Le ultime NOTIZIE dell'FC BARI CALCIO 1908

 

Le ultime news, le partite, i commenti, la classifica, i marcatori, i giocatori infortunati, le probabili formazioni, le pagelle. Tutte le info e le novità  provenienti dal San Nicola o dagli stadi dove l'SSC Bari calcio (prima as bari e FC Bari 1908) gioca in trasferta.

 

 

Notizie SSC Bari Calcio

 

 

20.05.22 - Clamoroso: I russi volevano prendersi le ossa di San Nicola custodite a Bari, Putin ne è devoto!
"Emissari di Putin in Vaticano per portare a Mosca le reliquie di San Nicola custodite a Bari": nel processo Becciu spunta la pista russa
E' quanto emerso nella 16esima udienza del processo sugli investimenti della Santa Sede. Il cardinale avrebbe posto la questione al Papa, ma l'allora vescovo di Bari Cacucci si oppose: "Atto inopportuno per i baresi"
Due emissari russi presentati come "delegati per le questioni diplomatiche particolari di Vladimir Putin" cercarono di ricevere in dono le reliquie di San Nicola di Bari di cui il presidente russo "era particolarmente devoto". E' quanto emerso nella 16esima udienza del processo sugli investimenti della Santa Sede, nella quale oggi si è concluso l'interrogatorio del cardinale Angelo Becciu.
Una memoria inviata dall'altra imputata Cecilia Marogna e depositata dal legale Fiorino Ruggio ricostruisce la vicenda di due russi che incontrarono Becciu in Vaticano e cercarono, oltre a rivendicare un conto Ior risultato "inesistente", di ricevere in dono le reliquie del patrono di Bari.

Cecilia Marogna, sulla quale l'avvocato Ruggio ha depositato anche una relazione del Copasir nata da un esposto della stessa ex manager sarda, conferma nella memoria "di aver presentato ed accreditato, presso la Segreteria di Stato della Città del Vaticano, i generali Carta e Caravelli nell'ottobre 2017". "Particolare - spiega - la conoscenza del generale Caravelli, che mi fu presentato dall'imprenditore romano Piergiorgio Bassi, e che si qualificava, secondo quanto dallo stesso asserito, suo socio in una società di intelligence e sicurezza sita in Svizzera: la Brasidas Group" Bassi "mi chiese anche di conoscere due soggetti che venivano definiti suoi partner russi" e "i due profili corrispondono all'identità di Goloschchapov Konstantin Veniaminovich e Lukjanov Vladimir Nikolayevich".

Bassi, prosegue Marogna, "mi specificò anche che Nikolayevich era il numero due della Federazione Russa e che ricopriva il ruolo di direttore esecutivo del 'Sits' (Centro per le informazioni e analisi delle situazioni strategiche)". Tale richiesta di incontro "includeva anche la presentazione al cardinale Becciu", allora sostituto per gli Affari Generali, "dei predetti soggetti accompagnati da Bassi".

"L'incontro - spiega - aveva come oggetto alcune iniziative di cui Piergiorgio Bassi si faceva ambasciatore in Italia, per conto del gruppo russo di cui facevano parte anche i due funzionari". Inoltre, Bassi "era interessato a sapere lo stato di un trust denominato 'Imperial', a detta sua depositato da moltissimi anni presso lo Ior e che i russi stavano rivendicando". La Marogna quindi chiese "cortesemente al cardinale Angelo Becciu di domandare allo Ior le possibili informazioni a riguardo", e lui "si rese disponibile ad interfacciarsi direttamente con il direttore generale dello Ior, Gian Franco Mammì". La risposta ricevuta qualche giorno dopo riportava l'inesistenza del trust" di cui Bassi "fornì solo il nome e non ulteriori dati per poter eventualmente approfondire una ricerca più specifica".


"Altro interesse" da parte dei due "funzionari russi" era "ricevere in dono le reliquie di San Nicola di Bari, che la Basilica del capoluogo pugliese aveva prestato per oltre due mesi nel luglio 2017 alla Chiesa ortodossa". "L'accordo fu raggiunto da papa Francesco e dal patriarca Kirill nello storico incontro a Cuba in presenza anche di Becciu - ricorda Marogna -. Le reliquie erano state portate prima a Mosca e successivamente a San Pietroburgo per essere venerate dal vivo da milioni di fedeli russi".


Quest'atto di "pace religiosa", sottolinea la donna, aveva ottenuto un grande successo in Russia, tanto che Bassi e i suoi partner russi "mi dissero che era loro desiderio avanzare richiesta al Vaticano affinché lo stesso donasse in modo permanente queste reliquie alla Federazione Russa, Così da consentire a tutto il popolo russo ortodosso di recarsi in pellegrinaggio, oltre a voler fare  un regalo al presidente russo Putin che era particolarmente devoto al Santo".


Marogna si fece tramite della richiesta con il cardinale Becciu che ricevette gli stessi funzionari russi insieme a Bassi e "ponendosi a disposizione, chiese a papa Francesco una sua opinione in merito". Tuttavia fu lo stesso sostituto a riferire che chi poteva donare le reliquie poteva essere solo il loro custode e vescovo di Bari Francesco Cacucci. Il quale, sentito sempre da Becciu, si disse indisponibile a donare le reliquie "in modo permanente", un atto che a Bari "sarebbe stato considerato inopportuno".


A ciò Bassi "rimase contrariato" e giudicò la posizione di Becciu "debole nel convincimento", non credendo possibile "che papa Francesco non avesse capito l'importanza di questo gesto che avrebbe unito ulteriormente le due Chiese". A Bassi fu suggerito comunque di far inviare direttamente, tramite i suoi "partner russi", una lettera ufficiale del patriarca Kirill alla Segreteria di Stato vaticana. Ma "l'ipotizzata lettera non arrivò mai alla Segreteria di Stato, sollevando così alcuni dubbi sull'iniziativa portata avanti da Bassi e dalla sua 'delegazione' russa".


Alle domande postegli durante l'udienza di oggi sulla vicenda, il card. Becciu ha risposto che quello con i russi era "un incontro riservato" e non ne ha voluto "fare menzione".
repubblica

 

 

19.05.22 - Calciomercato, stabilite le date della sessione estiva e invernale
È ufficiale: il calciomercato estivo inizierà venerdì 1 luglio e terminerà il 1 settembre, mentre la sessione invernale comincerà il 2 gennaio e si concluderà il 31 gennaio. A stabilirlo è il consiglio federale con il seguente comunicato: "Il Consiglio ha votato all’unanimità i termini di tesseramento per la prossima stagione agonistica, stabilendo le date della campagna trasferimenti da venerdì 1 luglio a giovedì 1 settembre 2022 per la sessione estiva e da lunedì 2 gennaio a martedì 31 gennaio 2023 per la sessione invernale".
tuttobari.com

 

 

17.05.22 - Calciomercato SSC Bari: le ultimissime!
È tempo di calciomercato. Mentre i galletti si godono le meritate vacanze, Ciro Polito ha già cominciato a programmare la prossima stagione. Il ds, alle prese con un rinnovo di contratto con i De Laurentiis, è atteso da un nuovo duplice compito: sfoltire la rosa e allo stesso rimpinguarla con elementi di valore per la B, soprattutto under (nati dal 1999 in poi). Tanti gli obiettivi per il dirigente ex Juve Stabia e Ascoli, su tutti l'attaccante da doppia cifra, che possa trascinare i biancorossi.

Diversi i nomi in questi giorni accostati ai biancorossi. Si è fatto il nome di Donnarumma, pista però da escludere in quanto già blindato dalla Ternana. È spuntato nuovamente Falcinelli, dopo che era stato ad un passo dal trasferimento a gennaio, ma ad oggi tra le parti non c'è stato alcun contatto. Nelle scorse ore è circolata con insistenza anche la candidatura di Franck Tsadjout, in forza all'Ascoli. L'attaccante è in prestito dal Milan, con il Picchio che vanta un diritto di riscatto.

Secondo quanto appreso dalla nostra redazione il club bianconero è piuttosto seccato da queste voci di calciomercato. In particolare, la dirigenza marchigiana non ha preso bene queste indiscrezioni in un momento assai delicato della stagione. Tsadjout è ritenuto elemento dal sicuro avvenire e l'Ascoli vorrebbe assolutamente riconfermarlo nella prossima stagione. Il Milan vanta comunque un diritto di contro-riscatto e in caso decidesse di usufruire di questa clausola, avrebbe nuovamente il controllo sul giocatore e sarebbe libero di cederlo al miglior offerente. Qualora, dunque, al Bari realmente interessasse l'ex Cittadella e Pordenone, il club biancorosso dovrebbe scontrarsi con l'Ascoli, deciso a fare proprio il giocatore.

Restano invece molto più fattibili i profili di Tascone e Cambiaghi, come raccontato la scorsa settimana. Sul primo c'è un accordo verbale con la Turris, che è propensa a cederlo al club biancorosso. Il secondo, convocato negli scorsi giorni dall'Under 21, ha il via libera dell'Atalanta. Se il Bari volesse davvero puntare su di lui, avrebbe la strada in discesa, ma dovrà agire in fretta. Resta in sospeso anche il riscatto di Cheddira. Nel pomeriggio è anche circolato il nome di Cretella. Ad oggi non ci sono riscontri, ma il calciatore della Paganese fa parte della stessa agenzia che cura gli interessi di Tascone e Cheddira. Un motivo quindi per tenere in considerazione l'operazione.
tuttobari.com

 

 

16.05.22 - Bargiggia: "Cessione Napoli? ecco la verità!"
Il giornalista Paolo Bargiggia parla del futuro del Napoli, inevitabilmente intrecciato con quello del Bari. "Bezos? Per quanto ne sappia, non ho segnali che questa pista sia particolarmente accesa. In generale, ho notizie di una certa resistenza da parte di De Laurentiis nel valutare la cessione del Napoli, anche se poi tra un anno ci dovrà necessariamente pensare - le parole a Sport del Sud, riprese da Arenapoli - Io credo che se non sarà Bezos, è molto probabile che si tratti di una proprietà americana, perché hanno già dimostrato di avere grande interesse per la Serie A, cosa che invece non fanno le proprietà arabe. Quelle sono più attratte dalla Premier League, ad esempio. In questo momento non vedo segnali per una cessione".
tuttobari.com



16.05.22 - Il Genoa retrocede: l'anno prossimo il Bari incrocierà Masiello?
I miglioramenti della seconda parte di campionato non sono bastati al Genoa. La sconfitta nel pomeriggio contro il Napoli e il successivo ko del Cagliari, hanno reso matematica la retrocessione in Serie B dei grifoni dopo 15 stagioni consecutive di permanenza in massima serie. I liguri raggiungono così il Venezia tra le prossime partecipanti della cadetteria, dove affronteranno il Bari.

Nei rossoblu milita anche una vecchia ed amara conoscenza biancorossa. Si tratta di Andrea Masiello, che vede nel 15 maggio una data poco fortunata. Proprio nel medesimo giorno del 2011 realizzò il famosissimo autogol nel derby con il Lecce, macchiando anni di carriera tra i galletti e diventando l'emblema dello scandalo calcioscommesse.
tuttobari.com

 

 

15.05.22 - I paperoni della B: spiccano gli Hartono, nel 2018 interessati al Bari. Berlusconi e Rosso in scia
La Serie B è sempre stata una categoria molto difficile, ma quella che si prospetta il prossimo anno assume giorno dopo giorno i connotati di un torneo stile A2. Saranno tante le piazze che ai nastri di partenza partiranno con ambizioni dichiarate di Serie A e non può che essere altrimenti viste le floride proprietà di diversi club della cadetteria. Il Bari può vantarsi dei De Laurentiis, facoltosa famiglia che ha costruito un impero con il Napoli, ma le altre avversarie non sono da meno.

