona Chelsea PSG Chieti Ascoli Levsky Sofia Steaua Bucarest Espanyol Liverpool

RIVALITA' LAZIO:

MILAN FIORENTINA JUVENTUS ROMA ATALANTA NAPOLI PESCARA PALERMO PERUGIA BRESCIA ATLETICO MADRID REGGINA TERNANA LIVORNO TARANTO FOGGIA SAMBENEDETTESE VICENZA ARSENAL O.MARSIGLIA


 

GEMELLAGGI PALERMO:

Lecce Padova Siracusa
Amicizie:
Marsala Lucchese Roma Napoli Foggia Cesena

RIVALITA' PALERMO:

Catania Messina Crotone Reggina Verona Fiorentina Salernitana Lazio Livorno Cagliari Vicenza Bari Ternana Venezia


GEMELLAGGI GENOA:

Napoli Vigor Lamezia Ancona Alessandria Boca Juniors

Amicizie:
Carrarese Catania Cosenza Pisa Reggiana Vicenza Lecce Barcellona

RIVALITA' GENOA:

Sampdoria Lazio
Inter Milan Verona Brescia Atalanta Fiorentina Parma Cagliari Juventus Taranto Modena Padova Ascoli Livorno venezia ternana Bari Bologna Cesena Mantova Monza Piacenza Ravenna Salernitana Spezia Roma


GEMELLAGGI FIORENTINA:

Torino Verona Catanzaro Sporting Lisbona

RIVALITA' FIORENTINA:

Juventus Lazio Roma Pisa Atalanta Inter Salernitana Bologna Milan Napoli Brescia Siena


 

GEMELLAGGI BOLOGNA:

CENTESE RAVENNA

RIVALITA' BOLOGNA:

FIORENTINA PARMA TRIESTINA MODENA INTER VERONA ROMA CESENA SAMPDORIA NAPOLI BRESCIA ATALANTA JUVENTUS MILAN


GEMELLAGGI PARMA:

Spezia Sampdoria Empoli Bordeaux

RIVALITA' PARMA:

Reggiana bologna juventus Cremonese Modena Genoa Vicenza


 

GEMELLAGGI CHIEVO:

nessuno
Amicizie:
Monza

RIVALITA' CHIEVO:

Hellas Verona


 

GEMELLAGGI CATANIA:

Crotone Benevento Trapani Genoa Triestina
Amicizie:
Napoli Inter

RIVALITA' CATANIA:

PalermoCatanzaro Reggina Avellino Taranto Salernitana Vicenza Messina Ternana Verona Fidelis Andria Acireale Perugia Pescara Cavese juve Stabia Roma Siracusa Atalanta Livorno



 

GEMELLAGGI UDINESE:

VICENZA
amicizia: Roma

RIVALITA' UDINESE:

VERONA PIACENZA CREMONESE TRIESTINA FIORENTINA SAMPDORIA NAPOLI VENEZIA JUVENTUS


GEMELLAGGI LIVORNO:

Olimpic Marsiglia  AEK Atene
Amicizie:
Ternana Cosenza Pescara

RIVALITA' LIVORNO:

Pisa Como Lucchese Lazio Verona Spezia Varese Triestina


GEMELLAGGI SIENA:

Pistoiese

RIVALITA' SIENA:

Salernitana Livorno Fiorentina Perugia Empoli Arezzo




 

GEMELLAGGI ATALANTA:

Ternana Tirol Innsbruk

RIVALITA' ATALANTA:

Genoa Brescia Inter Milan Juventus Fiorentina Roma Lazio Verona Torino Napoli Como


 

GEMELLAGGI CAGLIARI:

Foggia

RIVALITA' CAGLIARI:

Milan Inter Fiorentina Genoa Napoli Salernitana Verona PalermoSassari Torres Brescia Venezia Crotone





GEMELLAGGI SERIE B


 

GEMELLAGGI ASCOLI:

UVB Pesaro Granata korps Torino Cucn Reggina
 

RIVALITA' ASCOLI:

Inter Bologna Ancona Samb Pescara Roma Ternana Livorno




GEMELLAGGI ALBINOLEFFE:

nessuno

 

RIVALITA' ALBINOLEFFE:

nessuno


 

GEMELLAGGI BRESCIA:

Milan Cesena Salernitana Mantova Catanzaro Saint-Etienne (Solo Curva Nord)

 

RIVALITA' BRESCIA:

Atalanta Verona Fiorentina Roma Vicenza Bologna GenoaTorino Napoli Juventus Inter Lecce Lazio Como Modena Sampdoria Cagliari


 

GEMELLAGGI EMPOLI:

Parma Montevarchi Perugia

Amicizie:
Crotone

RIVALITA' EMPOLI:

tutte le Toscane (tranne Montevarchi)



GEMELLAGGI MANTOVA:

Brescia Cesena Prato

 

RIVALITA' MANTOVA:

Cremonese Modena Como Bologna Padova Spezia Carrarese Reggiana Verona Genoa Treviso Frosinone Atalanta Piacenza Spal Rimini Torino Pistoiese Vicenza Venezia



GEMELLAGGI MODENA:

Venezia Pistoiese Messina

Amicizie:
Real Sociedad Sampdoria Tirol Innsbruk Cosenza

RIVALITA' MODENA:

Pisa Reggina Reggiana Brescia Livorno Padova Genoa Spal CesenaRavenna Parma Vicenza Verona Bologna Como Siena Lucchese Arezzo Varese Lazio Juventus



GEMELLAGGI PIACENZA:

Pergocrema

 

RIVALITA' PIACENZA:

Cremona Reggiana Torino Pavia



GEMELLAGGI SALERNITANA:

Bari Reggina Brescia Barletta Monopoli

 

RIVALITA' SALERNITANA:

Fiorentina Cagliari Atalanta Perugia Pescara Verona Lecce Foggia Cavese Avellino Messina Cosenza Ternana Napoli Nocerina Casertana Juve Stabia Taranto Potenza Ancona Cesena


GEMELLAGGI ANCONA:

Genoa Napoli Cosenza Spal
 

RIVALITA' ANCONA:

Ascoli Pescara Sambenedettese Cagliari


GEMELLAGGI CITTADELLA:

Alzano
 

RIVALITA' CITTADELLA:

Nessuno


GEMELLAGGI CESENA:

BRESCIA MANTOVA OSASUNA PAMPLONA SAINT ETIENNE PALERMO

 

RIVALITA' CESENA:

RAVENNA BOLOGNA MODENA VERONA RIMINI


GEMELLAGGI CROTONE:

CAVESE CATANIA

Amicizie:
VENEZIA ANCONA COSENZA EMPOLI

RIVALITA' CROTONE:

PALERMO CATANZARO JUVE STABIA TRAPANI BENEVENTO CAGLIARI SIENA TORINO SALERNITANA REGGINA BARI SAVOIA TARANTO VIGOR LAMEZIA AVELLINO


GEMELLAGGI FROSINONE:

Paganese

Amicizie:
Messina Olbia

RIVALITA' FROSINONE:

Latina (e la provincia) Reggina Sora Juve Stabia Campobasso Viterbese Cassino Giulianova Foggia Nocerina Palmese Brindisi



GEMELLAGGI GROSSETO:

Viareggio

 

RIVALITA' GROSSETO:

Siena Latina



GEMELLAGGI LECCE:

Cavese Palermo

 

RIVALITA' LECCE:

Bari Cosenza Taranto Brescia Sampdoria Torino Nocerina



GEMELLAGGI PADOVA:

Palermo

 

RIVALITA' PADOVA:

Vicenza Venezia Spal Modena Reggiana Atalanta Brescia Pisa Livorno Pistoiese Ravenna



GEMELLAGGI REGGINA:

Bari Salernitana Latina Orta Nova

 

RIVALITA' REGGINA:

Messina Catanzaro Napoli Cosenza Frosinone Verona Taranto Pescara Avellino Foggia



GEMELLAGGI SALERNITANA:

Bari Reggina Brescia Barletta Monopoli

 

RIVALITA' SALERNITANA:

Fiorentina Cagliari Atalanta Perugia Pescara Verona Lecce Foggia Cavese Avellino Messina Cosenza Ternana Napoli Nocerina Casertana Juve Stabia Taranto Potenza Ancona Cesena



GEMELLAGGI SASSUOLO:

Alto Adige

 

RIVALITA' SASSUOLO:

Carpi



GEMELLAGGI TORINO:

Fiorentina River Plate Manchester city Millwall Arsenal Liverpool Celtic Glasgow

 

RIVALITA' TORINO:

Juventus Bologna Inter Lecce Piacenza Sampdoria Brescia Atalanta Milan Perugia Roma Verona