Sono infatti numerosi i paperoni in Serie B. Su tutti spiccano i Fratelli Hartono, proprietari del Como, con un fatturato annuo secondo Forbes di 45,5 miliardi di euro, più di ogni altro club d'Italia. La curiosità è che i magnati indonesiani del tabacco si avvicinarono al Bari il giorno dell'asta, ma il loro progetto non fu ritenuto abbastanza valido come dichiarato negli anni dal sindaco Decaro. I lariani si candidano ad essere la battistrada della prossima B.

Non da meno Silvio Berlusconi col suo Monza. L'ex premier, proprietario di Fininvest, ha un fatturato annuo di 7,1 miliardi di euro e in caso di mancata promozione con i brianzoli partirà nuovamente in prima fila. Discorso analogo per Renzo Rosso col Vicenza, impegnato nei playout, ma con un fatturato di 3,5 miliardi di euro dovuto all'azienda di moda Diesel e Presidente dell’OTB group.

Diversi gli altri magnati, con numeri davvero importanti. Alexander Knaster, proprietario dal 2021 del Pisa e fondatore di Pamplona Capital Management, nel 2014 vantava un patrimonio di 2,2 miliardi di dollari e figurava tra i 400 uomini più ricchi al mondo. Kyle Krause, proprietario dal 2020 del Parma, nel 2019 ha fatturato oltre 2,8 miliardi di dollari con aziende nell'ambito della logistica e della grande distribuzione. Molto abbienti anche Oreste Vigorito, proprietario dal 2006 del Benevento, fondatore del Gruppo IVPC leader nell’energia eolica italiana e Stefano Bandecchi, fondatore dell'Università Niccolò Cusano, che ha chiuso il 2019 con un fatturato di circa 80 milioni di euro.
Tra gli altri Massimo Pulcinelli, proprietario dal 2018 dell'Ascoli, amministratore Unico di Ottimax Italia e Presidente del gruppo Bricofer; Andrea Gabrielli, proprietario dal 2009 del Cittadella, Presidente di Gabrielli S.p.A. società italiana operante nel settore della siderurgia; Maurizio Stirpe proprietario dal 2003 del Frosinone, vice Presidente di Confindustria; Massimiliano Santopadre, proprietario dal 2014 del Perugia, proprietario del brand d’abbigliamento Frankie Garage; Joe Tacopina, avvocato statunitense proprietario della Spal, che fattura con il suo gruppo oltre 70 milioni di dollari l'anno.
tuttobari.com

 

 

 

14.05.22 - Calciomercato SSC Bari: Le Ultimissime e tre nuovi nomi!
Il punto sul mercato dalle colonne del Corriere del Mezzogiorno. "Le prime mosse potrebbero essere due conferme: Alessandro Mallamo (di ritorno all’Atalanta, ma pronto a dire nuovamente sì ai pugliesi) e Walid Cheddira, per il quale però occorrerebbe metter meno al portafogli in modo anche consistente. A proposito dei volti nuovi, quelli più vicini a vestire biancorosso al momento sembrano essere tre: Matteo Arena, Simone Tascone e Nicolò Cambiaghi".
tuttobari.com

 

 

13.05.22 - LDL: "Dove vedo il Bari fra cinque anni? In mano ad un fondo"
"Tra cinque anni dove vedo il Bari? Non saprei rispondere, sono in attesa di un ricorso. Fra cinque anni potrebbe essere nelle mani di un bellissimo fondo". Così Luigi De Laurentiis a domanda sul futuro del club biancorosso ai microfoni di Helbiz.

"Mi auguro di riportare il Bari verso la massima serie e cedere la società ad un fondo importante o qualcuno di illuminato, che porti la piazza sempre più su", la dichiarazione del presidente biancorosso che conferma senza mezzi termini l'intenzione di cedere il Bari.
tuttobari.com



13.05.22 - Giudice sportivo, Bari multato con una motivazione curiosa
Le decisioni del giudice sportivo relativamente alla gara Modena-Bari, terminata 3-3 e valevole per la seconda giornata della Supercoppa di C, non hanno comportato per i galletti nessuna squalifica dei calciatori in rosa.

Il club biancorosso, però, è stato multato di 500 euro per avere “la squadra fatto accesso sul terreno di gioco alle ore 16.05, così provocando il ritardo dell’inizio della gara di cinque minuti.” Una sanzione senza dubbio curiosa.
tuttobari.com

 

 

12.05.22 - Antenna Sud - Bari, per l'attacco piace un attaccante del Monopoli
Crescono le opzioni per il prossimo mercato. Nella carrellata di ipotesi, un nome nuovo per l'attacco. E' Borrelli, di proprietà del Pescara, ma nella stagione appena conclusa impegnato nel Girone C. Come riportato da tuttomercatoweb, riprendendo indiscrezioni di Antenna Sud, il club biancorosso starebbero guardando con attenzione alla possibilità di prelevare la giovane punta che ha concluso l'ultimo campionato a Monopoli.
tuttobari.com



12.05.22 - Ass. Petruzzelli: "San Nicola, tutti i lavori previsti!" Tutto su pista d'atletica, seggiolini e teloni petali
Ospite della trasmissione "Il bianco e il rosso" di RadioBari, l’assessore allo sport del comune di Bari, Pietro Petruzzelli, ha parlato dei lavori in corso (e futuri) dello stadio San Nicola. Ecco le sue parole:

"Stiamo facendo sullo stadio due ordini di lavori: la sostituzione dei seggiolini in Curva Sud e poi a seguire in Curva Nord e Tribuna Ovest inferiore, e la sostituzione dei corpi illuminanti con una nuova tecnologia a led. Queste procedure sono propedeutiche all’omologazione per la Serie B. Pista d’atletica? Si è pensato alla sua eliminazione, ma è stata scartata perché molto onerosa e perché avrebbe ridotto di molto i posti a sedere. Non è una priorità ma vogliamo sostituire la pista d’atletica con un altro materiale. Il rifacimento del campo da gioco prevede anche il rifacimento dell’impianto di drenaggio. I petali? L’inizio dei lavori è previsto per fine agosto/inizio settembre: verranno sostituiti tutti e ventisei nel corso della stagione".
tuttobari.com

 

 

11.05.22 - Fedele: "ADL venderà il Napoli nel giro di 2 mesi, massimo un anno?"
Il futuro nel calcio della famiglia De Laurentiis non è così scontato per Enrico Fedele, ex direttore sportivo e agente di calciatori (su tutti i fratelli Cannavaro). Intervistato da TeleVomero ha così annunciato una possibile svolta per il Napoli ed inevitabili conseguenze sulla questione multiproprietà con il Bari: "Il presidente Aurelio De Laurentiis - riporta calcionapoli24.it - nel giro di due mesi, massimo un anno, venderà il Napoli. Su questo non c'è dubbio: per problemi commerciali, lui adesso sarà costretto a vendere alcuni tra i migliori calciatori".
tuttobari.com

 

 

10.05.22 - Bari o Napoli? Filmauro ha comunicato a Decaro. C'è un favorito per il dopo DeLa
Secondo l'edizione odierna di Repubblica, la Filmauro avrebbe comunicato al sindaco Antonio Decaro che nel 2024, se sarà inevitabile cedere una tra Napoli e Bari, cederà la seconda.

"De Laurentiis spera ancora di portare in A il Bari, che il figlio Luigi non vorrebbe più cedere. - riporta tuttonapoli.net - È in sintonia con i tifosi e gli imprenditori di Bari da quando guida la società senza essere condizionato dal Napoli. Il Bari, secondo le intenzioni del sindaco, sarà assegnato ad un barese. Favorito è Molino Casillo".
tuttobari.com

 

 

09.05.22 - Multiproprietà, dalla cessione ai prossimi gradi di giudizio: tutti gli scenari
Si è chiuso ieri il primo round sul discorso multiproprietà, filo sottilissimo che lega a sé i destini di Bari e Napoli. Il Tribunale Federale, presieduto da Carlo Sica, ha rigettato il ricorso di Aurelio e Luigi De Laurentiis, che avevano impugnato il provvedimento adottato dal Consiglio Federale. Come noto, il 1 ottobre 2021 Gravina impose un veto alle doppie proprietà, vietando di fatto la possibilità che una stessa società potesse controllare due o più club professionistici italiani.

Il provvedimento aveva valore retroattivo, implicando così la necessità di dismettere le due multiproprietà vigenti nel calcio italiano entro il 30 giugno 2024: Bari e Napoli appunto e Mantova e Verona, proprietà di Maurizio Setti. Restasse lo stato delle cose immutato, la Filmauro dovrebbe privarsi di uno dei due rami sportivi. A sentire Aurelio De Laurentiis la scelta è stata già presa. "Se non dovessimo vincere i vari ricorsi in atto, ce ne faremo una ragione e il Bari sarà venduto" le parole del presidente degli azzurri qualche giorno fa a Dazn.

La battaglia legale, però, si prospetta ancora lunga. Una volta che verranno pubblicate le motivazioni, l'avvocato dei De Laurentiis, Mattia Grassani, presenterà ricorso in appello, come già annunciato, entro i successivi 7 giorni. In caso di diniego, si passerà al successivo grado della giustizia sportiva, il Collegio di Garanzia del Coni. Poi spazio all'ambito amministrativo, prima al Tar del Lazio ed eventualmente presso il Collegio di Stato. In caso di una serie di bocciature, l'ultima carta sarebbe la Corte di Giustizia Europea a Lussemburgo.

I De Laurentiis non si arrendono, dunque, e proveranno fino in fondo a far valere le proprie ragioni. Il ragionamento alla base del ricorso è semplice. Se la Figc ha dato la possibilità in un momento storico di investire su un bene, quale il Bari in questo caso, l'imprenditore che se lo accaparra redige un piano industriale che possa nel tempo far fruttare un ritorno economico. A sentire le intenzioni dei De Laurentiis, l'obiettivo è sempre stato quello di riportare il Bari in A e poi venderlo al miglior offerente. Mettendo però una scadenza, quale quella del 2024, l'affare inevitabilmente si svaluta, facendo così perdere una grande fetta di investimento all'imprenditore che ci ha scommesso sopra.

Ritornare allo status quo ante delle cose, usando le parole di Grassani ai nostri microfoni, non vuol dire far "morire" Maita e compagni in B, ma semplicemente cancellare ogni scadenza che possa compromettere la cessione del pacchetto Bari. Ai De Laurentiis non resta in ogni caso che cercare al più presto un compratore, perché più passa il tempo e più il venditore risulta penalizzato. La certezza però è che una cessione del Bari in A sarebbe sicuramente più remunerativa che in B. Ecco allora spiegato il virgolettato di Aurelio De Laurentiis: "Impiegheremo tutta la nostra capacità per portarlo in A". Al resto ci penserà il campo ad emettere il suo verdetto. In attesa di quello che verrà fuori dai tribunali.
tuttobari.com

 

 

06.05.22 - Serie B, nella prossima stagione si gioca anche durante il Mondiale
Importante riunione della Lega Serie B, quest’oggi, in videoconferenza. Un paio le principali novità emerse nell’assemblea, riportate da Tuttomercatoweb.com.