GEMELLAGGI TRIESTINA:

Verona, Lazio, Pro Patria e Monza
 

Amicizie: Austria Vienna, Massese, Catania, PSG
 

RIVALITA' TRIESTINA:

Udinese, Vicenza, Livorno, Padova, Treviso, Roma, Pescara, Rimini, Atalanta, Spezia



GEMELLAGGI VICENZA:

COMO CREMONESE METZ PESCARA REGGIANA MESSINA UDINESE RAVENNA

 

RIVALITA' VICENZA:

PADOVA VERONA TRIESTINA CATANIA ATALANTA BRESCIA NAPOLI VENEZIA LAZIO FIDELIS ANDRIA FIORENTINA ROMA



GEMELLAGGI GALLIPOLI:



Amicizie:
 

RIVALITA' GALLIPOLI:







GEMELLAGGI SQUADRE STRANIERE


 

GEMELLAGGI ANDERLECHT:

Ajax Amsterdam Valenciennes
 

RIVALITA' ANDERLECHT:

FC Antwerp GB Antwerp FC Brugge Charleroi Standard Gand Genk Brussels La Louvière FC Malines Lokeren Lommel



GEMELLAGGI BAYERN MONACO:

Vfl Bochum
 

RIVALITA' BAYERN MONACO:

1860 Munich Stuttgart (Stoccarda) Nürnber(Norimburgo)



GEMELLAGGI FC BRUGGE:

Lille
 

RIVALITA' FC BRUGGE:

Anderlecht,FC Antwerp GB Antwerp Charleroi Gand Genk Lokeren,Standard



GEMELLAGGI LIVERPOOL:

Celtic Glasgow
 

RIVALITA' LIVERPOOL:

Manchester United Roma



GEMELLAGGI MANCHESTER UNITED:

NESSUNO
 

RIVALITA' MANCHESTER UNITED:

Liverpool  Manchester City  Birmingham  Chelsea Arsenal Tottenham Crystal Palace Aston Villa West Ham Bolton Leeds Everton



GEMELLAGGI REAL MADRID:

Lazio
 

RIVALITA' REAL MADRID:

FC Barcelona Atletico Madrid Bilbao Osasuna Valencia Betis Sevilla Deportivo La Coruna



GEMELLAGGI STANDARD LIEGI:

Den Bosch (NL) Alemania Aachen(D) Maastricht (NL)
 

RIVALITA' STANDARD LIEGI:

Anderlecht (B) Brugge (B) Anversa (B) Genk (B) Beerschot (B) Charleroi (B) Mechelen (B) Gand (B)



GEMELLAGGI STOCCARDA:

Cottbus Celtic Glasgow
 

RIVALITA' STOCCARDA:

Karlsruhe Friburgo Berlino




 La storia degli ULTRAS

 Ogni tifoseria o gruppo ultras annovera un certo numero di sostenitori di altre squadre che vengono considerati come rivali. La rivalità, oltre all’astio e ai tafferugli che ne conseguono, possono avere diversa origine.

Il primo fattore è campanilistico, specialmente in paesi quali Italia e Spagna in cui vi è un forte orgoglio regionalistico o municipalistico. Oltre a tifoserie di squadre della stessa città, è molto comune il confronto fra i tifosi di formazioni calcistiche provenienti da città, province o regioni confinanti. Vi sono anche storiche rivalità di natura sportiva, sorte come conseguenza ad ingiustizie sportive subite o dopo che due squadre hanno condiviso una sorte simile all’inseguimento dello stesso obiettivo. Forti attriti si possono creare anche fra quelle tifoserie che sono ispirate da contrapposta ideologia politica.

Per gli stessi motivi, sono frequenti anche i casi in cui due curve non solo siano non belligeranti, ma i cui membri si mescolino per tifare e festeggiare insieme. Ciò è dovuto al rispetto o all’amicizia che possono nascere condividendo un simile modo di intendere la vita di curva, ma anche in caso di coincidenti ideologie politiche (si veda, ad esempio, il cosiddetto triangolo nero costituito dalle tifoserie del Verona, della Lazio e dell'Inter che sono accomunate dall'essere di estrama destra). Quando essa è particolarmente solida viene ufficializzata e siglata come gemellaggio.
Striscione di benvenuto degli ultras sambenedettesi, lasciato fuori il settore ospiti per gli amici avellinesi

Il primo gemellaggio (9 gennaio 1977) nato tra gruppi ultras nel mondo è quello (tutt'ora molto consolidato) tra le tifoserie del Lanerossi Vicenza e del Pescara.