Una riguarda il calendario della competizione: “La scelta è stata quella di disputare le partite del campionato Serie BKT durante i mondiali del Qatar. Questo determinerà un minor numero di turni infrasettimanali, solo due, con l’inizio e la fine del torneo che rimane invariato (13 agosto/19 maggio) così come la previsione del boxing day che coincide con il termine del girone di andata. La pausa invernale è prevista dal 27 dicembre al 13 gennaio.”

L’altra, invece, prevede maggiori agevolazioni alle società che impiegheranno giovani: “Approvata una norma di maggior valorizzazione dei giovani italiani convocabili nelle nazionali di categoria a partire dalla stagione 2023/2024 con nuovi incentivi e premialità per i club, in aggiunta agli attuali, a seconda del minutaggio.”
tuttobari.com

 

 

05.05.22 - Multiproprietà, bocciato ricorso dei DeLa. Grassani: "Sarà una lunga partita. Queste le prossime tappe"
Bocciato il ricorso dei De Laurentiis contro il nuovo regolamento sulle multiproprietà. Il legale della famiglia proprietaria sia del Bari che del Napoli, Grassani, ha commentato a Radio Kiss Kiss Napoli. "È solo la prima frazione del primo tempo di una lunga partita - si legge su tuttomercatoweb - che potrebbe vedere anche altri ordini oltre a quelli federali, come quello di Garanzia dello Sport presso il CONI e quello amministrativo del Consiglio di Stato, pronunciarsi su un principio di retroattività di una norma che vieta al Gruppo Filmauro il controllo di due club che quando fu acquisito il Bari non prevedeva questa preclusione. De Laurentiis non è che deve vendere domani mattina, il 1° ottobre 2021 la FIGC ha sancito che la titolarità di due club in due categorie diverse deve essere dismessa entro il 30/6/2024. Questa norma è stata contestata in quanto quando è stato acquistato il Bari la norma prevedeva che finché erano in due categorie diverse i due club potevano essere detenuti. Per questo l’holding Filmauro è insorta, la legge non si può applicare nel senso retroattivo nel tempo".

Grassani ha spiegato le prossime tappe: "Dopo le motivazioni del Tribunale Federale, verrà sicuramente proposto l’appello fino a 27 giorni dopo le motivazioni. In caso di ulteriore diniego ci sarà l’ultimo grado di giudizio in ambito sportivo al Collegio di Garanzia presso il Coni. Poi ci sono altri due gradi di giudizio in ambito amministrativo, presso il Tar del Lazio e presso il Collegio di Stato dove la Filmauro potrebbe agire se non dovesse avere giustizia. È abbastanza evidente che una norma può operare per il futuro e non per il passato. Se io Filmauro mi sono aggiudicato il Bari l’ho fatto sapendo di poter gestire questo club secondo una logica imprenditoriale nella quale non rientra una norma retroattiva".
tuttobari.com



05.05.22 - Playoff - Colpaccio del Foggia: eliminato l'Avellino
Sono terminate qualche istante le gare del secondo turno playoff. Colpaccio del Foggia, che ha espugnato il Partenio di Avellino eliminando così gli irpini. Stagione fallimentare per i biancoverdi, fuori da tutto e rimontati quest'oggi dagli uomini di Zeman, che si candidano a mina vagante di questa post season. Bene anche il Monopoli, che vince nel finale col Francavilla e accede alla fase nazionale, e la Juve, che espugna il campo della Pro Vercelli. Impresa sfiorata per il Gubbio di Torrente, avanti 2-0 e poi rimontato dai biancoazzurri.

Risultati (in grassetto le squadre qualificate al prossimo turno).

Avellino-Foggia 1-2

Monopoli-Francavilla 1-0

Pescara-Gubbio 2-2

Entella-Olbia 1-1

Triestina-Pro Patria 2-1

Pro Vercelli-Juventus U23 0-1
tuttobari.com

 

 

04.05.22 - Multiproprietà, avv. Grassani: "L'obiettivo dei DeLa è controllare Bari e Napoli purchè in categorie diverse..."
Domani, presso il Tribunale Federale, avrà inizio la lunga battaglia sul tema multiproprietà. Noi di TuttoBari.com abbiamo sentito in esclusiva l'avvocato della famiglia De Laurentiis, Mattia Grassani, che ci ha spiegato i motivi del ricorso presentato dai proprietari del Bari e anche l'obiettivo che si spera di raggiungere. Ecco le sue parole:

"Il ricorso presenta cinque diversi motivi sulla base dei quali il provvedimento della FIGC del 1° ottobre 2021, che ha imposto la definizione delle due soluzioni di 'multiproprietà' esistenti (Napoli / Bari e Verona / Mantova) entro il 30 giugno 2024, deve ritenersi illegittimo. I motivi vertono su generali principi di diritto, italiano e comunitario, nonché sulla incoerenza del comportamento della FIGC che dapprima ha autorizzato, mediante conferimento del titolo sportivo e ammissione a tre campionati di Serie C, una determinata iniziativa imprenditoriale e successivamente, senza che siano intervenuti fatti nuovi né norme imperative di rango superiore, dopo che Filmauro ha investito decine di milioni di euro nell'attività, finisce per vietarla, attivando tale preclusione anche per le situazioni in essere. Preclusione che interviene dopo che, il 7 maggio 2021, la stessa FIGC aveva ribadito, in sede di riforma dell'art. 16bis NOIF, che per le situazioni preesistenti avrebbe continuato ad applicarsi il precedente regime normativo."

L'obiettivo finale: "E' ovviamente quello di tornare allo status quo ante, e dunque alla possibilità per il medesimo soggetto di controllare due società, purché non appartenenti alla medesima categoria, a tempo indeterminato".
tuttobari.com




04.05.22 - De Laurentiis: "La A col Bari? Non ci è permesso. La B affascinante. Prestiti dal Napoli? Possibile"
Ospite di una diretta Instagram della pagina fortune_italia, Luigi De Laurentiis è tornato sulla promozione del Bari e i progetti futuri attorno al club biancorosso: "Non mi aspettavo di trovare quasi 40.000 persone per il centro di Bari quando siamo passati col pullman a mezzanotte. Immagini incredibili. Bari attendeva da tempo di tornare in B. Siamo partiti da una startup, non c'era nulla quando sono arrivato. La B è un primo passo fondamentale".

"Rappresento in questo percorso una piazza importante. C'è un bacino d'utenza che conta. Ben vengano le piazze importanti che risalgono la china verso la massima serie: la A così può acquistare potere. Un Bari-Palermo in Serie A rappresenta tantissimo. Non me ne vogliano piazze più piccole, che comunque rappresentano delle favole", il pensiero del numero uno biancorosso.

La visione di LDL... "La A col Bari? Al momento non mi è permesso di arrivarci. Dovessi arrivare in A, dovrei trovare un fondo, un privato, che ha intenzione di pagare un giusto prezzo per il Bari. Se questo è vincolante? Molto. Ma lo sapevamo quando nel 2018 abbiamo rilevato il titolo sportivo. Eravamo pronti a investire riportando il Bari dove merita, trovando nel frattempo la giusta partita nella chiusura del cerchio. La B? Affascinante: ci sono dei giovani che sono subito di grande interesse per i club di A. E' una bellissima vetrina. Come la Formula 1 e 2, stessa cosa per il calcio italiano".

LDL ha concluso: "Si lavora per il mercato e per i calciatori. Tra calcio e cinema, faccio l'in bocca al lupo ad entrambi i mondi. Prestiti tra Bari e Napoli? Se ci sono dei calciatori interessanti che sono nell'altra squadra, uno li valuta. Il gruppo è lo stesso, si possono trovare dei benefici. Magari abbiamo da valorizzare un giovane e capiremo".
tuttobari.com

 

 

04.05.22 - Supercoppa Serie C, fissato l'orario del fischio d'inizio di Modena-Bari
Dopo la sconfitta maturata nella prima giornata contro il Sudtirol, il Bari disputerà sabato la sua seconda partita in Supercoppa Serie C affrontando in trasferta l'ostico Modena di Attilio Tesser. La Lega Pro ha comunicato quest'oggi l'orario della sfida, in programma sabato 7 maggio alle ore 16.00.

Sempre alle 16.00 sarà in programma l'ultima partita del mini-torneo, quella fra Sudtirol e Modena prevista il sabato successivo, 14 maggio.
tuttobari.com

 

 

01.05.22 - Mignani: "Abbiamo ancora possibilità di vincere la Supercoppa. Sudtirol molto organizzato"
Il tecnico del Bari, Michele Mignani, ha parlato ai microfoni di RadioBari al termine della gara persa al San Nicola contro il Sudtirol per 1-2. Ecco le sue parole:

"I primi dieci minuti abbiamo fatto un po' di fatica, poi siamo cresciuti. Loro erano molto aggressivi. Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo e abbiamo subito due bei gol. Nel finale avremmo meritato di pareggiare la partita. Dobbiamo fare i complimenti al Sudtirol, molto organizzati, grande fisicità e qualità. Noi siamo stati meno brillanti sull'aspetto fisico. Dispiace congedarsi dal San Nicola con una sconfitta. Noi dobbiamo essere più bravi a muovere palla più veloce ed essere più puliti, quando lo facciamo siamo pericolosi. Oggi rispetto alle ultime partite abbiamo calciato di più, ma dobbiamo finalizzare di più, soprattutto in ripartenza. Abbiamo ancora possibilità di vincere il trofeo. Il Modena ha fatto un campionato strepitoso, sarà un test stimolante, ci arriveremo abbastanza sereni nonostante questa sconfitte e cercheremo di vincere. Festeggiamenti per il compleanno? Una cena con lo staff".
tuttobari.com



01.05.22 - Bari-Sudtirol, il dato spettatori: un solo tifoso ospite
Come comunicato dalla società biancorossa, per la partita di Supercoppa Serie C tra Bari e Sudtirol sono presenti 5.043 spettatori paganti, di cui un solo tifoso ospite. Numeri in calo rispetto alle ultime uscite in casa del Bari.
tuttobari.com

 

 

30.04.22 - Dove vedere Bari – Sudtirol: data, orario, precedenti, tv streaming
Inizierà oggi l’edizione numero ventidue della Supercoppa di Serie C, che vedrà come protagoniste le squadre che hanno vinto i loro rispettivi gironi (A, B e C) ottenendo la conseguente promozione diretta in Serie B, e vale a dire Sudtirol, Modena e Bari.

A scendere in campo, allo stadio San Nicola saranno i biancorossi e la compagine di Bolzano, la quale cercano il primo successo in questa competizione mentre i canarini, che faranno il proprio esordio tra una settimana, hanno vinto la Supercoppa di C nell’edizione del 2001.

Di seguito scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla partita tra Bari e Sudtirol: data, orario, precedenti e come poterla seguire in televisione ed in streaming.

Dove vedere Bari – Sudtirol: data, orario e precedenti
L’incontro tra Bari e Sudtirol si disputerà sabato 30 aprile alle ore 16:30. Quello di oggi sarà il primo confronto in assoluto tra le due compagini.