 

Ultras e politica

I primi gruppi ultras sono sorti tra la fine degli anni '60 e l'inizio del decennio successivo, quando i giovani partecipavano attivamente alla vita politica, spesso in forme apertamente contestatorie e molto violente. Da allora molte curve e gruppi ultras hanno assunto una precisa connotazione ideologica, quasi sempre votata all'estremismo (sia di sinistra che di destra). Diversi sono anche i gruppi e le intere curve che si dichiarano apolitiche. Se all'inizio del movimento erano le manifestazioni politiche ad avere avuto un forte impatto sulla creatività degli ultras, tanto che questi portavano allo stadio gli slogan dei cortei, ora avviene un fenomeno inverso. Grazie ad una certa esposizione mediatica e ad un notevole afflusso negli stadi, capita frequentemente che diversi cori scanditi nei cortei politici vengano intonati sulle note di celebri inni da stadio.

L'estremismo politico, di destra quanto di sinistra, presente in molte curve, ha portato alla comparsa di striscioni condannati dall'opinione pubblica, dai mezzi di comunicazione e dalle istituzioni poiché riconducibili all'antisemitismo, a festeggiamenti intorno a figure dittatoriali quali Stalin e Adolf Hitler, all'apologia del nazismo e alla derisione delle vittime dei massacri delle foibe. In Italia le autorità hanno reagito vietando i messaggi politici sugli striscioni e impedendo la riproduzione di qualsiasi simbolo politico su ogni tipo di vessillo, onde evitare lo scontro fisico tra due tifoserie ideologicamente contrapposte.

Visto il carettere popolare, le curve sono talvolta state viste e strumentalizzate come bacino elettorale.

 

La repressione del fenomeno

 Oggi in Italia, ma non solo, è in atto un tentativo di repressione da parte degli enti governativi che tendono a porre fine ai movimenti ultras. Questi atti molto spesso sfociano in scontri violenti tra polizia e ultras. Va anche precisato che le nuove norme hanno fortemente limitato la libertà negli spostamenti e nella manifestazione del libero pensiero, ridotto il numero di scontri tra ultras ma, al tempo stesso, hanno incrementato gli scontri tra ultras e forze di polizia. In alcuni casi gli ultras di squadre da decenni rivali si sono federate in manifestazioni contro la Polizia. Un esempio è il corteo comune tra milanisti, interisti, atalantini e bresciani dopo la morte di Gabriele Sandri, tifoso laziale ucciso in autostrada da un poliziotto con un colpo di pistola.

 

 

Cenni storici

Il fenomeno del tifo calcistico nasce in Italia negli anni '50 quando i primi tifosi di squadre di calcio iniziano a riunirsi in gruppo. A Torino, con i "Fedelissimi Granata 1951", nascono i primi esempi di questo fenomeno, che inizia poi a diffondersi anche in Gran Bretagna, dove gli ultras vengono battezzati hooligans. Vi sono differenze basilari tra i due modi di essere ultras: in Gran Bretagna viene lasciato molto più spazio ad azioni spontanee, mentre in Italia si tende a coordinare i vari elementi in un'unica voce. Anche le forme estetiche del tifo risentono di questa differenza: in Gran Bretagna si predilige l'impatto vocale a quello visivo e non si usano i tamburi che contraddistinguono le colorite curve italiane. In Italia il primo gruppo ultras, formatosi a Milano nel 1968, fu la "Fossa dei Leoni" (Milan) gruppo scioltosi nel 2005 in seguito a divergenze interne alla curva. Nel 1969 i primi due gruppi ad aver utilizzato per primi la parola Ultras sono: i sampdoriani "Ultras Tito Cucchiaroni", e gli "Ultras Granata" di Torino, sponda granata.