Dove vedere in tv e streaming Bari – Sudtirol: Eleven Sports, Rai Sport, Sky | Supercoppa Serie C
Sarà possibile seguire la gara in esclusiva uslla piattaforma di Eleven Sports.
ilcorrieredelpallone



30.04.22 - ADL: "Bari, puntiamo forte alla serie A. Se perdiamo i ricorsi sarà addio"
Quale futuro per il Bari? Stando a quando dichiarato da Aurelio De Laurentiis ai microfoni di DAZN, la cessione del club biancorosso è cosa assai probabile, vista la stringente normativa relativa alle multiproprietà nel calcio: "Bari ha un popolo straordinario. Del club se ne sta occupando mio figlio, che ha fatto un ottimo lavoro. C’è una legge, anzi un regolamento fatto dalla Federcalcio, sul quale io non sono assolutamente d’accordo. Basti pensare che la UEFA permette a un figlio e a un padre di avere due club che partecipano alle coppe europee. Se continuerà a esistere questa autoritaria, più che autorevole, decisione di Gravina, perché l’ha presa di testa sua, e noi non dovessimo vincere i vari ricorsi in atto, ce ne faremo una ragione e il Bari sarà venduto. Impiegheremo tutta la nostra capacità per portarlo in A, perché è dove merita di competere una compagine da un milione e duecentomila tifosi, un bacino che molti sodalizi ora nella massima serie no

 

 

28.04.22 - De Laurentiis: "Stop alle multiproprietà inopportuno, sembra una vendetta"
Nel corso di un'intervista rilasciata a Radio Kiss Kiss, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato del tema multiproprietà e dello stop a questa pratica voluto dalla federazione, che imporrà al patron di vendere una squadra fra i partenopei e il Bari entro il 2024: "È una diatriba che vedremo come risolvere. È stato un passaggio inopportuno, sembra una vendetta. Avrebbero dovuto dire: 'D’ora in poi non si può più fare la doppia proprietà, quelli che già ce l’avevano possono continuare a farlo, ma non possono avere due club nella stessa serie'. Allora io dovrei chiedere un ristorno alla Federazione".

De Laurentiis prosegue: "Il problema è che non puoi salire in A e poi non fare mercato, oggi chi viene in A deve investire tra i 30 e i 50 milioni per i calciatori. Non puoi andare dalle grandi squadre e chiedi il prestito di un giocatore pagandogli il 50% del salario. Questa cosa la sento anche da squadre medie, vuol dire che c’è qualcosa che non sta funzionando".
tuttobari.com

 

 

27.04.22 - Fissato l'orario di Bari-Sudtirol: Ecco quando si giocherà!
Fissato l'orario di Bari-Sudtirol, prima partita della Supercoppa Serie C in programma sabato alle 16.30. Di seguito il comunicato del club biancorosso:

"La Lega Pro ha reso noto che sarà Bari-Sudtirol la prima sfida in programma per assegnare la Supercoppa Serie C '21-'22; la gara si disputerà sabato 30 aprile sul terreno del San Nicola a partire dalle ore 16:30. In caso di vittoria i biancorossi saranno impegnati a Modena sabato 14 maggio, in caso di pareggio o sconfitta, la gara del 'Braglia' si giocherà sabato 7 maggio.

1a giornata

Bari-Sudtirol

Sabato 30 aprile, ore 16:30

2a giornata

Sabato 7 maggio

3a giornata

Sabato 14 maggio".
tuttobari.com



27.04.22 - Il Sudtirol si proietta già alla B con forza: "Avremo un budget superiore agli...."
Nonostante la promozione sia arrivata solo domenica, il Sudtirol è già proiettato alla prossima B. Così l'Ad altoatesino Dietmar Pfeifer al quotidiano il Corriere dell'Alto Adige: "In serie B avremo un budget superiore agli 11 milioni di euro, chiaramente ci sono a disposizione i diritti tv ma ci sono anche dei costi notevoli, per esempio l’iscrizione che in C è 60.000 euro in B è 230.000 o il contributo di solidarietà alla serie C di 500.000 all’anno per i tre anni dopo la promozione, i voli per le partite al Sud, le spese di viaggio quindi si quadruplicheranno. Alla fine è un altro mondo. Abbiamo rincorso questo obiettivo per tanti anni, lo vogliamo affrontare con la massima umiltà, sapendo che entriamo in un qualcosa dove non siamo mai stati, cercando di fare meno errori possibili".
tuttobari.com

 

 

24.04.22 - Botta e Scavone non incidono, Maiello e Antenucci ci provano. Le pagelle dei biancorossi
Nell'ultima giornata, il Bari perde in casa con il Palermo per 2-0. Di Floriano e di Brunori, su rigore, le marcature rosanero. I biancorossi chiudono la stagione a quota 75 punti.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 6 Può poco o nulla sulla conclusione vincente di Floriano. Sfiora il pallone sul rigore di Brunori;

BELLI 5.5 Suo l'errore in marcatura su Floriano in occasione del vantaggio ospite;

DI CESARE 5.5 Non sempre impeccabile in fase di chiusura. Sfiora il gol con un tiro da fuori;

TERRANOVA 6 Prova a chiudere tutti i varchi alle insidiose punte rosanero;

MAZZOTTA 6 Prova a spingere ma i suoi cross giungono a destinazione;

MAIELLO 5.5 Meno brillante rispetto al solito in cabina di regia;

MALLAMO 6 Uno dei pochi a provarci. L'estremo difensore ospite lo ipnotizza nella ripresa;

SCAVONE 5.5 Impreciso palla al piede. Poco freddo quando sbaglia l'1-1;

BOTTA 5 Poco brillante. Tanti errori, suo il fallo di mano in occasione del rigore assegnato al Palermo;

CHEDDIRA 6 Con i suoi strappi prova ad impensierire la difesa ospite;

ANTENUCCI 6 Si sacrifica anche tornando nella propria metà campo. Ci prova ma non è fortunato;

D'ERRICO 6 Regala più vivacità alla mediana ma le sue iniziative non sempre vanno a buon fine;

CITRO 5.5 Non riesce ad accendere a dovere il reparto avanzato;

GALANO 5.5 Ancora poco convincente nel ruolo di trequartista;

GIGLIOTTI sv

BIANCO sv

MIGNANI 6 Non la miglior gara dei suoi ragazzi che perdono all'ultima giornata dopo nove turni di imbattibilità.
tuttobari.com



24.04.22 - Bari-Palermo, il dato spettatori. È record stagionale
Record stagionale quest'oggi al San Nicola. Ad assistere a Bari-Palermo ci sono spettatori 25.872 (430 abbonati, 225 tifosi ospiti). Miglior dato dell'era De Laurentiis.
tuttobari.com

 

 

22.04.22 - De Laurentiis: "Per me Bari prima del Napoli. Buon budget per la B"
Il presidente del Bari, Luigi De Laurentiis, è stato intervistato dal direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni. Tanti gli argomenti trattati, dal primo approccio con il mondo biancorosso alla Serie B. Ecco le sue parole:

"Nel 2018 ero a Londra per lavoro, mio padre mi chiamò alle 7.15 del mattino per dirmi che avrebbe voluto comprare il Bari e mi chiese se avessi voluto fare il presidente. Dopo un paio d'ore ho accettato. Siamo partiti da zero, all'inizio ho dovuto chiamare un albergatore per farmi portare gli asciugamani per i giocatori. Oggi quando sento l’inno del Bari mi viene la pelle d’oca. Le difficoltà? Comprendere la parte tecnico-sportiva e tecnico-dirigenziale. Quest’anno ho scelto io il direttore sportivo che a sua volta ha scelto il tecnico. Polito ha scelto i giusti giocatori che sarebbero serviti al gioco dell’allenatore, inusuale in Serie C".

Sulla Serie B: "La squadra ha già molti giocatori adatti alla B, ma ci saranno potenziamenti anche con giovani. Sarà un connubio tra prestiti e giocatori di proprietà, ma dobbiamo guardare anche al nostro budget, che sarà comunque un buon budget per la categoria. Stranieri? Dipende dalle opportunità. Quest’anno avevamo un argentino, se ci sarà la possibilità di avere qualcuno funzionale al nostro gioco, perché no".

Sulla preferenza tra Napoli e Bari: "Bari prima squadra e Napoli seconda? Beh, per me si".
tuttobari.com



22.04.22 - Verso Bari-Palermo, la città risponde presente: venduti oltre...
I tifosi biancorossi rispondono presente in vista della festa promozione: sono già oltre 12000 i biglietti venduti per il match Bari-Palermo, in programma al San Nicola domenica prossima alle ore 17.30. Un dato notevole, che ricalca i numeri altrettanto consistenti registrati nelle biglietterie per le due più recenti gare in casa, contro Fidelis Andria (24332 spettatori) e Avellino (22376).
tuttobari.com

 

 

 

21.04.22 - De Laurentiis: "Multiproprietà? Arrivano offerte. Io via da Bari a malincuore"
Il presidente del Bari, Luigi De Laurentiis, nell'intervista a cura del direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni, ha parlato anche della città di Bari, della questione multiproprietà e dei costi di gestione.

Sul rapporto col padre, Aurelio: "Rispetto a lui io ho un approccio generazionalmente diverso, ma anche caratteriale. Da mio padre ho imparato tantissimo: cogliere l’occasione,non perdere mai un secondo e mettersi sempre in prima persone nel fare le cose. Sulla gestione delle risorse umane abbiamo approcci diversi".

Sulla questione multiproprietà: "Abbiamo un ricorso in atto e stiamo attendendo. Difficile dire chi sarà ceduto tra Bari e Napoli, oggi arrivano tante offerte e nel mondo c’è tanto interesse per il calcio italiano. Se il campionato della squadra in B si mette bene, dovrò essere bravo a trovare chi me la porta in Serie A. Io non mi staccherei volentieri dal Bari, sarebbe un dispiacere. Siamo stati accolti alla grande, ho trovato grandi amicizie qui. La gente in strada mi chiede « Portaci in A», io dico: step by step, godiamoci la B".

Sulla città di Bari: "A Bari passo otto o nove giorni al mese, vivo molto il territorio. Bari è una città gestita da Dio, pulita e c'è poco traffico. La Puglia bellissima, in molti investiranno qui".

Sui cambiamenti che farebbe nel calcio italiano: "Dovrebbe crearsi una propria piattaforma, un canale della Lega Calcio, e venderla in tutto il mondo".

Sui costi di gestione: "Ad oggi tutta la macchina Bari costa 10 milioni. Quanto fattura? Poco, la Serie C è a fondo perduto. Quanti soldi ho perso? Ne ho investiti tanti. Un Bari in Serie A? Da capire, per me ha un bel valore".
tuttobari.com



21.04.22 - Bari ha voglia di festa: il numero di biglietti venduti per il Palermo
In casa biancorossa cresce l'attesa per la partita contro il Palermo, in programma domenica pomeriggio alle ore 17.30 allo stadio San Nicola. L'astronave di Renzo Piano diventerà infatti teatro della festa promozione, che inizierà già prima del fischio d'inizio e terminerà dopo l'incontro con la consegna del trofeo e poi con il pullman scoperto che percorrerà le vie della città.

La città ha voglia di festa: a quattro giorni dalla gara sono già 8000 i biglietti venduti per l'incontro.
tuttobari.com

 

 

20.04.22 - La prossima B: chi troverà il Bari? Parma e altre sei già sicure. Il quadro
Il Bari è tornato a distanza di quattro anni in Serie B, uno dei campionati storicamente più difficili d'Europa. Il motivo è presto detto: il livello è altissimo, la differenza tra le diverse squadre è minima e la qualità in campo si è alzata esponenzialmente negli ultimi anni. Se fino a qualche campionato fa una squadra capace di dominare in Serie C con pochi e mirati innesti poteva lottare per la vetta della cadetteria, ora la storia è cambiata. Basta guardare la Ternana, schiacciasassi fino a qualche mese fa e adesso nel guado di metà classifica, nonostante un calciomercato di assoluto livello. Stesso discorso per Como e Perugia, entrambe promosse dalla Lega Pro.

Per ambire subito alla promozione si dovrà passare inevitabilmente per una profonda rivoluzione. Con l'innalzamento del livello della competizione è andato di pari passo l'aumento del monte ingaggi e dei cartellini dei giocatori. Oggi il Bari ha una proprietà solida e florida, ma nonostante ciò il budget dovrà essere notevolmente alzato rispetto alle precedente sessioni. Gli avversari del resto non stanno a guardare e quella del prossimo anno si prospetta una delle Serie B più forti e equilibrate della storia, parola di un esperto come Alfredo Pedullà ai nostri microfoni.

CHI CI SARÀ - Ad oggi oltre al Bari, sono sicure di partecipare Como, Parma, Reggina, Cittadella, Ternana e Perugia. I lariani vantano la proprietà più ricca d'Italia, con la famiglia indonesiana Hartono (64esima al mondo secondo Forbes) che ha già dichiarato di volere puntare alla A l'anno prossimo. Non da meno le ambizioni dei crociati, con la famiglia Krause che non ha lesinato ingenti esborsi economici in questi due anni come dimostrano gli acquisti di Denis Man e Tutino. Le restanti sono squadre che per ambizioni non sono seconde a nessuno e anche l'anno prossimo punteranno, almeno, ad un piazzamento playoff.

CHI CI POTREBBE ESSERE - Dalla C è possibile che salgano Modena e Sudtirol: sia i primi (proprietà Stone Island), sia i secondi sono intenzionati ad allestire squadre che non facciano da comparsa. Stesso discorso per chi salirà dalla C tramite playoff (favorite Reggiana e Padova in caso di mancata B diretta). Da considerare anche chi resterà deluso dal mancato salto in A: forse Frosinone e Ascoli, almeno tre tra Brescia, Pisa, Benevento, Monza, Lecce e Cremonese (le ultime due favorite alla promozione diretta). Proprietà solidissime ed esperte della categoria, che l'anno prossimo punteranno ancora di più alla promozione diretta. E poi c'è chi scenderà dalla A: quasi sicuramente Salernitana, Genoa e Venezia, con società altrettanto forti che investiranno parecchio per ritornare subito in A, vantando un ricchissimo paracadute. Infine chi si salverà in B: forse la Spal, con Tacopina che ha già sbandierato i programmi di altissimo livello per l'anno prossimo, e una tra Cosenza e Alessandria. Insomma, almeno dieci squadre che hanno come obiettivo dichiarato la A.
tuttobari.com

 

 

17.04.22 - Mignani: "Cercavamo la vittoria per i tifosi. Botta ha voglia, Di Cesare mi ha sorpreso"
Il tecnico biancorosso Michele Mignani ha parlato ai microfoni di RadioBari dopo la partita pareggiata per 0-0 contro il Taranto: "Nel primo tempo secondo me abbiamo cercato soluzioni per uscire dalla pressione arrivando vicini alla loro porta, in alcune situazioni non siamo riusciti a calciare al meglio e dovevamo sfruttare alcune opportunità. Nella ripresa i ritmi si sono abbassati, abbiamo comunque avuto un paio di situazioni, avremmo voluto vincerla per dedicarla ai nostri tifosi".

Su Botta: "Si vede che ha voglia di giocare, ma più di questo minutaggio non aveva perché ha fatto tre allenamenti con la squadra. Non l'abbiamo mai avuto nel girone di ritorno, abbiamo trovato soluzioni alternative, anche oggi Galano si è mosso bene, dobbiamo cercarlo meglio e lui deve essere più incisivo. C'era un ambiente particolare, la squadra la sentiva in maniera particolare. Dispiace non aver concretizzato".

Mignani prosegue: "Oggi la squadra è stata sul pezzo ed ha provato a fare la partita, abbiamo una mentalità vincente. L'approccio è stato buono, Di Cesare è un ragazzo che sotto certi aspetti mi ha sorpreso perché vedevo in lui come negli altri senatori la sofferenza perché si erano presi delle responsabilità venendo da un'annata dove le cose non sono andate bene".

Il tecnico continua: "Ho deciso di far fare un tempo ciascuno a Simeri e Paponi, non è che non hanno inciso ma hanno avuto meno tempo. La cosa più importante è l'impegno e l'atteggiamento che mette chi entra".
tuttobari.com



17.04.22 - Bene Di Cesare, spenti Simeri ed Antenucci: le pagelle dei biancorossi
Solo un pari a reti bianche per il Bari nel sentito derby di Taranto. Una gara combattuta, ma con poche occasioni da gol, tra due squadre che hanno già raggiunto i loro rispettivi obiettivi in campionato.

Di seguito, le pagelle dei biancorossi:

POLVERINO 6 – Praticamente inoperoso, non corre particolari pericoli, portando a casa l’ennesimo clean sheet della sua stagione.

BELLI 6 – Guardingo, mantiene la posizione e spinge poco in fase offensiva. Il suo, comunque, lo fa.

DI CESARE 6,5 – Nelle poche chance collezionate dal Taranto, in special modo ad inizio gara, si oppone in tutti i modi, dall’alto della sua esperienza

GIGLIOTTI 6 – Tiene bene contro gli avanti tarantini, buttando anche qualche palla in tribuna, quando serve. Anche lui conferisce sicurezza al reparto.

RICCI 6,5 – Si propone parecchio in avanti, sfiorando il gol in un’occasione. Un bel motorino, sulla sua fascia.

MAZZOTTA 6 – Non ha problemi a contenere le sfuriate finali del Taranto. Conferma di essere un elemento di sicuro affidamento.

MAITA 5,5 – Mezzo voto in meno per l’ottima occasione da rete sprecata malamente nel primo tempo. Per il resto, fa una partita ordinata, senza particolari acuti.

MAIELLO 6 – Metronomo del centrocampo biancorosso, anche oggi mette ordine egregiamente nel reparto. Anche in B, sarà un pezzo importante del progetto.

MALLAMO 6 – Solito apporto di fosforo in mezzo al campo. Fa molto lavoro oscuro, quest’oggi. Ma si rende utile come al solito.

D’ERRICO 6 – Entra a 25’ dalla fine, nel tentativo di dare vivacità. Qualche accelerazione e poco più.

GALANO 6 – Prova ad accendersi in un paio di circostanze, amministrando il pallone da par suo. Fisicamente non appare ancora al top, ma l’impegno è indiscutibile.

BOTTA 6 – Bello comunque rivederlo in campo per una mezz’ora. Deve recuperare la condizione in vista della Supercoppa, ma la chance più grande della ripresa è sua, con un tiro da fuori area che esce di un soffio.

ANTENUCCI 5,5 – Meno bene del solito. Pochi i palloni toccati, praticamente nessuno indirizzato pericolosamente verso la porta avversaria. Una giornata non brillante può capitare.

SIMERI 5,5 – Altra chance da titolare, non sfruttata a dovere. Praticamente non si vede mai, pur mettendo in mostra l’indubbia buona volontà, correndo tanto, non sempre con costrutto.

PAPONI 6 – Duella con la difesa avversa, mettendoci il fisico. Fa a sportellate in maniera egregia, ma non conclude praticamente mai.

CITRO s.v. - Pochi minuti in campo per lui. Ingiudicabile.

MIGNANI 6 – Un buon Bari, pur senza strafare, lotta ed onora il derby con il Taranto. Non si può sempre vincere, del resto.
tuttobari.com

 

 

14.04.22 - Avv. Grassani legale di DL: “Multiproprietà... un principio che noi respingiamo se le due società rimangono in due categorie diverse”
Il legale dei De Laurentiis Mattia Grassani, intervenuto ai microfoni di radio Kisskiss, ha rilasciato alcune dichiarazioni inerenti la questione multiproprietà che coinvolge direttamente le società di calcio Bari e Napoli. Di seguito le sue parole riportate da TuttoNapoli.net: "Multiproprietà? L'attuale normativa non è definitiva e blindata, è stata impugnata da Filmauro srl, se ne discuterà il 4 maggio. Entro il 30 giugno 2024 uno dei due club tra Napoli e Bari dovrebbe essere oggetto di dismissione, un principio che noi respingiamo se le due società rimangono in due categorie diverse".
tuttobari.com

 

 

13.04.22 - De Laurentiis: "Entusiasmo incredibile. Sponsor e stadio, ora guardiamo al futuro"
Il presidente del Bari Luigi De Laurentiis, parlando ai microfoni di DAZN, ha manifestato nuovamente tutta la sua felicità per la promozione in Serie B: "È una bellissima gioia, è ripartito un entusiasmo incredibile, qui lo chiamano "priscio". Ora guardiamo al futuro, abbiamo annunciato il nostro main-sponsor per l'anno prossimo iniziando la collaborazione con una società importantissima non solo in Puglia ma anche a livello internazionale. Stiamo lavorando sullo stadio, che grazie all'impegno del Comune verrà completamente rinnovato con un nuovo maxischermo, illuminazione al LED e un terreno di gioco migliore".

De Laurentiis prosegue: "In città si dice "la Bari", io la chiamo "il Bari". È una delle sei piazze più grandi d'Italia ed è giusto che il nome sia quello con cui viene riconosciuta nel paese".

Sul Napoli e i sogni scudetto di papà Aurelio: "Ogni settimana io e mio padre esultiamo o ci consoliamo a vicenda, mancano tante partite e tutto è aperto. Mi è dispiaciuto per la sconfitta di domenica".
tuttobari.com

 



13.04.22 - Abbonamenti serie B, non mancano le idee. Prezzi giusti e squadra competitiva
Entusiasmo Bari. Repubblica s'interroga su quello che sarà il seguito nella prossima stagione, a partire dalla campagna abbonamenti. C'è una città che freme per la B, e che potrebbe dar fiducia al progetto in cadetteria. "Alla società dei De Laurentiis non mancano certo le idee per cavalcare l’onda che si è nuovamente creata. Praticati i prezzi giusti e allestita una squadra competitiva per un campionato ambizioso (non ci sono dubbi che questo accadrà), molti degli occasionali diventeranno clienti fissi del San Nicola", si legge sulle pagine del quotidiano.
tuttobari.com

 

 

 

10.04.22 - Bari-Avellino, l'astronave colorata di bianco e rosso: il dato spettatori!
Sono 22.376 gli spettatori presenti questo pomeriggio allo stadio San Nicola per assistere alla partita fra Bari e Avellino, fra cui 21.946 paganti, 430 abbonati e 373 tifosi ospiti.