Nel corso degli anni '60 queste nuove strutture aggregative iniziano a svilupparsi intorno alle grandi squadre dell’epoca e i loro membri si distinguono dai supporter tradizionali per il modo attivo ed organizzato di incoraggiare la loro squadra del cuore. Ogni gruppo ultras ha allora un proprio nome simbolico ed uno striscione dietro cui radunarsi. Nascono le coreografie per sostenere la propria squadra: si cantano inni, gli stadi si riempiono di bandiere, si lanciano coriandoli e si accendono i primi fumogeni. Parallelamente nasce anche la competizione con i gruppi ultras di altri squadre.
Gli anni Settanta
Lo sviluppo dei gruppi ultras negli anni '70 coincide con un periodo piuttosto tempestoso della società italiana, toccata a più riprese da episodi di violenza e terrorismo. Cosicché gli ultras, risentendo del clima di generale violenza, prima durante e dopo la partita, specie in occasione degli incontri "più caldi", si abbandonano a veri e propri atti di guerriglia urbana. Tutto ciò era riscontrabile nei cori spesso presi in prestito dalle manifestazioni e dai cortei, nell'abbigliamento, nella simbologia riproposta dagli striscioni e dagli stessi nomi dei gruppi. Addirittura, in Toscana si rinverdisce l'antica rivalità tra guelfi (colligiani e fiorentini ad esempio) e ghibellini (senesi in primis).
Gli anni Ottanta e Novanta
A partire dagli anni '80, tutte le squadre professioniste hanno almeno un gruppo ultras e il modello italiano si espande decisamente in tutto il resto d'Europa, soprattutto tra i paesi latini (Spagna, Portogallo, Francia), Svizzera e tra le ex repubbliche della disciolta Jugoslavia (Slovenia, Croazia, Serbia).

Negli anni '90 si sono viste tifoserie ispirate al modello di tifo ultras italiano anche in Irlanda, Scozia, Paesi Bassi e Germania. Con l'aumento dell'interesse verso il calcio in Canada, Stati Uniti e Australia sono sorti i primi gruppi di tifosi organizzatisi secondo criteri, almeno esteticamente, ispirati agli ultras del vecchio continente. All’interno degli stadi di tutta Europa gli ultras diventano sempre più i veri protagonisti nelle curve. Si accentua anche il modo di fronteggiarsi tra gruppi avversari di ultras: si diffonde il ricorso allo scontro. Le forze di polizia iniziano ad impegnarsi per arginare gli episodi di violenza .

Negli anni '90 il problema della violenza nel calcio si accentua ulteriormente, sviluppandosi, in molti casi, in atti di ribellione. Il 29 gennaio 1995, poco prima dell'incontro tra Genoa e Milan, Vincenzo Spagnolo, ultras genoano, viene accoltellato a morte: l'episodio indusse i rappresentanti della maggior parte dei principali gruppi ultras italiani a partecipare a un raduno che ha rappresentato un importante tentativo di autoregolamentazione. In un documento conclusivo gli ultras condannarono l'utilizzo di armi da taglio durante gli scontri e le aggressioni "molti-contro-uno", auspicando un ritorno ai vecchi codici di comportamento ultras.

 

Il fenomeno oggi

Oggi i gruppi di ultras rappresentano ancora una delle componenti più importanti del mondo del calcio. Dispongono di sedi, diffondono le loro comunicazioni attraverso siti web, libri, riviste autoprodotte (fanzine) e così via. In risposta alla radicale trasfigurazione commerciale del mondo del calcio iniziata nei primi anni '90 e che ha portato allo stravolgimento degli abituali orari delle partite in base alle esigenze delle pay-tv ed al forte aumento del costo dei biglietti dello stadio, gran parte del movimento ultras italiano ha dato vita a una serie di iniziative di protesta.

Il comportamento a volte violento di alcuni ultras è posto costantemente sotto accusa da parte delle forze dell'ordine e dei media ed ha portato ad un inasprimento ulteriore delle norme anti-violenza, come i provvedimenti del D.A.SPO.).

Dopo la morte dell'ispettore Filippo Raciti, durante scontri tra catanesi e polizia, durante un Catania-Palermo del Febbraio 2007 vi è stato un ulteriore giro di vite nei confronti del tifo organizzato. La nuova legge "anti-ultras" ha stravolto ancora una volta il mondo delle curve italiane. È stata vietata l'introduzione di striscioni, di qualsiasi tipo e dimensione, senza autorizzazione; vietati totalmente fumogeni e petardi (con arresto per gli utilizzatori); introduzione di biglietti nominali; DASPO che può essere anche preventivo (cioè un soggetto potenzialmente pericoloso può essere sottoposto a Daspo a prescindere dal suo comportamento) e molte altre norme repressive.

 

Curiosità sui gemellaggi italiani

GEMELLAGGI E RIVALITA' DELLA JUVENTUS
Non risultano ufficialmente gemellaggi di tifoserie italiane con quelle della Juventus: per circa un ventennio a partire dagli anni ottanta, coincidenti con la presenza in serie A della compagine irpina, vi fu un gemellaggio con la tifoseria dell'Avellino, poi sciolto per iniziativa di alcune frange di tifosi biancoverdi a fine anni novanta. Un gemellaggio duraturo è stato effettuato con il Piacenza. Fuori dal Paese esistono accordi di gemellaggio con i tifosi organizzati dell'ADO Den Haag, compagine olandese dell'Aia, e con quelli del Legia Varsavia, polacca.
La tifoseria rivale d'elezione è, come per tutti i casi di avversarie della stessa città, quella del Torino (cfr. Derby della Mole). A seguire, quella dell'Internazionale, fin dagli anni sessanta (cfr. Derby d'Italia), e quella del Milan, nonostante per lungo tempo le due società abbiano tenuto buoni rapporti sportivo-commerciali con reciproci scambi di giocatori.
Più recenti, e legate all'imporsi alla ribalta negli anni ottanta delle loro squadre con conseguente lotta sportiva per la conquista del primato nazionale, le rivalità con la tifoseria della Fiorentina, legata principalmente alla lotta-scudetto del campionato 1981-1982, e con quella della Roma, che fino alla metà di quel decennio fu la più valida contendente dei bianconeri al titolo.
La Curva Scirea allo Stadio delle Alpi è sempre stata il settore occupato durante le gare casalinghe dai nuclei più accesi della tifoseria organizzata. Attualmente, allo stadio Olimpico, i tifosi occupano la Curva Filadelfia.

 

L'ORIGINE DEL GEMELLAGGIO TRA NAPOLI E GENOA
La prossima partita il Napoli la giocherà a Marassi, la casa del Genoa. I tifosi rossoblu e quelli azzurri sono notoriamente “gemellati” da ben 27 anni. Cerchiamo di spiegare perché. Era l’ultima giornata del campionato 1981-82 (al termine del quale si sarebbero giocati i mondiali spagnoli, che l’Italia avrebbe poi vinto battendo in finale la Germania 3-1). Il Napoli, ormai in una tranquilla posizione di classifica, matematicamente qualificato alla coppa Uefa per l’anno successivo, affronta in casa il Genoa, che lotta per non retrocedere col Milan. I rossoneri vincono a Cesena, ma ai Grifoni basta comunque un pareggio per conquistare la permanenza in massima serie. Le cose, tuttavia, non vanno bene per i liguri: nonostante il vantaggio iniziale di Briaschi dopo soli 3 minuti di gioco, nella ripresa il Napoli ribalta il risultato, portandosi sul 2-1 con reti di Criscimanni e Musella. Si narra, allora, che gli azzurri, venuti a sapere del risultato del Milan in Romagna, e quindi consci del fatto che una loro vittoria avrebbe condannato i rossoblu al purgatorio della serie B, “favorirono” il pareggio, a 5 minuti dalla fine, di Faccenda, che staccò in area indisturbato da un calcio d’angolo generosamente offerto dal Napoli. A quel punto i tifosi liguri cominciarono a cantare “Napoli, Napoli”, entusiasti per la salvezza ormai a portata di mano, e grati ai volutamente immobili difensori partenopei. Tutti felici fuorché, ovviamente, i diavoli rossoneri, che probabilmente, quel giorno, indiavolati ci diventarono sul serio. Un gemellaggio, dunque, nato per caso e, forse, scaturito da un atteggiamento non propriamente sportivo del Napoli. Ma allora, 27 anni fa, si giocava un altro calcio, senza sospetti, senza manie di congiure. Si giocava emozionandosi, ci si lasciava trascinare dall’entusiasmo e dall’istinto. A dir la verità neanche il Milan, vittima sacrificale del futuro amore tra campani e liguri, se la prese più di tanto. Del resto i rossoneri la rivincita l’avrebbero ottenuta 6 anni dopo, nel 1988, quando batterono al San Paolo il Napoli festeggiando uno scudetto che fino a pochissime settimane prima sembrava appannaggio degli azzurri. Allora, lo sport, era anche questo: vittorie, sconfitte, “dispetti” e vendette. Ma tutto avveniva, rigorosamente, sul campo.
Napoli2000.com

 
Copyright © 2014 BARITUBE - FC Bari 1908 calcio, video, foto, notizie, forum. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 
buy viagra online canadian pharmacy duihelpqlt.com