Mancato di poco il record stagionale, stabilito grazie ai 24.332 tifosi che hanno affollato l'astronave di Renzo Piano in occasione della partita con la Fidelis Andria. Resta in ogni caso l'enorme dimostrazione d'affetto del pubblico barese, che ha voluto festeggiare con la squadra la promozione in Serie B.
tuttobari.com



10.04.22 - Frattali super, Maita mattatore. Vivace Mallamo, impreciso Simeri. Le pagelle
Un Bari già promosso in serie B batte l'Avellino 1-0 grazie alla perla di Maita a fine prima frazione. Nella ripresa Frattali protagonista con tre interventi provvidenziali.

Di seguito le pagelle:

FRATTALI 7.5 Prestazione superlativa. Nella seconda frazione si esalta con tre parate da urlo;

BELLI 6 Prestazione solida. Bloccato sull'out destro, pensa più a difendere che ad attaccare;

TERRANOVA 6.5 Dalle sue parti raramente si passa. Sempre più leader della difesa;

DI CESARE 6 Attento a non concedere spazi alle punte ospiti;

RICCI 6.5 Più propositivo di Bellli. Nei primi 45 minuti è una spina nel fianco per la difesa campana;

MAIELLO 6.5 Metronomo induscusso del Bari. Gestisce la sfera al meglio;

MAITA 7.5 Realizza il suo secondo gol in campionato e lo fa con una prodezza balistica da vedere e rivedere;

MALLAMO 6.5 Regala giocate importanti e spesso risulta imprendibile per gli avversari. Cala nel secondo tempo;

SCAVONE 6 Partita di sostanza e quantità. Pochi i suoi inserimenti senza palla;

ANTENUCCI 6 Cerca di dare qualità alla manovra con giocate importanti che non sempre gli riescono;

SIMERI 5.5 Segna ma la rete gli viene annullata. Poi combina poco dalle parti di Forte;

BIANCO 5.5 Opaco, non riesce a dare qualità ed interdizione alla mediana;

MISURACA 6 Gestisce palla e tenta di far ripartire i suoi;

CITRO 6 Regala maggiore vivacità all'attacco;

D'ERRICO sv

CHEDDIRA sv

MIGNANI 6.5 Sesto successo nelle ultime sette gare. Nonostante l'aritmetica promozione già acquisita, il suo Bari vince ancora una volta.
tuttobari.com

 

 

10.04.22 - Bari-Avellino dove vederla: Sky, Rai o Eleven Sports? Canale tv, diretta streaming, formazioni della partita
Passerella casalinga per il Bari appena promosso, Avellino a caccia di punti: tutto sulla sfida, dalle formazioni a dove seguirla in TV e streaming.

Partita: Bari-Avellino
• Data: 10 aprile 2022
• Orario: 17:30


Canale TV: Eleven Sports
• Streaming: Eleven Sports e OneFootball


Passerella casalinga per il Bari che, dopo l'aritmetica certezza della promozione in Serie B, affronta le ultime tre giornate di campionato con animo sereno. Al San Nicola arriva l'Avellino a caccia di punti importanti per l'arrivo in volata per il secondo posto. Sfida che si preannuncia interessante e ricca di spunti.

Il Bari ha 75 punti, frutto di 22 vittorie, 9 pareggi e 4 sconfitte con 56 reti fatte e 28 subite. Nelle ultime cinque gare i punti conquistati sono stati 13 con 4 vittorie e 1 pareggio. Al San Nicola con 37 i punti con 11 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte.

L'Avellino, invece, ha 62 punti con 16 vittorie, 14 pareggi e 5 sconfitte con 44 reti fatte e 25 subite. Tre vittorie, un pareggio e una sconfitta nelle ultime cinque gare. Lontano dal Partenio i punti sono 30 con 8 vittorie, 6 pareggi e 3 sconitte con 19 reti fatte e 11 subite.

In questa pagina troverete tutte informazioni relative a Bari-Avellino, dalle formazioni a dove seguire la gara in diretta TV e streaming.


ORARIO BARI-AVELLINO

La gara tra Bari e Avellino, gara valevole per la 36/a giornata di Serie C, si giocherà domenica 10 aprile alle 17:30 presso lo stadio "San Nicola" di Bari
DOVE VEDERE BARI-AVELLINO IN TV

Sarà possibile seguire Bari-Avellino in diretta TV su Eleven Sports: per farlo bisognerà scaricare l'app sulle moderne Smart TV e, dopo aver attivato l'abbonamento dedicato, selezionare l'evento.
BARI-AVELLINO IN DIRETTA STREAMING

Bari-Avellino potrà essere seguita anche in diretta streaming sempre su Eleven Sports: una volta registrati e aver attivato l'abbonamento sarà sufficiente accedere al sito della piattaforma e selezionare l'evento. In alternativa ci sono OneFootball, in pay-per-view, e 196 Sports, piattaforma di streaming dedicata ai residenti all'este
PROBABILI FORMAZIONI BARI-AVELLINO

BARI (4-3-1-2): Frattali; Pucino, Celiento, Di Cesare, Ricci; Maita, Maiello, D'Errico; Citro, Antenucci, Cheddira.

AVELLINO (3-5-2): Forte; Bove, Scognamiglio, Silvestri; Ciancio, Di Francesco, Aloi, Kragl, Mignanelli; Murano, Kanoute.
goal.com

 

 

08.04.22 - Bari, è già futuro. Due rinnovi, e in tre sono stati riscattati. Anche De Risio in B: il motivo
Il Bari può programmare già il futuro. I biancorossi, finalmente in B, stanno già iniziando la loro opera di costruzione. TeleBari dà notizia di due rinnovi: Paponi e Polverino, in scadenza, hanno prolungato i loro accordi.

C'è di più, l'aritmetico salto in B, ha fatto scattare le acquisizioni a titolo definitivo da parte del Bari di quelli che fin qui erano tre calciatori in prestito. Da Terranova (Cremonese) a Galano (Pescara), passando per Maiello (Frosinone). Ora i tre giocatori sono interamente di influenza biancorossa. Tasselli importanti per programmare, fin da subito, la cadetteria.

Ai rinnovi si aggiunge infine, per tipologia di contratto, anche De Risio (ora al Pescara in prestito). Il centrocampista aveva sottoscritto una clausola di prolungamento automatico (di un anno) in caso di Serie B. Pur fuori dai piani, sarà calciatore da considerare nel prossimo calciomercato.
tuttobari.com

 

 

07.04.22 - LDL: "Bari e Napoli? Il dualismo è da risolvere il prima possibile. Qui tanti amici. Mi piacerebbe produrre una serie"
Al sito del Corriere del Mezzogiorno, nuove dichiarazioni del presidente del Bari, Luigi De Laurentiis. Il numero uno biancorosso è tornato sul tema della multiproprietà, al centro di forte dibattito, a maggior ragione dopo la promozione in B. "Vogliamo avere il tempo per fare le cose per bene, consapevoli che però c’è da risolvere il dualismo il prima possibile. Su questo siamo molto determinati a fare la cosa migliore possibile", la spiegazione di LDL.

Forte il legame con Bari... "Ho trovato tanti amici, non solo imprenditori, e qui ho costruito un progetto su mia misura, cosa che mi rende particolarmente orgoglioso. E poi non è facile allontanarsi dopo tutti questi anni di impegni importanti da tutti i punti di vista, economici e personali. Amo questa realtà".

La prospettiva, ora, è anche televisiva... "Mi piacerebbe produrre una serie di 10 puntate sul Bari con un grande network tv".
tuttobari.com



07.04.22 - Multiproprietà, spunta la data del primo ricorso dei De Laurentiis
Come noto a partire dal 30 giugno 2024 la multiproprietà non verrà contemplata dalle norme della Federcalcio italiana. Sono due i club in Italia in ballo: Napoli-Bari e Mantova-Verona. È altrettanto noto che Aurelio e Luigi De Laurentiis sono pronti a dare battaglia, in quanto negli scorsi mesi hanno presentato ricorso contro questa nuova regola. Come riporta l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport, il 27 aprile il Tribunale Federale discuterà il ricorso preparato dall’avvocato Mattia Grassani e firmato dai De Laurentiis in proprio, Napoli, Bari e Filmauro. Ma il percorso giuridico potrebbe essere lungo e non esaurirsi nell’ambito sportivo: dopo i tre gradi di giudizio interni al sistema, ci sono il Tar, il Consiglio di Stato e in ultima istanza persino la Corte di Giustizia Europea di Lussemburgo.
tuttobari.com



07.04.22 - Sconcerti: "Multipropietà? Bari è già fuori regola. C'è un ultimatum per i DeLa"
"Non importa che venga in Serie A, il Bari è già fuori regola, infatti ora c'è una deroga. Da qualche mese c'è un ultimatum che impone entro i 2024 ai De Laurentiis di scegliere una tra Napoli o Bari. Una sarà venduta. Ha avuto due anni di tempo per trovare un compratore e mi sembra una cosa più giusta di come ci si è comportati con la Salernitana". Questo il pensiero sulla multiproprietà del noto giornalista Mario Sconcerti ai microfoni di TMW Radio.
tuttobari.com

 

 

05.04.22 - LDL a sorpresa: "Io presidente del Napoli?..." Ecco la sua risposta!
Interessante dichiarazioni di Luigi De Laurentiis a Radio Punto Nuovo. Il presidente ha parlato ovviamente della tematica multiproprietà, che obbliga la sua famiglia a cedere un club tra Napoli e Bari. A domanda sulla possibilità di diventare il nuovo presidente degli azzurri, LDL ha così risposto: "Ho passato tanti anni nelle retrovie: Napoli è un'astronave, una macchina molto importante. Quando ci sarà l'opportunità - riporta areanapoli.it - vedremo che cosa accadrà: questi a Bari sono stati 4 anni molto importanti. Scudetto del Napoli? Lo aspettiamo, speriamo".
tuttobari.com



05.04.22 - Polito: "LDL è il presidente che tutti sognano. L'ossatura per la B c'è già. Avellino e Catanzaro? Solo chiacchiere"
Nella lunghissima conferenza stampa Ciro Polito, direttore sportivo del Bari, si è poi proiettato alla prossima stagione: "Ogni torneo ha le sue forze, in Serie B c’è tanto equilibrio. Si investono tanti milioni ma non sono sinonimo di vittoria. Per me possiamo innestarci con giocatori di categoria, ne abbiamo tanti che hanno fatto anni di B ma anche di A. Alcuni sono pronti come Maiello. Bisogna cambiare ma l’ossatura non va stravolta, andando a mettere tasselli per un Bari forte. Nella rosa ci sono tanti giocatori che possono fare la B ad alto livello. Mallamo? E' dell’Atalanta. A fine stagione ritornerà alla sua proprietà. L’ho già avuto a Castellamare, se posso lo riprendo domattina, vediamo che ci dice diranno".

Il rapporto con Luigi De Laurentiis: "E' il presidente che tutti sognano, ma non solo per me, anche per la città. La gente si aspetta sempre tanto, la loro paura era rimanere in C. Mi ha contattato dopo la discussione di Ascoli, all'inizio non ho risposto perchè pensavo fosse un giornalista, e mi ha mandato un messaggio. L’ho conosciuto al momento delle mie dimissioni, che però non erano state ancora accettate. Ero disponibile al Bari qualora si rompesse con i bianconeri, avevo bisogno di 7-10 giorni, non volevo essere scorretto. Aveva incontrato tanti direttori e ha pensato fossi la persona giusta. Poi io ho scelto Mignani, l'equilibrio è sacro, altrimenti nei momenti di difficoltà il mister sa che il direttore non ti ha scelto e l'effetto può essere molto controproducente".

Le accuse e critiche arrivate nel corso dell'anno dagli avversari: "Sassolini ne avrei talmente tanti che le scarpe non bastano. Faccio riferimento alle due nostre antagoniste, Avellino e Catanzaro. Venivano da un secondo posto a pari merito ed avevano lo stesso organico e tecnico. Hanno avuto la fortuna di programmare prima la stagione, facendo operazioni su misura. Noi avevamo l'handicap del mercato, Covid in ritiro ed alla prima eravamo in 15 giocatori con Sabbione in campo che era già stato venduto. E' meglio pensare a casa propria. Non abbiamo mai parlato di altri, ma nemmeno lamentati e soprattutto senza discriminare gli altri. Braglia perde in casa e pensa a noi. Bisogna fare i fatti, essere giusti ed onesti, le chiacchiere stanno a zero. Hanno parlato che la differenza tra Bari e Catanzaro è stata di un rigore. Un rigore vale 13 punti? Forse facciamo uno sport diverso. Il Catanzaro ha avuto degli episodi clamorosi a favore come contro Andria e Catania, ma non abbiamo detto niente. Mi dispiace per le parole Pelliccioni ma anche di Foresti che si è permesso di parlare del nostro presidente. Alla fine quello che hai e quello che ti sei meritato".

Sui complimenti: "Ne ho ricevuti tanti anche durante la stagione. Tra 2 mesi saremo in battaglia e saranno dimenticati. Non mi cullo sui successi. Certe volte sono pesante ma mi tengo pregi e difetti. Ho iniziato a fare il ds il giorno dopo che ho finito di giocare. Carboni (Guido, ex mister anche del Bari) mi disse che avevo una dote per questo mestiere. Ho raggiunto grandi successi ma vorrei arrivare in Serie A come ho fatto da giocatore. Magari fare la stessa carriera se non anche meglio".

I momenti clou della stagione: "Il rigore di Pagani mi ha fatto capire che era il nostro anno. Poi anche lo scontro diretto a Catanzaro. Ora abbiamo 3 partite da giocare ma vogliamo allungare ancora di più il gap e giocheremo la Supercoppa per vincerla".
tuttobari.com

 

 

05.04.22 - La promessa di Polito: "Creeremo un grande Bari". Cosa serve ora per la B
Domenica 3 aprile rientra ufficialmente tra le date storiche del Bari calcio. La promozione in Serie B rappresenta, infatti, il primo passo dopo l’incubo fallimento per una società chiamata ancor di più a soddisfare le ampie aspettative e i sogni dei tifosi. Non a caso, anche nel bel mezzo dei festeggiamenti, i supporter hanno iniziato a guardare al futuro con grande entusiasmo e speranze, pensieri subito rafforzati dalle prime dichiarazioni di Polito, che ha parlato di voler costruire un grande Bari.

Una promessa non banale per un direttore che in pochi mesi ha già mostrato le sue doti umane e gestionali. Nelle prossime settimane la squadra potrà sfruttare l’enorme entusiasmo dell’ambiente per concludere al meglio il campionato e fare bella figura nella Supercoppa di Serie C ma intanto il ds inizierà a valutare le prime mosse verso la prossima stagione. La rosa del Bari ad oggi è ricca di elementi di qualità ed esperienza, già pronti per il campionato cadetto. Questo però non basterà, visto che le alte mire di proprietà e piazza, proietteranno la squadra ad un calciomercato di un certo spessore. Analizzando la rosa e l’aumento delle difficoltà complessive relative al salto di categoria è facile auspicarsi operazioni che incrementino sia il tasso tecnico ma anche la freschezza e l’esuberanza nella rosa, tenuto anche conto del regolamento delle liste, che limita gli over ad appena 18 unità (+2 giocatori bandiera) mentre ora sono ben 24.

Il reparto che necessita delle novità più significative è rappresentato sicuramente dall’attacco. In attesa di comprendere l’eventuale ma probabile riscatto di Cheddira dal Parma, serviranno comunque almeno un paio di elementi affamati di gol (gente da doppia cifra) e già rodati nella categoria, da affiancare ad Antenucci. Profili importanti e simili a quel Falcinelli, sfiorato nella sessione invernale. La qualità non dovrà mancare anche in fase di rifinitura, dove pare necessario un alter ego di Botta, capace di svariare sulla trequarti e agevolare le dinamiche offensive.

In mediana la base è importante, con il trio composto da Maiello, Maita e D’Errico, praticamente certo di una riconferma. L’ideale sarebbe affiancarli a figure dalle caratteristiche complementari, 2-3 figure capaci di fornire corsa, fisicità ma anche maggior presenza in area di rigore, di conseguenza, qualche gol in più. Chiosa finale sul pacchetto arretrato. Al centro si reclama da anni un giocatore più rapido e questa volta appare davvero una priorità mentre ai lati si potrebbe puntare ad un paio di elementi, tra una maggiore costanza di rendimento e la capacità di strappi offensivi.  
tuttobari.com



05.04.22 - De Laurentiis: "Cedere il Bari? Viene voglia di non lasciare"
La promozione in Serie B dei galletti ha riportato in auge la questione della multiproprietà, che vede coinvolti il Bari e la famiglia De Laurentiis. Intervistato da Sky Sport in occasione della vittoria del campionato di Serie C, il presidente Luigi De Laurentiis si è espresso sull'argomento. Ecco le sue parole:

"Viene voglia di non lasciare? È così, vedremo. Ci abbiamo messo il cuore e la faccia, questo gruppo l’ha meritata. - riporta alfredopedulla.com -  È stato un grandissimo lavoro di squadra. Bari in B e scudetto al Napoli? Sarebbe un regalo pazzesco. Io ce l’ho fatta, vedremo il Napoli. Papà, adesso tocca a te“.
tuttobari.com



05.04.22 - Cassano: "Il Bari è da Serie A. LDL eccezionale: il suo un capolavoro"
Antonio Cassano si unisce al coro di ex che, in queste ore, stanno riservando messaggi per il ritorno in B del Bari.

Su Instagram, il commento di Fantantonio: "Il Bari, dove sono nato, è tornato in una categoria che gli compete. Anzi, il Bari è da Serie A. Ha fatto un lavoro eccezionale il tecnico, e soprattutto Luigi De Laurentiis. Il suo è un capolavoro, è già la seconda promozione. Adesso il Bari lo aspettiamo in Serie A...".
tuttobari.com

 

 

03.04.22 - Decaro: "Abbiamo lasciato l'inferno. Adesso non fermiamoci"
Il sindaco di Bari Antonio Decaro, presente a Latina assieme alla società, ha parlato ai microfoni di Radio Bari. Ecco le due parole: "Abbiamo lasciato l'inferno e adesso il cammino non si ferma qua. Il destino ha voluto che la promozione arrivasse proprio a Latina. Quattro anni fa sembrava tutto finito. Allo stadio della Vittoria ci guardammo negli occhi con i tifosi e ci dicemmo che il calcio a Bari non poteva finire in quell' estate. Dobbiamo andare più su, non fermiamoci".
tuttobari.com



03.04.22 - Polito esulta: "Festa meritata. Quest'estate eravamo in cinque. Bravo Mignani"
"Festa meritata, sofferta. Non posso che ringraziare questi ragazzi encomiabili. In ritiro quest'estate eravamo in cinque, per il Covid. Il Bari ha strameritato questo campionato". Così Polito a Eleven Sports. Grande artefice della ricostruzione dei biancorossi, il diesse ha spiegato: "Volevo una squadra di 24 titolari, e così è stato. Mignani? E' stato bravo in tutto il campionato. Dopo il momento no, ci siamo rinchiusi tra di noi. E abbiamo ritrovato gli attributi. Quando iniziamo a ricostruire? Ora si fa festa, per costruire c'è tempo".
tuttobari.com



03.04.22 - La gioia di Mignani: "Promozione meritata. Abbiamo sbagliato pochissimo"
Il tecnico del Bari Michele Mignani, al termine della gara con il Latina grazie ad un gol di Antenucci al 22’, ha parlato ai microfoni di Eleven Sports esprimendo tutta la sua gioia per la aritmetica promozione in B dei galletti.

Queste le parole del tecnico:“Si è trattato di un anno intenso e difficile. In questa piazza, c’era solo un obiettivo. I ragazzi sono stati meravigliosi, ed anche l’ambiente ci ha aiutato tanto, i tifosi e chi lavora in società. Abbiamo sbagliato pochissimo, vincendo molti scontri diretti. Fino all’ultimo secondo della partita di oggi, eravamo in tensione. Il Latina oggi è partito bene, poi siamo cresciuti noi e ci siamo meritati questa vittoria e questa promozione.”
tuttobari.com



03.04.22 - Di Cesare muro, Maiello al top in cabina di regia. Antenucci encomiabile. Le pagelle dei biancorossi
Il Bari vince al Francioni di Latina e conquista l'aritmetica promozione in serie B. Nel primo tempo Antenucci sfrutta l'assist di Ricci e, grazie ad una deviazione, batte Tonti. A fine gara l'esplosione di gioia di tutto il popolo biancorosso presente in terra laziale.

Di seguito le pagelle dei biancorossi:

FRATTALI 6 Poco impegnato. Dirige bene la retroguardia;

PUCINO 6 Presidia con attenzione la sua zona di campo, senza lasciar spazio alle avanzate dei nerazzurri;

CELIENTO 6.5 Chiude tutti i varchi alle punte di casa. Prestazione solida;

DI CESARE 7 Capitano, leader del reparto difensivo e non solo. Disputa una gara quasi perfetta;

RICCI 6.5 Serve un assist perfetto per il vantaggio biancorosso di Antenucci;

MAIELLO 7 Prova maiuscola per l'ex regista del Frosinone. Imposta e fa legna, mostrando tutte le sue qualità da calciatore di categoria superiore;

MAITA 6.5 Quando non ci arrivano i suoi compagni, c'è Mattia Maita. Ci mette la solità qualità e quantità;

D'ERRICO 5.5 Meno brillante del solito. Non sempre gli riescono le giocate;

CITRO 6 Nell'inedito ruolo di trequartista non sfigura. Cerca di dare qualità alla manovra;

ANTENUCCI 7 Segna il suo 17esimo gol in campionato. Poi sbaglia un calcio di rigore ma l'impegno e il sacrificio restano encomiabili;

CHEDDIRA 5.5 Nel primo tempo cerca di rendersi pericoloso con le sue accelerazioni. Cala nel secondo tempo;

SIMERI 6 Fa a sportellate con i difensori pontini, cercando di far salire la squadra;

SCAVONE 6 Conferisce maggiore fisicità al centrocampo;

MALLAMO sv

MISURACA sv

TERRANOVA sv

MIGNANI 7 Al Francioni un Bari non spettacolare ma solidissimo. I suoi ragazzi rischiano pochissimo e conquistano i tre punti decisivi per l'approdo in cadetteria.
tuttobari.com

 

 

02.04.22 - A Latina la resa dei conti: pronto il B-Day. Due grandi dubbi per Mignani
Domenica il D-Day, o meglio il B-Day. Vincendo al Francioni, sarebbe matematica la promozione in B, il giusto coronamento per un triennio ingeneroso per i galletti al terzo livello calcistico italiano. Annate turbolente e segnate dall'amarezza hanno accompagnato i De Laurentiis in Lega Pro, ma finalmente si vede la luce in fondo al tunnel. A guidare la spedizione di Latina Michele Mignani, ex della gara, che dopo il grande rammarico di aver bloccato la festa biancorossa, esige di ritornate a Bari con la sua squadra in B.

Per farlo occorrerà la migliore prestazione stagionale, a fronte di un avversario lodato in conferenza stampa per il suo spirito battagliero, tutta la copia del proprio tecnico (Di Donato). In casa Bari, però, non si vuole far sfumare un'altra occasione e l'obiettivo è quello di chiudere i giochi, per lasciarsi andare - finalmente - alla festa. Testa e cuore sono sul rettangolo verde: guai a farsi distrarre dai risultati sugli altri campi, che domenica scorsa hanno condizionato la gara di Maita e compagni.

Mignani ha preparato la sfida ancora più minuziosamente delle altre domeniche. Non serve parlare molto in questi casi: a questi livelli ognuno ha dentro di sé le motivazioni giuste. In campo, ovviamente, il miglior undici a disposizione. Cheddira- Antenucci davanti, a centrocampo il consueto trio Maita-Maiello-D'Errico, mentre Di Cesare prenderà il posto al centro accanto a Terranova complice la squalifica di Gigliotti. Il giorno della possibile festa, del resto, non può mancare chi è sceso dalla A alla D per sposare questo progetto. Sulle fasce ancora Celiento e Mazzotta.

Due i grandi dubbi per il tecnico ligure: Botta o Galano? Frattali o Polverino? Nel primo caso bisogna scegliere tra il genio argentino o le motivazioni a mille, di chi otto anni fa c'era e non ha mai dimenticato. Un dilemma amletico, tra due giocatori non in perfette condizioni fisiche, ma che se chiamati in causa scenderanno in campo col coltello tra i denti. In porta, invece, viaggia verso il ritorno Frattali. Per chi da tre anni ha vissuto l'inferno della Lega Pro, sarebbe il giusto riconoscimento alzare in alto le braccia e versare lacrime di gioia. A Latina la giusta resa dei conti, per quello che è stato e che Bari non ha avuto, ma merita.
tuttobari.com

 

 

31.03.22 - Latina-Bari: ok il maxischermo al San Nicola, costo del biglietto in beneficenza
Si va verso l'ok per il maxischermo al San Nicola in occasione del match tra Bari e Latina. Come riporta RadioBari, il costo del biglietto sarà simbolico e devoluto in beneficenza alla Croce Rossa Italiana per le iniziative a sostegno del popolo Ucraino. 15.000 persone potranno vedere insieme il match di Latina. L'iniziativa sarà promossa dalla SSC Bari in collaborazione con PugliaPromozione. Il maxischermo dovrebbe essere posizionato fronte Curva Nord.
tuttobari.com

 

 

30.03.22 - Auriemma clamoroso: "Per me si venderà il Napoli. Arrivata offerta", eccole info!
Continuano i rumor sulla possibile vendita del Napoli. L'evento, che porterebbe riflessi evidentemente anche a Bari, interessa non poco. Sarà il club partenopeo, davvero, a passare di mano? I De Laurentiis proseguirebbero, così, la loro corsa in Puglia, senza vendere la squadra, obbligati dal regolamento sulle multiproprietà.

A Si Gonfia la Rete, come riportato da SpazioNapoli, il giornalista Auriemma ha spiegato: "Da quello che so io, è arrivata un’offerta a De Laurentiis da parte di un fondo qatariota. L’offerta si aggira sui 400 milioni di euro ma è ancora troppo bassa per il Napoli. Secondo me, tra Napoli e Bari, si deciderà di cedere gli azzurri perché si è arrivati all’apice della storia".
tuttobari.com



30.03.22 - Più di 24mila spettatori: Bari nella top 10 delle presenze, meglio del Lecce e di tanta A: I dati!
Attraverso il proprio sito ufficiale, il Bari ha mostrato i numeri incredibili degli spettatori del match contro la Fidelis Andria. La partita è stata visto dal vivo da più di 24 mila persone, dato che mette la società pugliese all'ottavo posto tra i record stagionali di presenze allo stadio delle squadre italiane. Di seguito il comunicato del club:

È mancato solo il gol nel derby pugliese della 34a giornata tra Bari e Fidelis Andria giocato davanti ad una cornice di pubblico da brividi.
Ben 24.332 spettatori hanno colorato gli spalti del San Nicola cantando ed incitando i 22 in campo per tutti i 90’ di gioco. Uno spettacolo di altra categoria confermato dai dati che piazzano il numero di presenze fatto registrare ieri all’8° posto tra i record stagionali di presenze delle squadre italiane. Un dato di assoluto prestigio se si considera che spesso, in Massima Serie, sono le tifoserie ospiti a fare la differenza (al San Nicola la massima capienza del settore ospiti è al momento ferma a 967 posti)
Il Bari vanta un totale di 147.401 spettatori nelle 17 gare casalinghe disputate e per ben due volte si è superata la soglia dei 20.000, con Foggia e Fidelis appunto, senza contare gli oltre 11.000 della sfida contro il Taranto (contro Foggia e Taranto trasferta vietata ai tifosi ospiti).  

Nel Girone C solo il Palermo può vantare una gara con affluenza superiore alle 10 mila presenze (11.402 contro la Fidelis Andria, ma in quell’occasione i biglietti al ‘Barbera’ costavano €1).
Per avere un’idea più dettagliata sul trend generale, basta guardare ai dati riferiti a partite particolarmente sentite: lo scontro al vertice del ‘Ceravolo’ di Catanzaro ha fatto registrare 7.614 presenze, 9.239 il derby siciliano tra Catania e Palermo, 4.900 la sfida tra Avellino e Bari.

Nel Girone B i dati dicono che nessun impianto ha ancora raggiunto le 100 mila presente totali (la Reggiana ha da poco superato gli 83.000, ma in 18 gare, il Cesena è a quota 72.437) e solamente il derby al vertice tra Reggiana e Modena ha superato la soglia dei 10 mila (10.594). Nel Girone A i numeri sono nettamente inferiori: la vetta fino ad ora si è registrata nello scontro al vertice tra Padova e Sudtirol (3.042 spettatori), seguito dal derby Trento-Sudtirol (2.500), che le medie del girone sono lontane dai 2.000 e che, dopo 17 incontri casalinghi, il Padova ha fatto registrare 28.014 presenze totali.

Se i numeri della Lega Pro non reggono il confronto con quelli fatti registrare dall’impianto di Via Torrebella, non regge la potenzialità del catino biancorosso neanche la Serie B che propone il Lecce come piazza più passionale. Ma anche i dati fatti registrare dai salentini, che detengono il record stagionale di categoria, rappresentato dai 18.765 di Lecce-Parma (nessun’altra partita ha superato i 10 mila), sono indietro rispetto al Capoluogo pugliese: totale di presenze dopo 15 partite per i giallorossi pari a 122.151, unica squadra oltre i 100.000, e media spettatori fissata a 8.143, ben al di sotto degli 8.670 di sponda barese.

Dopo aver attraversato mesi di limitazioni, restrizioni e tanto, troppo silenzio, il ‘12°’ uomo biancorosso è tornato ancora una volta a far sentire la sua voce, forte, decisa, ed è ora pronto per questo finale di stagione da vivere con l'entusiasmo e la passione di sempre. Di seguito alcuni dati raccolti dal sito specializzato ‘stadiapostcards.com’:
BARI - Lega Pro Gir. C
Record stagionale: 24.332 Bari-Fidelis Andria
Spettatori totali: 147.401 (dopo 17 partite)
Media spettatori: 8.670

PADOVA - Lega Pro Gir. A
Record stagionale: 3.042 Padova-Sudtirol
Spettatori totali: 28.014 (dopo 17 partite)
Media Spettatori: 1.648

REGGIANA - Lega Pro Gir. B
Record stagionale: 10.594 Reggiana-Modena
Spettatori totali: 83.289 (dopo 18 partite)
Media spettatori: 4.627

LECCE - Serie B
Record stagionale: 18.765 Lecce-Parma
Spettatori totali: 122.151 (dopo 15 partite)
Media spettatori: 8.143

Serie A
Record stagionale: 56.649 Inter-Napoli
Spettatori totali: 605.812 Roma (dopo 16 partite. Inter 577.643 in 15; Milan 553.269 in 15)
Media spettatori: 38.510 Inter
Record stagionale spettatori Serie A al 28.03.22

Inter: 56.649 (contro Napoli)
Milan: 56.608 (contro Inter)
Roma: 51.932 (contro Lazio)
Lazio: 45.000 (contro Juventus)
Napoli: 41.000 (contro Milan)
Fiorentina: 32.567 (contro Milan)
Juventus: 29.886 (contro Atalanta)

(BARI: 24.332 contro Fidelis Andria)

Bologna: 22.394 (contro Juventus)
Verona: 22.314 (contro Juventus)
Genoa: 19.983 (contro Sampdoria)
Salernitana: 19.500 (contro Juventus)
Udinese: 16.835 (contro Milan)
Sampdoria: 16.664 (contro Juventus)
Torino: 15.363 (contro Inter)
Atalanta: 14.469 (contro Roma)
Cagliari: 12.309 (contro Milan)
Empoli: 11.890 (contro Juventus)
Sassuolo: 10.400 (contro Inter)
Venezia: 8.350 (contro Juventus)
Spezia: 8.107 (contro Roma)

Dati www.stadiapostcards.com

tuttobari.com

 

 

29.03.22 - Dg Catanzaro: "Mi sono rotto i cogl...i! Arbitraggio assurdo, deluso e schifato. Da Bari in poi, finitela"
Il pareggio in casa della Juve Stabia ha scatenato la rabbia di Diego Foresti, direttore generale del Catanzaro, che in sala stampa si è sfogato sulla direzione arbitrale: "Abbiamo deciso di non far venire a parlare il mister perché voglio solo parlare di un fatto che ormai è perenne ed automatico. Anche oggi si è visto un arbitraggio assurdo nei nostri confronti, premetto che la Juve Stabia ha fatto la sua partita e che è una società amica. Ma vedere ciò che si è visto nel primo tempo, esattamente la mano perpendicolare al corpo larga in mezzo all'area e a noi con questo sistema ci hanno dato tre rigori contro e a noi non lo fischiano, poi soprattutto con l'espulsione del capitano mi sembra che abbiamo toccato il fondo. Ci siamo veramente rotti i co****ni, vorremmo avere il giusto: non è possibile che nell'arco di un campionato una squadra che lotta per vincere il campionato ha due soli episodi a favore, ad Andria e in casa col Catania un rigore che magari non c'era ed era lo stesso arbitro di oggi. A pensare male si fa peccato. Non è giusto partire sempre da sotto. Da Bari in poi, dopo quel rigore che tutti hanno visto, a Monopoli uguale, domenica scorsa abbiamo vinto ma ci hanno annullato un gol regolare di due metri. Basta, dai su, finitela. Io non sono arrabbiato, sono deluso perchè mi dispiace per la proprietà. Sono schifato dagli atteggiamenti. Non ci sto più a vedere tutte le domeniche qualcuno che decide chi vive e chi muore".
tuttobari.com

 
Copyright © 2022 BARITUBE - SSC Bari calcio, video, foto, notizie, forum. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.